L’Assessore alla salute Manuela Lanzarin in conferenza stampa con il governatore Zaia dichiara di non avere nessuna intenzione di ritirarla, nonostante le numerose proteste che arrivano dal mondo sindacale e politico (M5S Mammì)

È stata pubblicata ieri, sul Bollettino ufficiale della Regione n. 45, la discussa delibera che istituisce il percorso di “Forma zione complementare in assistenza sanitaria dell’operatore socio-sanitario”. La delibera trasforma di fatto, con un mini corso online di 400 ore gli operatori socio sanitari in “piccoli” infermieri, trasferendo loro competenze proprie della professione infermieristica.

Una scelta politica in favore della potente lobby delle strutture sanitarie private.

Ma perché gli infermieri scelgono di lavorare nelle strutture pubbliche?

Questo il vero interrogativo che la parte datoriale dovrebbe porsi. Infermieri sottopagati nel privato con contratti al ribasso, a volte terziarizzati da cooperative o agenzie interinali.

Quindi ancora una volta, agli infermieri viene calpestata la loro dignità professionale, nessuna riconoscenza dopo un anno di emergenza sanitaria.

Ma veniamo alla delibera appena pubblicata e quindi operativa sin da subito.

Tutte le forze di opposizione in Consiglio regionale hanno chiesto la sospensione, se non addirittura il ritiro, del testo che punta ad addestrare 510 addetti. Ma la Giunta veneta tira dritto: “Incontreremo i sindacati la settimana prossima, tuttavia per noi il provvedi mento rimane, vista la carenza di organico”, ha detto l’assessore Manuela Lanzarin.

“Attualmente abbiamo in formazione 1.200 infermieri – ha sottolineato Lanzarin – ma abbiamo presentato al ministero della Salute un fabbisogno di 3.000 e abbiamo ottenuto per l’anno prossimo di arrivare a 1.500 nei corsi di laurea. È evidente che non bastano. Per questo abbiamo pensato alla figura de gli oss specializzati, previsti da una norma regionale del 2001 e da una legge nazionale del 2003. Da parte nostra non c’è nessuna volontà di sostituire gli infermieri con una laurea triennale, né di dividere gli operatori socio-sanitari tra “serie A” e “serie B”. Semplicemente dobbiamo sopperire a un’esigenza contingente e urgente”.

Nessuna voce autorevole dalla presidente della Fnopi Mangiacavalli.

Guarda la conferenza stampa del governatore Zaia e dell’assessore Lanzarin (min. 25)

 

Allegato: Delibera BUR Veneto n. 45

Autore: Massimo Randolfi

Fonte: NurseTimes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

  Un ampio studio su Lancet condotto in Australia suggerisce che il rapporto minimo di un infermiere ogni 4 pazienti (l’Italia ...

Continua a leggere

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

                Tutto il personale sanitario e’ stato in prima linea nella fase più acuta della pandemia e, ancora oggi, affronta giornalmente ...

Continua a leggere

Le Aziende sanitarie, in relazione al proprio assetto organizzativo e compatibilmente con le risorse disponibili, possono istituire mense di servizio o, in alternativa, garantire l'esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive (buoni pasto).

                Ai Direttori Generali A.O. Cannizzaro ARNAS Garibaldi A.O.U. Policlinico - Vittorio Emanuale ASP Catania Oggetto: Corte di Cassazione Sentenza 01/03/2021 ...

Continua a leggere

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

            Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ...

Continua a leggere

42mila euro per l'auto blu del presidente dell'ordine degli infermieri.

              Grazie a Nurse Times la FNOPI apre le porte "di casa" C’è voluta una puntura di spillo per far scoppiare la ...

Continua a leggere

Se al posto del Nobel al personale sanitario dessimo uno stipendio migliore?

Se al posto del Nobel al personale sanitario dessimo uno stipendio migliore?

              L’impressione è che il premio per la Pace sia diventato negli anni una delle lavatrici dove inserire le coscienze sporche. È ...

Continua a leggere

Sanità e precariato, Cisl: Adesso garantire stabilità

              Danilo Sottile, segretario generale della Cisl Fp Catania, sottolinea il rischio che a fronte del grande contributo dato durante l'emergenza ...

Continua a leggere

Sileri, Delibera Oss:va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003,

Sileri, Delibera Oss:va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003,

            La delibera 305/2021 del Veneto va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, al quale è necessario uniformarsi, ...

Continua a leggere

Danilo Sottile il nuovo segretario della Cisl Catania.

  Questo il ruolo della Cisl FP Catania per il suo segretario Danilo Sottile, durante la riunione del consiglio esecutivo svoltasi ...

Continua a leggere

Dl Covid : Cgil Cisl Uil Fp, bonus baby sitter a professioni sanitarie e socio sanitarie

            Roma, 18 marzo – “Riconoscere urgentemente il bonus baby sitter a tutto il personale delle attività sanitarie, socio sanitarie e ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione