Avatar

Redazione

 

 

 

 

 

 

 

 

Le mansioni di igiene domestico-alberghi non sono mai state attribuite all’Infermiere ex professionale, oggi laureato, neanche ai tempi del mansionario! Nel DPR 225/74 tali mansioni erano già affidate all’Infermiere Generico: Titolo V, art.6, (comma a): “assistenza completa al malato,

Continua a leggere

 

 

 

 

Che tipo di “prove” sono necessarie per dimostrare il danno da demansionamento?

Dopo il riconoscimento dell’Operatore Socio Sanitario con formazione complementare in Veneto, nella Asl di Salerno gli infermieri fanno un salto nel passato ritornando al mansionario, con evidente demansionamento di infermieri ed ostetriche

Un singolare ordine di servizio firmato dal Direttore dell’U.O. Ostetricia e Ginecologia avente come oggetto “mansioni del personale durante la guardia”
Con una premessa “che – gli accordi collettivi nazionali non definiscono più nei dettagli le mansioni del personale sanitario oramai da decenni;

Continua a leggere

 

 

 

 

 

Gli Ordini dei Medici chirurghi e Odontoiatri del Veneto rispondono alle parole del governatore Luca Zaia che aveva detto: “Per fare una iniezione non serve una laurea”, durante il consueto punto stampa. Come sottolineano i presidenti dei sette Ordini provinciali del Veneto, fra cui il presidente dell’Ordine dei medici di Verona, Carlo Rugiu, la puntura è solo la parte temporale minimale di tutto il processo di vaccinazione, che si articola in cinque fasi e contempla anche l’osservazione del paziente per possibili eventi avversi e sintomatologia legata allo stato di ansia.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“La delibera n. 305/2021 della Regione Veneto, che apre alla possibilità di utilizzare gli Operatori sociosanitari (Oss), rispetto ad atti propri dell’assistenza clinica del paziente di competenza esclusiva di medici ed infermieri, è considerata IRRICEVIBILE da parte del Coordinamento degli Ordini delle Professioni Infermieristiche della Regione Veneto, in particolare nei Centri Servizi per anziani, dove i bisogni di salute sono sempre più ad alta valenza sanitaria e quindi necessitano di assistenza infermieristica sempre maggiore”.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

La CNAI – Consociazione Nazionale delle Associazioni Infermieri  chiede la revoca della delibera della Regione Veneto in ordine alla “Formazione complementare in assistenza sanitaria dell’Operatore Socio-Sanitario” che attribuisce a tali operatori funzioni proprie e riservate della professione infermieristica.

Continua a leggere

Elemento economico

Una prima dimensione dello sfruttamento, relativamente più intuitiva e di senso comune, è quella economica in senso stretto: essa è legata al rapporto tra retribuzione e profitto, tra retribuzione e orario di lavoro, tipo di attività svolta, mansioni e competenze del lavoratore. Si tratta della finalità principale (anche se spesso non unica) dello sfruttamento, inteso come rapporto di lavoro strutturato in modo da ottenere il massimo profitto possibile dal lavoratore, oltre che altri vantaggi di natura non monetaria (si vedano i casi in cui lo sfruttamento si intreccia con abusi sessuali).

Lo sfruttamento economico si manifesta in una retribuzione significativamente ridotta rispetto a quanto previsto dagli standard normativi per un certo tipo di attività e una certa durata di lavoro, e/o da un orario di lavoro che eccede in maniera altrettanto significativa l’orario stabilito dalla legge o previsto dal contratto. Per determinare l’esistenza di sfruttamento va tenuto conto della retribuzione reale/finale percepita dal lavoratore in relazione alle ore effettivamente lavorate, ossia la retribuzione che risulta a seguito di eventuali deduzioni arbitrarie sul compenso imposte dagli intermediari o dai datori di lavoro.

Elemento sociale

Una seconda dimensione dello sfruttamento è quella legata alle condizioni sociali, in senso ampio, all’interno delle quali si definisce un rapporto di lavoro basato su qualche forma di coercizione, sia di tipo sistemico che di tipo interpersonale, finalizzata a sfruttare la persona. Se ogni rapporto di lavoro dipendente per definizione è segnato da una asimmetria di potere tra lavoratore e datore di lavoro, tale rapporto diventa di sfruttamento quando intervengono forme di coercizione, controllo, abuso ecc. che spingono la mercificazione della forza lavoro a un livello moralmente e fisicamente intollerabile, approfittando di una condizione di vulnerabilità data dall’assenza di valide alternative da parte del lavoratore che, per vivere, non può che accettare quel tipo di lavoro. Il lavoratore può dunque dare il proprio assenso formale o informale allo sfruttamento, ma questo non smette di essere tale per il solo fatto di essere in qualche modo consensuale.

Elemento ambientale

Una terza dimensione dello sfruttamento è quella legata all’ambiente di vita e di lavoro, ovvero alle modalità con cui l’attività lavorativa è organizzata , e soprattutto all’impatto di queste condizioni ambientali sul benessere, sulla salute, sull’integrità psico-fisica del lavoratore. Il riferimento è alle condizioni salute, igiene e sicurezza sia del posto di lavoro. Il nesso con le altre dimensioni dello sfruttamento si manifesta, nel caso della dimensione economica, in rapporto al risparmio che il datore di lavoro ha nel momento in cui taglia i costi relativi alla sicurezza,al personale, all’igiene, ecc. del luogo di vita e di lavoro del lavoratore. Nel caso della dimensione sociale, il nesso è dato dall’effetto degradante prodotto da un ambiente di lavoro insicuro e male organizzato, malsano, che contribuisce a destrutturare la personalità del lavoratore, la sua capacità di reagire, la sua autostima, ecc.

Gradi di sfruttamento lavorativo

Nel dibattito pubblico, ma anche in quello accademico, si registra la tendenza a focalizzarsi sugli estremi dello sfruttamento e a parlare genericamente di schiavitù o, meglio, di “condizione analoga alla schiavitù” per identificare lo sfruttamento a partire dalle sue forme più gravi e odiose. Parlare in generale di schiavitù, o meglio di “nuove schiavitù”, per riferirsi alle forme di lavoro gravemente sfruttato che colpiscono i lavoratori oggi può essere utile per colpire l’immaginario collettivo, ma può anche essere fuorviante. La manodopera impiegata nella produzione agro-industriale, nel turismo, nella logistica, in sanità ecc. è comunque salariata e i lavoratori, anche se vivono condizioni di estrema subalternità e dipendenza, in assenza di alternative valide di lavoro e di vita, non sono necessariamente sottoposte a una soggezione continuativa o a una forte limitazione della propria autodeterminazione da parte di chi li sfrutta. Per evitare che queste forme estreme prendano tutta la scena, occorre articolare i diversi gradi di gravità dello sfruttamento: è possibile farlo a partire dalle tre dimensioni essenziali di cui sopra. Si può, per convenzione stabilire che parliamo di lavoro gravemente sfruttato tutte le volte che ci troviamo di fronte ad un caso di sfruttamento in cui tutte e tre le dimensioni sopra ricordate sono presenti e convergenti e raggiungono un certo livello di intensità da stabilire in maniera convenzionale.
Definizione di sfruttamento nell’ordinamento italiano

Il nuovo articolo 603-bis del Codice Penale contiene una lista di “indici” che configurano lo sfruttamento come reato penale. Affinché il reato si configuri, da solo o in connessione con azioni di caporalato, basta sussistano uno o più delle seguenti condizioni:
1) la reiterata corresponsione di retribuzioni in modo palesemente difforme dai contratti collettivi nazionali o territoriali stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative a livello nazionale, o comunque sproporzionato rispetto alla quantità e qualità del lavoro prestato;
2) la reiterata violazione della normativa relativa all’orario di lavoro, ai periodi di riposo, al riposo settimanale, all’aspettativa obbligatoria, alle ferie;

3) la sussistenza di violazioni delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro;

4) la sottoposizione del lavoratore a condizioni di lavoro, a metodi di sorveglianza o a situazione tecnico organizzativa umilianti.

Redazione

NurseNews.eu

 

Ordine dei medici :“Va garantita sempre e comunque la sicurezza del cittadino”.

La necessità di accelerare e allargare la campagna di vaccinazione non può andare contro la sicurezza delle cure dei cittadini. È questa la posizione della Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici, che dopo l’approvazione del Decreto legge Sostegni, comprende i motivi che hanno spinto i decisori politici, di coinvolgere anche le farmacie e i farmacisti nella campagna vaccinale. Il presidente Anelli anzi, appoggia l’ampliamento delle disposizioni fino alle parafarmacie,ma sempre sotto la supervisione e in presenza di un medico.

“Comprendiamo e condividiamo la necessità da parte del Governo di aumentare i punti di somministrazione dei vaccini, nel momento in cui finalmente dovessimo disporne in quantità sufficienti – afferma il presidente Fnomceo, Filippo Anelli -. In questo senso, e per la sola durata della fase emergenziale, può essere prevista la somministrazione dei vaccini anti-Covid nelle farmacie.

Continua a leggere

Ultime notizie
NurseNews.eu
Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

  Un ampio studio su Lancet condotto in Australia suggerisce che il rapporto minimo di un infermiere ogni 4 pazienti (l’Italia ...

Continua a leggere

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

                Tutto il personale sanitario e’ stato in prima linea nella fase più acuta della pandemia e, ancora oggi, affronta giornalmente ...

Continua a leggere

Le Aziende sanitarie, in relazione al proprio assetto organizzativo e compatibilmente con le risorse disponibili, possono istituire mense di servizio o, in alternativa, garantire l'esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive (buoni pasto).

                Ai Direttori Generali A.O. Cannizzaro ARNAS Garibaldi A.O.U. Policlinico - Vittorio Emanuale ASP Catania Oggetto: Corte di Cassazione Sentenza 01/03/2021 ...

Continua a leggere

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

            Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ...

Continua a leggere

42mila euro per l'auto blu del presidente dell'ordine degli infermieri.

              Grazie a Nurse Times la FNOPI apre le porte "di casa" C’è voluta una puntura di spillo per far scoppiare la ...

Continua a leggere

Se al posto del Nobel al personale sanitario dessimo uno stipendio migliore?

Se al posto del Nobel al personale sanitario dessimo uno stipendio migliore?

              L’impressione è che il premio per la Pace sia diventato negli anni una delle lavatrici dove inserire le coscienze sporche. È ...

Continua a leggere

Sanità e precariato, Cisl: Adesso garantire stabilità

              Danilo Sottile, segretario generale della Cisl Fp Catania, sottolinea il rischio che a fronte del grande contributo dato durante l'emergenza ...

Continua a leggere

Sileri, Delibera Oss:va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003,

Sileri, Delibera Oss:va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003,

            La delibera 305/2021 del Veneto va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, al quale è necessario uniformarsi, ...

Continua a leggere

Danilo Sottile il nuovo segretario della Cisl Catania.

  Questo il ruolo della Cisl FP Catania per il suo segretario Danilo Sottile, durante la riunione del consiglio esecutivo svoltasi ...

Continua a leggere

Dl Covid : Cgil Cisl Uil Fp, bonus baby sitter a professioni sanitarie e socio sanitarie

            Roma, 18 marzo – “Riconoscere urgentemente il bonus baby sitter a tutto il personale delle attività sanitarie, socio sanitarie e ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione