orologio Il termometro segna 32 gradi nei reparti senza condizionatori, ma negli uffici si sta al fresco di Lorenzo Colantonio
CHIETI. Se sei un paziente stai al caldo. Se dirigi l’ospedale puoi permetterti il fresco. Se hai un malato da visitare sei costretto a sopportare l’afa in un salone senz’aria condizionata.

Se invece hai la fortuna di lavorare nella palazzina dei colletti bianchi puoi godere di una temperatura climatizzata e gradevole. C’è chi suda e chi si bea nelle stanze del policlinico. Naturalmente chi sta peggio è la gente comune. Due pesi e due misure finiti anche sotto la lente d’ingrandimento dei carabinieri del Nas. E quando ieri il Tribunale per i diritti del malato ci ha avvisati: correte, ci sono reparti in cui si muore dal caldo… non abbiamo perso tempo. Siamo andati a vedere com’è la situazione al policlinico dove in decine di reparti si soffre un caldo tropicale.

Ma prima di fare il blitz abbiamo acquistato un termometro per ambienti munito di orario e voce. Un oggetto tecnologico ideale per far visualizzare la notizia e mettere a confronto le temperatura. Facciamo il primo test al decimo livello nella sala d’attesa di Cardiochirurgia e del Centro diagnostico di Oftalmologia. Pigiamo il pulsante sul termometro, acquistato in un negozio cinese, e una vocina dice: «Ole dodici e ventitlè, tlenta gladi…». Sullo sfondo di vedono decine di persone che si sventolano e sbuffano. Lungo il corridoio che unisce due corpi del policlicnico la situazione peggiora. Sembra di galleggiare in un brodo con tortellini: «Tlentadue gladi», dice la stessa vocina di prima. Saliamo al 13esimo livello per controllare come stanno i bimbi di Pediatria. Nella sala d’attesa il nostro termometro segna 31 gradi. Anzi tlentuno. E’ arrivato il momento di fare il confronto.

La domanda è: nella palazzina dove ha sede la direzione sanitaria (vacante dopo le dimissioni al veleno del manager Zavattaro) c’è oppure no l’aria condizionata. C’è, c’è. Non ne avevamo alcun dubbio. Nel giro di pochi minuti anche il termometro comincia a respirare, la vocina femminile diventa sempre meno cinese e i numeri scendono: tlentuno, tlenta, ventinove, ventotto… Sembra il conto alla rovescia prima del lancio di una navicella spaziale. «Scusi, lei cosa fa qui?», chiede un impiegato con un tono di voce inquisitorio. «Nulla, sono venuto rinfrescarmi un po’». Usciamo da quel paradiso che il “telmometlo” segna 26 gradi. Ma fuori si muore dal caldo!

fonte

http://ilcentro.gelocal.it/chieti/cronaca/2015/07/22/news/ospedale-pazienti-al-caldo-direttori-no-1.11817930?ref=search

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione