infermiera 118
E’ successo all’alba, mamma e bimbo stanno bene. Per l’infermiere non è la prima volta: “Mi era già capitato, è strano e bellissimo seguire una nascita per telefono. Ho chiesto di mantenere la calma e dato istruzioni”

Il parto in autostrada “pilotato” dall’operatore del 118 La chiamata al 118 è arrivata alle 6.30: “Erano spaventati, ma hanno mantenuto la calma e hanno ascoltato tutti i nostri consigli via telefono”, racconta Alessio Cavalera, infermiere genovese di 39 anni. Dall’altra parte della cornetta una coppia presa alla sprovvista: lei, all’ottavo mese di gravidanza, aveva rotto all’improvviso le acque mentre viaggiavano in camper, tornando dalle vacanze verso casa, in Piemonte. E non c’è stato il tempo di raggiungere casa o un ospedale: il parto è avvenuto lì, al casello di Recco dove hanno accostato. Con l’infermiere a dare istruzioni al telefono. È nato un bel maschietto, ora sta bene ed è ricoverato al San Martino con la madre per le visite necessarie.

Un parto non convenzionale, ma Cavalera era a suo agio perché di nascite dietro la cornetta è ormai un esperto: “Incredibilmente è la seconda volta che mi capita di seguire un parto telefonicamente. Una bella sensazione, perché di solito al 118 abbiamo a che fare con tragedie, questo invece è un evento eccezionale, sono stato fortunato”. Ma le emozioni sono venute dopo: “Lì per lì non bisogna farsi coinvolgere. Ho cercato di farli stare tranquilli dando le istruzioni necessarie. L’ambulanza intanto stava arrivando, ma il bambino aveva fretta. Allora abbiamo fatto al telefono: ho detto loro di rimuovere i vestiti, fare sistemare la donna in una posizione comoda, e poi spingere in concomitanza con le contrazioni. Il padre ha accompagnato la fuoriuscita del bambino, che per fortuna respirava, quindi ho spiegato come coprirlo e come legare il cordone ombelicale, poi di adagiare il piccolo sul petto della madre attendendo l’ambulanza”. Oggi l’infermiere andrà a trovare la famiglia al San Martino. Non la scorderà questa esperienza, “anche perché è insolito un parto del genere, non capita tutti i giorni. Il messaggio che voglio mandare a tutti? Spesso quando si chiama il 118 si è restii a dialogare con l’operatore, e si chiede solo l’ambulanza. In questo caso è andata bene perché hanno mantenuto

la calma, risposto a tutte le domande e seguito scrupolosamente le istruzioni. È questo il modo giusto di affrontare le emergenze”.

 

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione