Coronavirus, il 63 per cento delle vittime e il 46,8 dei casi positivi è in Lombardia, che da sola ha l’80 per cento dei morti di tutta la Cina. Come è possibile? Come mai il Veneto, che di fatto ha registrato il primo caso contemporaneamente a Codogno, è riuscito a limitare l’epidemia con più efficacia? La stessa Emilia-Romagna, il cui primo focolaio era collegato direttamente a quello del Lodigiano, è in sofferenza, ma ha un sistema sanitario che ancora sta tenendo. A un mese dall’inizio dell’emergenza, è giusto dire che errori sono stati commessi in Lombardia: il contagio è esploso proprio all’interno degli ospedali. Se nel piccolo ospedale di Codogno, 20 febbraio, i medici possono essere stati colti di sorpresa, commettendo l’errore fatale di tenere il paziente uno in pronto soccorso insieme agli altri malati prima che un anestesista avesse l’intuizione di effettuare il tampone, resta più ardua da comprendere l’incertezza della risposta, tre giorni dopo, ad Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo, quando furono trovati due pazienti positivi a Covid-19.

Due operatori sanitari hanno scritto ad Avvenire raccontando: «A seguito della diagnosi di positività di alcuni pazienti ricoverati in medicina e transitati dalla chirurgia e dal pronto soccorso, veniva presa la decisione di chiudere il pronto soccorso dell’ospedale. Solo poche ore dopo, incomprensibilmente, veniva riaperto, senza nessun intervento di sanificazione e senza la costituzione immediata di triage differenziati né di percorsi alternativi per i pazienti che erano subito tornati». Effetto drammatico: «Nei giorni successivi diversi operatori, sia medici sia infermieri, del pronto soccorso ma anche di altri reparti di degenza, risultavano positivi ai tamponi per Covid-19, molti essendo sintomatici». In sintesi: negli ospedali lombardi non si è riusciti ad applicare forme di prevenzione efficace per evitare che un paziente infetto trasmettesse il virus ad operatori e altri malati. Mancavano i percorsi separati e forme di isolamento immediato.

BERGAMO
A seguire altri errori hanno favorito la valanga: si è sottovalutato quanto stava avvenendo a Bergamo e a Brescia. Bisognava avere il coraggio di chiudere prima. A tutto questo si aggiunge anche la sfortuna, come il calendario che ha previsto la partita di Champions Atalanta-Valencia il 19 febbraio a Milano, dove decine di migliaia di bergamaschi si sono ritrovati nello stesso stadio. Il professor Massimo Galli, direttore di Malattie Infettive dell’Ospedale Sacco di Milano, è stato tra i primi a sottolineare che in Lombardia il colpo è stato così pesante perché il contagio si è diffuso negli ospedali, anche se ha difeso i colleghi. Oggi spiega: «Da noi il virus ha potuto circolare libero per almeno quattro settimane prima che ci si accorgesse della sua presenza. Negli ospedali ci si aspettava qualcuno che poteva arrivare dalla Cina. Un ospedale di provincia, di fronte a quella che poteva essere brutta ma banale polmonite virale, al coronavirus non pensa, ed ecco dunque che Codogno e Alzano Lombardo sono stati un amplificatore della malattia. Sia chiaro, non sto puntando il dito contro questi ospedali». Non sarebbe servito più coraggio con misure restrittive più tempestive a Bergamo e Brescia? «Col senno di poi si può dire tutto. Ma se vado a misurare la reattività degli altri paesi europei, mi viene da dire che l’Italia ha avuto reazione importante. Purtroppo non basta. E dobbiamo restare vicini alle persone a cui abbiamo chiesto stare in casa. Dobbiamo fare presto, in Lombardia, ma non solo in Lombardia. Ormai non ha più senso parlare di picco, perché ogni territorio, a partire da Roma, avrà il suo picco».

Redazione

Fonte

Il messaggero.It

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione