Pensioni, il lavoro di Operatore Socio Sanitario (OSS) è «gravoso» come quello degli OSA.

Di conseguenza è possibile accedere all’ape sociale e/o alla pensione anticipata con 41 anni di contributi. Il Tribunale di Ferrara ha accolto il ricorso di un’operatrice socio sanitaria a cui era stato negato l’accesso alla pensione anticipata da parte dell’INPS. Anche l’attività di OSS rientra tra quelle previste dalla legge n. 232 del 2016, trattandosi di «addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza».

Anche l’attività di operatore socio sanitario (OSS) rientra tra i lavori gravosi. Pertanto, in presenza dei relativi requisiti, dà diritto all’ape sociale e/o alla pensione anticipata con 41 anni di contributi. Lo ha stabilito il Tribunale di Ferrara, sezione Lavoro, con la sentenza del 2 febbraio 2021, accogliendo il ricorso di una lavoratrice che si era vista respingere la domanda da parte dell’INPS.

La Questione
Secondo la difesa della ricorrente la legge n. 232/2016 definisce, tra l’altro, gravosa l’attività degli «addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza», facendo riferimento ad una nozione più ampia rispetto a quella individuata ai sensi del Decreto del Ministero del Lavoro del 5 febbraio 2018 (GU. n. 47 del 26 febbraio 2018).

In tale sede, infatti, è stato indicato come identificativo di tali professioni esclusivamente il codice Istat 5.4.4.3 che corrisponde alla figura dell’Operatore Socio Assistenziale (c.d. OSA), e non anche il codice Istat 5.3.1.1. corrispondente alla mansione di Operatrice Socio Sanitaria (c.d. OSS), pur essendo tali mansioni perfettamente corrispondenti alla definizione di lavoro gravoso ed anzi ancor più usuranti, posto che mentre l’OSS può svolgere tutte le mansioni proprie dell’OSA non è vero il contrario, dal momento che solo la OSS oltre all’assistenza socio – assistenziale può prestare assistenza anche a livello SOCIO sanitario, limitatamente alle proprie competenze.

La ricorrente, pertanto, contestava la legittimità della normativa secondaria, in sospetto contrasto con la fonte primaria.

L’attività lavorativa come OSS rientra tra i lavori gravosi
Il Tribunale emiliano richiama al riguardo un suo precedente orientamento (sentenza n. 132 del 20 settembre 2019) in cui era stato osservato che il profilo «C2) Operatore Socio Sanitario effettivamente operante in servizi e strutture sociosanitarie» è stato istituito recentemente con il Contratto Cooperative Sociali dal 1° gennaio 2009 senza, tuttavia, che lo stesso CCNL avesse mai offerto una sicura distinzione rispetto all’operatore socio assistenziale di base: «C1) (ex 4° livello) Operaia/o specializzata/o, cuoca/o, autista con patente D/K, autista soccorritrice/ore, autista accompagnatrice/ore, impiegata/o d’ordine, animatrice/ore senza titolo, assistente domiciliare e dei servizi tutelari operatrice/ore socio-assistenziale addetta/o all’assistenza di base o altrimenti definita/o formata/o, operatrice/ore tecnico dell’assistenza, istruttrice/ore di attività manuali ed espressive, istruttrice/ore di nuoto, guida».

In tale decisione era stato precisato che l’indicazione dello svolgimento della prestazione lavorativa all’interno di servizi e strutture sanitarie non può certo essere l’unico elemento qualificante il profilo C2, atteso che anche nel profilo C1, oltre alla figura dell’«assistente domiciliare», è indicata la figura professionale dell’«operatore socio assistenziale addetto all’assistenza» ([…]).

E’ rilevante, invece, l’Accordo Stato – Regioni del 2001, in quanto individua gli elementi che distinguono la figura professionale di OSS e conferiscono a questa categoria competenze professionali superiori a all’operatore socio-assistenziale addetto all’assistenza di base. In buona sostanza l’OSS in aggiunta alle competenze del profilo di cui alla categoria C1, possiede anche competenze tecniche di tipo sanitario, e svolge le mansioni appena descritte.

Di conseguenza, spiegano i giudici, la figura dell’OSA è inferiore rispetto alla figura dell’OSS e, pertanto, se alla prima sono riconosciuti i benefici previdenziali di cui alla legge n. 236/2016 a maggior ragione essi spettano anche agli OSS.

Ciò anche in considerazione del fatto che, la legge n. 232/2016 si riferisce genericamente «agli addetti all’assistenza personale di persone non autosufficienti, sicché la portata della norma non può essere ristretta inspiegabilmente ed illogicamente, con atto di normazione secondaria, alla sola categoria delle OSA».
Peraltro la normativa di dettaglio contenuta nel decreto ministeriale, fa riferimento non solo alle attività socio assistenziali, ma anche, espressamente, a quelle di ausilio alla cura (“Le professioni comprese […] aiutano […] a curarsi”), sicché vengono in rilievo proprio le attività di supporto sanitario e terapeutico tipiche delle OSS a prescindere dal codice ISTAT ivi indicato.

OSS: Ok alla pensione con 41 anni di contributi
In definitiva secondo il Tribunale anche gli OSS vanno inclusi nell’alveo dei lavori gravosi con diritto, pertanto, al ricorrere delle altre condizioni di legge ad accedere all’ape sociale e/o al beneficio della pensione anticipata con 41 anni di contributi (in presenza di lavoro precoce).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Facciamo chiarezza:l'infermiere non è il responsabile delle attività svolte dell'operatore socio sanitario.

            L'infermiere non è il responsabile delle attività svolte dell'operatore socio sanitario in quanto anche su quest'ultimo grava la posizione di ...

Continua a leggere

Uil Messina: non competono all'infermiere le mansioni igienico domestiche alberghiere e l'ospedale Pappardo soccombe in tribunale.

            Ennesima vittoria per demansionamento dopo anni di sfruttamento da parte delle aziende sanitarie Italiane.Ribellarsi allo sfruttamento per la tutela e ...

Continua a leggere

Lettera aperta di un’infemiera in attesa della mobilità.

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un’infermiera agrigentina che ha dovuto lasciare la Sicilia per entrare nella sanità pubblica come ...

Continua a leggere

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2 Una nuova variante del Covid-19 chiamata "Xe", frutto della ricombinazione tra ...

Continua a leggere

Ambulanza contro auto sulla S.s 626 Caltanissetta-Gela, 3 morti

  Tre le vittime nello scontro tra un’auto e un’ambulanza sulla Ss626 Caltanissetta-Gela. Oltre al conducente del mezzo di soccorso e al ...

Continua a leggere

INFERMIERI, MEDICI E OPERATORI SANITARI MORTI PER COVID-19 RICONOSCIUTI VITTIME DEL DOVERE.

INFERMIERI, MEDICI E OPERATORI SANITARI MORTI PER COVID-19 RICONOSCIUTI VITTIME DEL DOVERE.

          Collocamento obbligatorio per le vittime del covid-19 e loro familiari Estese le norme del collocamento in favore delle vittime del terrorismo ...

Continua a leggere

Morire di lavoro | Il Caffè di Massimo Gramellini

              Sono stanca morta, scriveva al fidanzato l’infermiera appena smontata dal secondo turno di notte consecutivo (dieci ore e dieci pazienti ...

Continua a leggere

No ai ristori per le famiglie dei medici e del personale sanitario morti di Covid: CIMO-FESMED lancia una petizione online e scrive a Mattarella.

“Delle sole parole non sappiamo più cosa farne”, dice Guido Quici, presidente del sindacato medico. Medici e personale sanitario deceduti per ...

Continua a leggere

Ospedale Cannizzaro:al via l’iter per nuove assunzioni. Approvata la dotazione organica.

            L'annuncio arriva direttamente dal direttore Generale Salvatore Giuffrida e il Via libera della Regione. Si prevedono assunzioni per operatori socio-sanitari ...

Continua a leggere

“Il demansionamento mortifica l’infermiere e crea un danno alla dignità professionale irreparabile”.Lo afferma ancora una volta la Suprema Corte di Cassazione sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22)

Il demansionamento mortifica l’infermiere e crea un danno alla dignità professionale irreparabile.Lo afferma ancora una volta la Suprema Corte di Cassazione sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22)

          Dopo qualche anno è arrivata l' ennesima sentenza della Corte Suprema di Cassazione, sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22) in ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione