3.
di Andrea Bottega
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’8 giugno 2016 il Dpcm che, ai sensi della legge di stabilità 2016, definisce gli oneri economici per il rinnovo dei contratti 2016-2018 per gli enti diversi dall’amministrazione statale.
Il decreto stabilisce, sulla scorta di quanto stanziato dalla legge di stabilità per il personale delle amministrazioni centrali (300 milioni di euro), che a partire dal 2016, per l’intero triennio 2016-2018, le amministrazioni, istituzioni e gli enti interessati mettano a bilancio risorse economiche pari allo 0,4% del monte salari rilevato dai dati più recenti del conto annuale al netto della spesa per l’indennità di vacanza contrattuale.


Nella sostanza viene dato qualcosina in più e viene confermata la vacanza contrattuale che già il personale percepisce dal luglio 2010 in quanto già finanziata e già considerata nello scenario tendenziale di saldo della finanza pubblica a legislazione vigente. Nonostante sia percepita dal 2010 tale vacanza contrattuale deve però considerarsi quale vacanza contrattuale del triennio 2016-2017.
Ma in quanto consisterà mediamente l’aumento stipendiale per dipendente? Lo 0,4% del monte salari equivale a circa 150 euro lordi medi a dipendente (comparto e dirigenza). La precisazione contenuta nel testo, “per l’intero triennio 2016-2018”, indica che tale importo sarà fissato così per tutti e tre gli anni e quindi si tratterebbe di un aumento medio di 11 euro lordi al mese fino al 2018.
Pare ovvio che l’ipotesi di un tale aumento contrattuale chiude le porte a ogni margine di trattativa in quanto ogni modifica chiesta dalla parte datoriale non trova un corrispettivo accoglimento di modifica del trattamento economico. Che cosa si potrebbe contrattare se la controparte si presenta al tavolo con solo richieste ma nessuna disponibilità a concedere qualcosa in cambio? Che senso ha firmare un contratto dove si recepiscono solo gli interessi del datore di lavoro?.
Nessun margine di contrattazione quindi per un contratto a costo zero. E la situazione non migliora se pensiamo alle recenti dichiarazioni del ministro della Funzione Pubblica che individua nei redditi inferiori a 26 mila euro, quelli a cui indirizzare le risorse stanziate.
Sarebbe semplicemente una partita di giro per riprendere il bonus di 80 euro a chi fino ad oggi aveva goduto di questa agevolazione. L’aumento contrattuale con queste premesse lascerebbe fuori proprio i lavoratori in categoria D, cioè tutti i professionisti dell’area sanitaria e tecnica che sono la maggioranza qualificata del comparto. Anche le competenze specialistiche che vogliono le regioni sarebbero maggiore responsabilità e studio senza un euro in più.
Dopo 6 anni di blocco contrattuale e 11 miliardi di euro risparmiati sulla pelle dei lavoratori pubblici, apprendiamo dal report mensile della Banca d’Italia che il debito pubblico ha registrato un nuovo record di 2.241,8 miliardi di euro. A cosa sono serviti e a cosa servono i sacrifici dei lavoratori pubblici? A dare la disponibilità di denaro per i bonus governativi come i 300 milioni per chi compie 18 anni nel 2016?
Pur essendo già stato emanato l’atto di indirizzo per il comparto sanità e poiché il governo ha dichiarato di essere pronto ad aprire i tavoli contrattuali, tenuto conto delle risorse stanziate, riteniamo che sia utile aspettare l’evolvere della situazione politica che vede nel voto referendario di novembre un appuntamento importante. Con questi presupposti sarebbe difficile aprire la trattativa ma potrebbero esserci sorprese dopo l’estate e non è escluso che in autunno ci si trovi con un nuovo governo e con una nuova politica che possa riservare qualcosa di buono per i lavoratori pubblici nella legge di stabilità del 2017.

Il sole 24 ore.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione