Redazione

 

 

 

 

 

 

“Abbiamo affrontato problemi già presenti ma il Covid ha esasperato le contraddizioni”: è la sintesi con cui il segretario della CISL FP Catania Danilo Sottile ha riassunto gli ultimi mesi della federazione catanese, durante il suo intervento al Consiglio Generale.

Continua a leggere

 

 

 

Filtra verso le rappresentanze sindacali presenti al tavolo del CCNL per le Funzioni centrali (Ministeri, Agenzie, Enti pubblici non economici) una bozza dei requisiti previsti in un nuovo sistema di classificazione professionale del personale non dirigente del comparto. Sono lì enunciate le caratteristiche individuali che saranno utilizzate per collocare il personale in una delle quattro aree. Di queste, la prima ha acquisito col passare degli anni un carattere residuale, a motivo passaggi di massa  alle aree superiori che sono stati “spuntati” NON  con criteri selettivi e di merito, ma attraverso contrattazioni a livello decentrato nelle singole amministrazioni che hanno riguardato intere categorie di personale: a volte “in automatico”, se necessario attraverso prove ed esamini “interni”.

 

E’ altresì evidente, pur essendo impossibile generalizzare, che da 25 anni il sistema dei passaggi da un’area all’altra – in assenza quasi totale di turn-over esterno, cioè di reclutamenti tramite regolare procedura costituzionale del concorso pubblico aperto a tutti – é stato assolutamente prevalente, senza cura del requisito del titolo di studio; sono ora collocati nelle posizioni apicali persone non munite di diploma di laurea e a volte del solo titolo di scuola media inferiore (si vedano qui le rilevazioni a cura dell’ARAN, pag. 24 e 25).

Nell’inconfutabile ottica “storica” sopra accennata, il nuovo sistema di classificazione promette di riproporre invariate tali deleterie modalità.

Si nota altresì una pervicace gusto di occultare le regole/disposizioni/clausole con raffinati giochi di prestigio, invisibili a chi non sia addentro nelle problematiche “materiali” di applicazione dei codicilli. Chi esamina la bozza diffusa dall’ARAN al punto n. 4 troverà una regola scritta apparentemente innocua e sensata: “Lo sviluppo di carriera fra un’area e della immediatamente superiore é consentito, previa procedura selettiva, nel limite massimo del 50% dei posti disponibili.

ESTENSORE BIRICHINO DI REGOLE FONDAMENTALI DELLA REPUBBLICA!

Il passaggio fra aree così regolato premia in maniera eccessiva e sconsiderata solo il personale interno delle singole amministrazioni, danneggiando gli accessi di giovani dall’esterno e la qualità dei servizi della burocrazia italiana. Infatti:

a) la riserva dei posti del 50% per gli interni non ha nulla di meritocratico, visto che il passaggio fra le aree deve (dovrebbe) essere riservato solo alle eccellenze e/o ai migliori profili lavorativi interni e non essere una forma nascosta di progressione automatica di carriere;

b) lo “sviluppo di carriera” dall’interno è consentito senza alcun riferimento al titolo di studio enunciato invece nei capoversi precedenti per “l’accesso dall’esterno”. Capito il trucchetto? Chi partecipa al concorso pubblico esterno – peraltro sempre indefinito quanto ai tempi di attuazione  – deve essere munito di idoneo titolo di studio; chi concorre dall’interno NO!

Con questo piccolo codicillo, ampi settori di soggetti gestori della burocrazia del nostro Paese dimostrano di voler reiterare gli sconci del passato, tutelando solo  interessi corporativi e autoreferenziali e sacrificando i prevalenti interessi generali della collettività a servizi di qualità ai quali possano concorrere i migliori e più preparati giovani aspiranti.

Non date mai credito alle lacrime di coccodrillo dei tanti “esperti di settore” che lamentano la mancanza di “competenze”  nelle amministrazioni pubbliche.

Eticapa. It

 

 

 

 

 

 

 

 

L’art. 4 della legge 15/2020 prevedeva la possibilità per la Regione di promuovere protocolli d’intesa con gli Uffici territoriali del Governo finalizzati a potenziare la presenza e la collaborazione con le forze di polizia nei PS e nelle strutture ad evelato rischio di violenza, assicurando un rapido intervento. Per il CdM una invasione delle competenze statali. Ma la Corte Costituzionale evidenzia come “le forme facoltative di collaborazione con la Regione discendono direttamente dalle previsioni generali della legge statale sulla sicurezza integrata”.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Quante volte noi infermieri ci siamo sentiti dire dai medici, nel pieno delle nostre attività assistenziali, di coadiuvarli nelle procedure prettamente mediche, come ad esempio nella preparazione del materiale, dell’ambiente, ove, in realtà, non è richiesta l’intellettualità della professione infermieristica?

Infatti con il concetto di assistenza infermieristica intendiamo quell’attività relativa all’assistenza sanitaria rivolta all’individuo, alla comunità o alla popolazione, sia che siano soggetti sani o malati, al fine di recuperare uno stato di salute ottimale e migliorare sempre più il proprio stato di salute.
Essa è pianificata, operata, diretta e valutata da un professionista sanitario: l’Infermiere, il quale oggi ne è responsabile unico.

Nel corso della vostra carriera lavorativa, vi sarà capitato  di assistere all’esecuzione di esami medici nelle corsie ospedaliere, dove l’infermiere, da vero e proprio mero esecutore, prepara il materiale e l’ambiente, ed il medico esegue la procedura, “invitando” l’infermiere, una volta terminata la procedura, di smaltire il materiale utilizzato e riordinare tutti i presidi rimasti inutilizzati.

In Molti libri di testo, legati ad un vecchio retaggio storico-culturale che ha avvolto la professione nell’immaginario collettivo nei secoli scorsi, così come molte linee guida aziendali stilate ad hoc da medici che confondono per ignoranza o per dolo la figura dell’infermiere generico (oggi oss) con l’ex infermiere professionale, oggi laureato e che sottolineano l’importanza, da parte dell’infermiere laureato, di assistere il medico durante manovre  di loro esclusiva competenza. Niente di più sbagliato, poiché il compito dell’infermiere laureato è assistere il paziente nella sua complessità gestionale e non il medico.

Convergendo verso lo specifico, in alcuni esami diagnostico – terapeutici ad elevata complessità clinica, la figura infermieristica è fondamentale affinchè tutto l’iter del processo di cura raggiunga l’obiettivo finale. L’assistenza infermieristica, come già citato in precedenza, è centrata sul benessere del paziente e di conseguenza il ruolo infermieristico, durante le procedure mediche, è fondato sul mantenimento e sulle risposte in merito ai bisogni clinico – assistenziali dell’utente, come ad esempio, il corretto posizionamento, il monitoraggio emodinamico, la rilevazione dei segni e dei sintomi e quindi dello stato di salute, la somministrazione dei farmaci, il riconoscimento di eventuali situazioni avverse prevenendo quelle condizioni che possano portare ad un exitus dell’utente stesso.

Invece, in questi contesti alcune volte assistiamo ad un travisamento della professione infermieristica, che si limita a fornire un’assistenza superficiale e minima all’utente bisognoso di cure, trascurando l’ottimizzazione della stessa, ottenibile tramite l’attuazione del processo di nursing, per poi concentrarsi su tutto ciò che il medico possa richiedere in quel preciso istante, attraverso attività alementari proprie di altri operatori meno qualificati.

Ricordiamo che spesso tali richieste, ledono l’immagine del professionista infermiere, sottoponendolo allo svolgimento di attività meramente esecutive, elementari come (fornire le garze, i cerotti, smaltire il materiale utilizzato, ecc… tutte competenze tipiche del personale ausiliario di supporto) provocando una forte messa in discussione del concetto di autonomia che l’infermiere ha visto riconoscersi dal legislatore, con grandi sacrifici e lotte intestine.

Avete mai visto un medico preparare il materiale per una procedura di competenza infermieristica come ad esempio, il posizionamento di un sondino naso – gastrico, o di un catetere vescicale, oppure di un catetere venoso periferico?

Assolutamente no,!

basandosi sul  principio legislativo dell’accessorietà o strumentalità di una mansione, motivata nell’articolo “L’accessorietà in sanità” da parte del prof. Mauro Di Fresco (VEDI).

L’accessorietà o la strumentalità di una mansione, deve avere riguardo alla sua continuità in modo tale da rendere la prestazione completa cioè perfetta, compiuta, tanto da potersi legare alla prestazione principale tramite un rapporto di logica conseguenza in modo che la ratio sottesa le renda uniche ed imprescindibili l’una all’altra.

Per esempio, la somministrazione endovenosa di un farmaco renderà imprescindibile la rottura della fiale, la sua aspirazione nella siringa, la preparazione del materiale ovvero una serie di attività propedeutiche cioè preparatorie alla mansione (prestazione principale = somministrazione del farmaco) così come lo smaltimento della siringa e del materiale sarà un’attività consequenziale e terminale alla prestazione infermieristica.

Tutto ciò può essere applicato, anche per lo svolgimento prestazioni di esclusiva competenza medica, come ad esempio punture esplorative (rachicentesi, paracentesi, biopsia midollare, ecc…), ove è il medico stesso, a preparare tutto il materiale necessario per eseguire l’esame.

Concludendo, in questo articolo, non c’è l’intenzione di creare tensioni ed astio tra le figure professionali mediche ed infermieristiche poiché la collaborazione tra le due è fondamentale per ottenere un risultato finale, ottimale, in termini di cure e prestazioni.

Questo discorso introduce il concetto di lavoro in equipe multidisciplinare, dove in molte realtà è ancora un oggetto sconosciuto, utopistico. La collaborazione dev’essere vera, qualitativa, bilaterale, ove ogni professionista fornisce le proprie competenze all’utente, in base a quanto acquisito durante il percorso di studi e non di genuflessione nei confronti del medico.

Collaboriamo con il medico e con le altre figure professionali, secondo le proprie competenze acquisite, senza dimenticare che l’infermiere è nato per assistere il paziente, e non altri professionisti.

NurseNews.eu

Per approfondimenti

Nurse times.it

Leonardo Gialloreto

 

 

 

 

 

 

 

 

Sulla questione del protocollo d’intesa stilato da Fnopi, Ministero della Salute e Conferenza Stato/Regioni interviene anche il sergetario generale della Fials Giuseppe Carbone

“E’ evidente che il contenuto del protocollo, rientrando nella sfera dell’organizzazione del lavoro, del trattamento normativo ed economico degli infermieri, rientra appieno nelle competenze esclusive della contrattazione tra parti datoriali, anche pubbliche, e parti sindacali. Stupisce che un ministro, che è responsabile, anche, di una forza politica che ha per la sigla l’articolo 1 della nostra Costituzione, dimentichi in questo atto chi rappresenta e tutela il lavoro. Invitiamo, pertanto, Governo e Regioni a ritirare tale protocollo e convocare subito un tavolo di confronto con le sigle firmatarie dei contratti della sanità per redigerne uno nuovo con migliori contenuti, maggiormente operativo dall’immediato e più rispettoso della dignità e autonomia di professionisti laureati”. vicenda il sindacato ha scritto una lettera al ministro della Salute Roberto Speranza, per chiarire la sua posizione in merito.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ribadito una sentenza del tribunale del Lavoro di Catania, giudice Laura Renda, in una sentenza che ha condannato un’ azienda ospedaliera del catanese  a versare centinaia di migliaia di euro a sette infermieri che avevano fatto ricorso assistiti dall’avvocato Domenico De Angelis. Lo ha reso noto il sindacato che ha caldeggiato gli infermieri.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a Nurse Times la FNOPI apre le porte “di casa”
C’è voluta una puntura di spillo per far scoppiare la bolla nella quale erano protette (legittimamente) le delibere della Fnopi.

La puntura di spillo è stato il nostro articolo sul compenso riconosciuto (legittimamente) al portavoce della federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche, Tonino Aceti.

Abbiamo scritto (sbagliando, per carità) che gli era riconosciuto un compenso intorno ai diecimila euro mensili (ma il nostro era solo un dubbio), ci è stato risposto, minacciando azioni legali, che il compenso è ben più inferiore come da delibera pubblicata dalla Fnopi nella sezione trasparenza

E io pago!

Pubblicazione che, va detto, è avvenuta dopo il nostro articolo anche se qui entreremmo nelle questioni di lana caprina (se la delibera c’era prima o dopo non importa, l’importante è che sia stata pubblicata).
E da quel momento oltre a sapere che l’incarico di portavoce è compensato con 310mila euro (ma non sappiamo in che lasso di tempo), la Fnopi ha deciso di aprire le proprie porte per far conoscere le delibere adottate.

Così balza agli occhi che la presidente Barbara Mangiacavalli ha in uso una macchina a noleggio che costa alla Fnopi 45mila euro.

Anche questo, va detto, è un atto legittimo e, altrettanto legittimamente, la presidente può muoversi come meglio ritiene, vista il suo impegno istituzionale e di rappresentanza di una categoria con 450mila iscritti, finiti nel dimenticatoio della politica in questa emergenza sanitaria.

Aspettando che qualcuno alzi la voce.

Redazione NurseNews.Eu

Fonte Nurse Times

 

 

 

 

 

 

 

La delibera 305/2021 del Veneto va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, al quale è necessario uniformarsi, anche volendo metter in campo una sua revisione.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha risposto all’interpellanza urgente dell’on. Boschi in merito alla delibera della Regione Veneto sugli OSS.

Continua a leggere

 

Questo il ruolo della Cisl FP Catania per il suo segretario Danilo Sottile, durante la riunione del consiglio esecutivo svoltasi oggi in videoconferenza.

Diversi i temi cruciali per la Federazione provinciale affrontati dal segretario nel suo discorso: dai ringraziamenti per il suo predecessore Armando Coco, che ha lavorato con tutta la segreteria per raggiungere l’obiettivo di un bilancio solido, all’importanza del ruolo della Cisl Fp in un territorio come quello catanese in cui è necessario fronteggiare diversi problemi sociali e occupazionali.

 

“Quello che ci preoccupa è la povertà – ha detto il segretario – che già prima della crisi pandemica era presente ma che oggi ha superato i livelli di guardia. Ritengo che tra le problematiche che devono essere trattate c’è anche questa, che riguarda i livelli occupazionali. Orgoglio, cuore, volontà e passione: combatteremo per i diritti degli ultimi e per una società migliore, portando alto il valore della nostra sigla”.

#Esecutivo
#CislFpCatania

 

 

Ultime notizie
NurseNews.eu
Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

Morena Teti studentessa in infermieristica a Miss Mondo.

                Conosciamo Morena Teti:  infermiera a Miss Mondo 2011 Non solo mascherine filtranti e divise. In questa breve intervista Morena ci racconta ...

Continua a leggere

DUMPING CONTRATTUALE: SANARE I BILANCI DELLA SANITÀ PAGANDO 4 EURO L’ORA. 

DUMPING CONTRATTUALE: SANARE I BILANCI DELLA SANITÀ PAGANDO 4 EURO L’ORA. 

            In Italia, anche nell’ambito della pubblica amministrazione, due lavoratori o persino lo stesso in periodi diversi possono percepire retribuzioni con ...

Continua a leggere

Anelli Fnomceo: G20 salute, “Bene l’accesso universale ai vaccini sancito dal Patto di Roma”

            “Forte apprezzamento e sostegno, da parte dei medici, per l’impegno, assunto con il Patto di Roma, dal G20 salute, di ...

Continua a leggere

Covid:In Gran Bretagna sconsigliati i vaccini fra i 12 e i 15 anni.

Covid:In Gran Bretagna sconsigliati i vaccini fra i 12 e i 15 anni.

            Gli esperti Londinesi non li raccomandano per ragazzi e bambini sani. Gli esperti del comitato medico-scientifico britannico indipendente che assiste il ...

Continua a leggere

Regione Veneto:il Consiglio di Stato boccia la proposta dei “super oss”, non sono equiparabili alla professione Infermieristica.

Regione Veneto:il Consiglio di Stato boccia la proposta dei “super oss”, non sono equiparabili alla professione Infermieristica.

              Confermata la decisione del Tar che a luglio aveva sospeso la tanto discussa delibera della Regione Veneto. “Il Consiglio di Stato ...

Continua a leggere

Oss:ora obbligo del diploma di maturità, non più disugualianze dei titoli di studio.

          In Italia sono più di 300.000 gli operatori con abilitazione OSS; con istanza in data 13 settembre 2019 le associazioni ...

Continua a leggere

Medici e infermieri facciamo chiarezza su come deve avvenire il rilascio della certificazione di un tampone rapido Sars Covid_19.

          La genuinità, la veridicità e la contestualità degli atti pubblici devono sempre rappresentare il “vero tempestivo” nella formazione di quanto realizzato ...

Continua a leggere

Negata autonomia agli infermieri sul territorio:nel frattempo la fnopi va in vacanza.

          Mentre la Fnopi va in vacanza, gli infermieri diventano figure ancillari dei medici. Nel documento approvato dalle regioni l’infermiere diventa figura ...

Continua a leggere

Il Governo regolamenta l'ingresso degli infermieri dall’Estero.Silenzio estivo della FNOPI. 

La regione Veneto attraverso l’Azienda Sanitaria Zero, in data 2/07 u.s. in applicazione dall’articolo 13 del DL 17 marzo 2020, ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione