radiologiaDa Quotidiano sanita 12 AGO – Gentile Direttore,
ancora una volta i Tecnici Sanitari di Radiologia Medica della Regione Sicilia manifestano la loro preoccupazione in merito alle “Linee d’indirizzo regionali per la rideterminazione delle dotazioni organiche” approvate recentemente all’ARS. Ci rendiamo conto del particolare momento per la sanità italiana, visti gli ulteriori ultimi tagli, ma per la Sicilia la situazione è catastrofica, ormai insostenibile. Negli anni scorsi si è provveduto a dotare la Regione di numerose apparecchiature radiologiche con risorse del POFESR 2007/2013, necessarie a creare poli di eccellenza e recuperare i nostri pazienti, costretti ai famosi viaggi della speranza presso le strutture sanitarie del centro-nord. L’incremento delle tecnologie non è stato accompagnato dalla necessaria rimodulazione delle dotazioni organiche e il risultato è stato che per anni (almeno gli ultimi 3), queste hanno funzionato molto poco, certamente non come avrebbero dovuto e potuto.

Premesso quanto sopra, oggi ci troviamo di fronte ad uno strumento, appunto le Linee di indirizzo, che se applicato pedissequamente genererà un esubero di personale TSRM di circa il 30%, esubero di professionisti che già oggi risultano assolutamente non sufficienti rispetto alle necessità: ribadiamo con fermezza, assumendocene la responsabilità e chiedendo una verifica in tal senso dagli organi competenti, che le tecnologie introdotte nell’ultimo triennio sono sottoutilizzate a causa, anche, della mancanza di personale TSRM. Di seguito citiamo testualmente quanto riportato nelle Linee di indirizzo che indicano il metodo per il calcolo delle piante organiche, metodo che produrrebbe un paradossale rapporto 1,5/1 tra personale medico radiologo e TSRM, rapporto in assoluta controtendenza rispetto a quanto previsto dal comma 566 della legge di stabilità, relativo all’ampliamento delle competenze e valorizzazione delle professioni sanitarie.

“In particolare, il fabbisogno previsto dei radiologi dovrà essere rapportato al numero e alla tipologia di tecnologie presenti o utilizzate (TAC, RM, PET-TAC, Gamma Camera, etc.) e comunque dovrà essere collegato al volume di attività e alle esigenze di efficientamento dell’uso delle tecnologie ai fini anche della riduzione e del governo dei tempi di attesa.”
“Per quanto riguarda le altre figure non dirigenziali del ruolo sanitario (tecnici sanitari di radiologia medica, Tecnici di Laboratorio Biomedico, Personale con funzioni di riabilitazione, Ostetriche, ecc.) ai fini della determinazione della dotazione organica occorrerà prendere a riferimento un parametro variabile da un minimo di 0,175 ad un massimo di 0,225 per posto letto. Il predetto parametro è incrementabile fino ad un massimo del 10% in relazione ai volumi di attività ambulatoriale rivolta all’utenza esterna.”

Pertanto, chi ha irresponsabilmente validato quanto previsto dalle Linee di indirizzo, ovvero calcolare il fabbisogno dei Medici Radiologi in rapporto alle apparecchiature presenti nella struttura ed invece il fabbisogno dei Tecnici di Radiologia, gli unici operatori sanitari abilitati dallo Stato all’utilizzo ed al corretto funzionamento delle apparecchiature radiologiche anche ai fini dell’ottimizzazione, in base ai posti letto, si assumerà la responsabilità di quanto accadrà, non solo in termini di organizzazione, al fine di assicurare la copertura di tutte le aree, compresa quella di emergenza, ma soprattutto in termini di protezione dalle radiazioni ionizzanti per il paziente.

Il Coordinamento regionale dei TTSSRM, ha più volte sollecitato l’Assessorato affinché ci mettesse nelle condizioni di evidenziare necessità e proporre soluzioni perseguibili, ma non è servito; evidentemente soggetti “esperti” hanno saputo fare meglio e certamente sulle loro indicazioni saranno chiamati ad argomentare. Ancora una volta i Rappresentanti istituzionali del nostro Gruppo professionale si mettono a disposizione ricercando la strada del dialogo, avviando interlocuzioni utili al ragionamento con alcuni componenti della VI Commissione sanità dell’ARS, confidiamo ora nel loro buon senso.
Certamente siamo aperti a valutare e proporre soluzioni realizzabili, che tengano conto anche delle esigue risorse di cui oggi la Sanità dispone, ma altrettanto certamente non possiamo più assecondare chi, in questi anni, ha abusato della nostra disponibilità a garantire i servizi essenziali al cittadino, pur con la grave carenza di organico dei TTSSRM, sobbarcandoci di lavoro extra a discapito della salute degli stessi lavoratori.

E’ bene infine rendere evidente che, a tutela del cittadino, il Coordinamento regionale dei TTSSRM, in sinergia con la Federazione nazionale TSRM, organo di vigilanza dello Stato, e le autorità competenti, avvierà ogni azione utile al controllo della presenza del TSRM, cosi come previsto dalla norma, in tutti i luoghi dove è presente una tecnologia di diagnostica per immagini e radioterapia, comprese quelle che svolgono attività di radiologia complementare e si trovano in tutte le sale operatorie, le sale di emodinamica e di interventistica.

Il Coordinamento TSRM Regione Sicilia

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione