isiss Sostiene di essere stato obbligato ad aiutare i jihadisti, ma le autorità sono di un altro avviso. A breve comparirà davanti ai giudici
Lucio Di Marzo – Sab, 25/07/2015 Che fare con chi va all’estero, per combattere con sigle definite terroriste, e poi decide di tornare in patria? È una delle domande più intricate a cui i Paesi, occidentali e non, si trovano a dover dare una risposta.

Una che le autorità australiane sono tornate a porsi, ora che quello che è il primo cittadino a lasciare i ranghi del sedicente Stato islamico, a cui si sarebbe unito, è tornato sulle sponde oceaniche.

Si tratta di Adam Brookman, 39enne infermiere accusato di essersi unito ai jihadisti, accusato di terrorismo, ma che sostiene di essere stato obbligato a mettere la sua professionalità di medico al servizio degli uomini del sedicente Califfo, mentre si trovava in Siria per ragioni umanitarie. Da ieri notte è in manette, fermato al Sidney International Airport per il suo presunto coinvolgimento nella guerra civile siriana.

Padre di famiglia, cinque figli, Brookman si è consegnato alle forze dell’ordine in Turchia, dopo avere lasciato i territori controllati dall’Isis ed è tornato in Australia con l’aiuto della autorità del suo Paese, che hanno già approvato il suo trasferimento a Victoria, nell’Australia meridionale, dove sarà giudicato.

Se l’infermiere punta a negare un suo coinvolgimento diretto nelle attività del gruppo, documenti nelle mani delle autorità australiane, di cui scrive la Associated Press, sostengono invece che non sia neppure limitato alla sola professione medica, ma si sia impegnato in operazioni di pattuglia e abbia aiutato nella preparazione di un possibile atto terroristico.

Sono circa 120 gli australiani che hanno lasciato il proprio Paese per unirsi alle schiere dei jihadisti tra Siria e Iraq. Tra di loro non ci sono soltanto combattenti, ma come nel caso di Brookman – se le accuse saranno provate – anche professionisti di vari settori. Ad aprile Tareq Khamleh, un medico australiano, era comparso in uno dei molti video dell’Isis, tessendo le lodi del servizio sanitario offerto dal sedicente Stato islamico e invitando altri a unirsi a lui.

“I dottori dovrebbero salvare vite – aveva commentato allora il primo ministro australiano, Tony Abbott – non toglierle. È il punto focale dell’etica professionale”.

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione