“Abbiamo assistito a scene da far west – raccontano i medici e gli infermieri – Hanno distrutto tutto quello che trovavano, provocando danni per migliaia di euro”

Una donna  ieri sera è arrivata in codice rosso in gravissime condizioni di salute per un grave infarto. I medici  e gli infermieri del pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo hanno fatto di tutto per salvarla, ma la sessantenne già in gravissime condizioni è morta. Nel momento in cui  i sanitari hanno comunicato la notizia del decesso, i familiari della donna hanno messo a ferro e fuoco il pronto soccorso.

Sono intervenute diverse volanti della polizia che hanno bloccato i familiari e li hanno identificati e denunciati per una serie di reati.

Interviene anche l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza: “Devastare un pronto soccorso, presidiato da guardie giurate, e’ un atto violento, sconsiderato, insopportabile. Non si puo’ giustificare con il dolore per la scomparsa di un proprio congiunto, arrivato in gravissime e disperate condizioni. Il pronto soccorso, come l’ospedale in genere, e’ un luogo di sofferenza e di speranza, di vita e di morte. Non possiamo inneggiare agli eroi in camice e poi farci sopraffare dalla emotivita’ che diventa violenza. Ai medici e operatori del Civico di Palermo va il mio sentimento di solidarieta’”.

l’Ordine dei medici: “Ancora violenza. Gli ospedali sono ormai campi di battaglia dove malati e familiari possono tranquillamente dare sfogo a tutta la loro rabbia incontrollabile, salvo poi essere fermati dalle forze di pubblica sicurezza e contare i danni”. E’ il commento del presidente dei medici Toti Amato sulla devastazione del pronto soccorso dell’ospedale Civico. Gli Omceo siciliani e la Fnomceo, guidata dal presidente Filippo Anelli, esprimono coralmente tutta la solidarietà ai colleghi e ai sanitari del Civico, rinnovando il loro impegno “forte e ad alta voce” nella sensibilizzazione di tutte le autorità preposte al controllo della sicurezza e alla tutela della dignità professionale di tutti i sanitari.

Il Coordinamento delle professioni sanitarie Cisl Catania è vicino a medici e infermieri e al resto dei professionisti sanitari che durante il loro delicatissimo servizio hanno subito il vile attacco che dimostra ancora una volta quanto pericoloso sia lavorare  nei Pronto Soccorsi.

NurseNews

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Infermieri prescrittori, l’Italia è ancora ferma. Ecco i possibili vantaggi e come funziona in Europa

Infermieri prescrittori, l'Italia è ancora ferma. Ecco i possibili vantaggi e come funziona in Europa

          La ricetta infermieristica non è solo appannaggio dei paesi anglosassoni e della Scandinavia. Nell'Unione Europea è diffusa e prevista da ...

Continua a leggere

CGL,CISL,UIL alla ragione Sicilia:necessarie assunzioni urgenti del personale sanitario e socio sanitario ai sensi delle normative vigenti.

CGL,CISL,UIL alla ragione Sicilia:necessarie assunzioni urgenti del personale sanitario e socio sanitario ai sensi delle normative vigenti.

            Oggetto: L. 234/2021 Art. 1 c. 268 lett. b - richiesta convocazione. Gentile Assessore, salutiamo con i migliori auspici la Sua designazione ...

Continua a leggere

Cassazione: Il lavoratore può rifiutarsi di svolgere mansioni inferiori.

            Con l’ordinanza n. 30543 del 18.10.2022, la Cassazione afferma che il lavoratore adibito a mansioni inferiori rispetto a quelle del ...

Continua a leggere

Stabilizzati medici e personale sanitario al Cannizzaro, Giuffrida: “Valorizzata professionalità preziosa”

Stabilizzati medici e personale sanitario al Cannizzaro, Giuffrida: Valorizzata professionalità preziosa

            I primi a beneficiare di una nomina a tempo indeterminato sono 13 medici di varie discipline: dall’Anatomia Patologica alla Chirurgia ...

Continua a leggere

Gb: infermieri annunciano sciopero nazionale senza precedenti.

                Coinvolti oltre la metà degli ospedali. Duro colpo per governo.   LONDRA, 09 NOV - Gli infermieri del Regno Unito hanno votato ...

Continua a leggere

Ars Sicilia,Schifani:«Nuovo assessore alla salute sono concentrato su Giovanna Volo…»

          Renato Schifani Presidente della Regione Siciliana sul potenziale e futuro  assessore alla salute Giovanna Volo: «Ritengo possa dare una forte ...

Continua a leggere

Arretrati Ccnl professioni sanitarie, si applica la tassazione separata

          Si tratta del particolare regime fiscale dell’Inps riferito a tutti i redditi che si siano formati in un periodo di ...

Continua a leggere

Aggressione poliziotte, Cisl Catania: “servono iniziative di sensibilizzazione e tutele adeguate”

                «L’aggressione alle poliziotte è solo l’ultimo caso di intolleranza nei confronti dei rappresentanti delle forze dell’ordine a Catania, anche se ...

Continua a leggere

Cassazione:i buoni pasto spettano anche agli Infermieri,medici e Oss che non possono usufruire della pausa pranzo.

            La Corte di Cassazione, con Sentenza n. 5547 del 2021, ha stabilito che il buono pasto sostitutivo spetta anche al ...

Continua a leggere

Il neo insediato Ministro della salute Orazio Schillaci ringrazia gli Ordini dei medici e degli infermieri per sacrificio dimostrato durante la pandemia .

                Il  neo Ministro della Salute Schillaci, alla conferenza stampa convocata al termine del Consiglio dei Ministri, ha ribadito l’importanza della ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione