“Abbiamo assistito a scene da far west – raccontano i medici e gli infermieri – Hanno distrutto tutto quello che trovavano, provocando danni per migliaia di euro”

Una donna  ieri sera è arrivata in codice rosso in gravissime condizioni di salute per un grave infarto. I medici  e gli infermieri del pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo hanno fatto di tutto per salvarla, ma la sessantenne già in gravissime condizioni è morta. Nel momento in cui  i sanitari hanno comunicato la notizia del decesso, i familiari della donna hanno messo a ferro e fuoco il pronto soccorso.

Sono intervenute diverse volanti della polizia che hanno bloccato i familiari e li hanno identificati e denunciati per una serie di reati.

Interviene anche l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza: “Devastare un pronto soccorso, presidiato da guardie giurate, e’ un atto violento, sconsiderato, insopportabile. Non si puo’ giustificare con il dolore per la scomparsa di un proprio congiunto, arrivato in gravissime e disperate condizioni. Il pronto soccorso, come l’ospedale in genere, e’ un luogo di sofferenza e di speranza, di vita e di morte. Non possiamo inneggiare agli eroi in camice e poi farci sopraffare dalla emotivita’ che diventa violenza. Ai medici e operatori del Civico di Palermo va il mio sentimento di solidarieta’”.

l’Ordine dei medici: “Ancora violenza. Gli ospedali sono ormai campi di battaglia dove malati e familiari possono tranquillamente dare sfogo a tutta la loro rabbia incontrollabile, salvo poi essere fermati dalle forze di pubblica sicurezza e contare i danni”. E’ il commento del presidente dei medici Toti Amato sulla devastazione del pronto soccorso dell’ospedale Civico. Gli Omceo siciliani e la Fnomceo, guidata dal presidente Filippo Anelli, esprimono coralmente tutta la solidarietà ai colleghi e ai sanitari del Civico, rinnovando il loro impegno “forte e ad alta voce” nella sensibilizzazione di tutte le autorità preposte al controllo della sicurezza e alla tutela della dignità professionale di tutti i sanitari.

Il Coordinamento delle professioni sanitarie Cisl Catania è vicino a medici e infermieri e al resto dei professionisti sanitari che durante il loro delicatissimo servizio hanno subito il vile attacco che dimostra ancora una volta quanto pericoloso sia lavorare  nei Pronto Soccorsi.

NurseNews

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

La classificazione del personale nel nuovo contratto del comparto Sanità.

            Il nuovo contratto del comparto sanità prevede una classificazione del personale in cinque aree, che corrispondono a cinque differenti livelli di conoscenze, abilità e ...

Continua a leggere

Contratti: Sbarra (Cisl)- Petriccioli (Fp Cisl) Soddisfazione per l’intesa sul rinnovo CCNL sanità.

                Si consolida il processo di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione Ufficio stampa Cisl, Roma, 15 giugno – “Comunichiamo con soddisfazione ...

Continua a leggere

Muore per un aneurisma al Pronto Soccorso dopo sette ore d'attesa in codice verde :chiesta la condanna dell’infermiere di triage.

              E' successo all'ospedale San Luigi di Orbassano, nel Torinese. Il pm chiede la condanna: "Una valutazione diversa avrebbe potuto salvarlo". Sarebbe ...

Continua a leggere

I Medici contro la Moratti e il patto di diamante con gli Infermieri.

                Prima di bollare le proposte come lesive dei diritti di una o dell'altra categoria (Medici ed Infermieri) in relazione alla ...

Continua a leggere

Continua la protesta della Fnomceo:no alla sostituzione dei Medici di base con gli infermieri.

            Dopo la delibera della regione Veneto sul super oss arriva in Lombardia il "super infermiere"che sostituirà il medico di medicina ...

Continua a leggere

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

Infermieri e Oss:Da sempre strumentali le contrapposizioni

              È INCREDIBILE come negli ultimi cinquant'anni siano state strumentalizzate e messe in contrapposizione,con il silenzio assenso di tutte le parti ...

Continua a leggere

Infermieri,paradossi legislativi:vincolo di esclusività e l'indennità negata.

            Il vincolo di esclusività è stato oggetto di disamina in materia collegiale professionale: la stessa Suprema Corte di Cassazione, Sez. ...

Continua a leggere

Anelli,Fnomceo:inconcepibile la sostituzione di medici con infermieri nelle cure primarie.

            Sulla sostituzione dei Medici con gli infermieri carenti nelle cure primarie scoppia la bufera. “È inconcepibile che si tenti di mettere ...

Continua a leggere

“Infermieri supplenti dei medici di famiglia”Moratti svolta in Lombardia.

                      Sperimentazione in alcune Asst introdotta per sopperire alla carenza di Mmg : “Mi auguro siano supplenze temporanee e brevi”. “Gli infermieri ...

Continua a leggere

L'ASL 2 di Roma stabilizza solo i dipendenti idonei e senza limitazioni ,escludendo gli infermieri con limitazione ai sensi di legge . Prontamente arriva la diffida dell' AADI.

                La diffida da parte dell’Associazione avvocatura degli infermieri: “Non esiste il giudizio di incondizionata d'idoneità” presente invece sulla delibera della Azienda ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione