ASINTOMATICI COVID-19 DANNI
Dopo la bufala dei pazienti morti “per” e di quelli morti “con” il coronavirus, smentita dall’analisi delle cartelle cliniche effettuate dall’Istituto Superiore di Sanità, c’è ora una nuova, fuorviante arma semantica che certi irriducibili negazionisti continuano a utilizzare: quella della distinzione fra malattia e infezione, a significare che chi ha il virus, ma non mostra sintomi, non è malato, così che l’aumento del numero dei soggetti infettati evidente da settimane non dovrebbe preoccupare nessuno, perché si tratterebbe non di malati, ma quasi di “portatori sani” del virus.

CATTIVI SCIENZIATI
Contro il Covid le misure punitive e troppo restrittive non funzionano

Ora, al di là dell’ovvia considerazione che se il virus aumenta la sua circolazione, inevitabilmente aumentano anche i casi di ricovero in ospedale e in terapia intensiva, come stiamo inequivocabilmente sperimentando, e alla fine aumentano anche i morti giornalieri, come abbiamo appena cominciato a vedere, qui mi preme ricordare che se un soggetto infettato dal virus non percepisce sintomi di rilievo dall’inizio alla fine dell’infezione non significa affatto che quel soggetto non stia subendo un danno, la cui rilevanza potrebbe divenire apparente ben dopo la guarigione.

 

Già a giugno Eric Topol, il fondatore e direttore dello Scripps Research Translational Institute in California, scriveva che “l’assenza dei sintomi di Covid-19 nelle persone infettate da Sars-CoV-2 non implica necessariamente l’assenza di danni”. C’è bisogno di indagare maggiormente il significato dei cambiamenti subclinici visibili nei polmoni mediante Tac”. A cosa si riferiva Topol? Per esempio, allo studio condotto sulla nave da crociera Diamond Princess: su 76 soggetti in cui il virus non ha dato nessun sintomo apparente, il 54 per cento presentava comunque lesioni polmonari. O anche a uno studio sui bambini (11 mesi – 14 anni) condotto in Cina, in cui una porzione non trascurabile di soggetti dal decorso completamente asintomatico manifestava parimenti le classiche opacità polmonari e quindi le classiche lesioni legate all’infezione nei polmoni.

La presenza di queste lesioni polmonari desta preoccupazione, perché esse potrebbero costituire un ovvio fattore di rischio predisponente ad altre condizioni, in soggetti che oltretutto in molti casi non sono consapevoli di essere stati infettati e dunque di possederle. Fra le tante possibili ricadute dannose, per fare un esempio concreto, vi è la possibilità di un accresciuto rischio di eventi infausti per quei soggetti con danno polmonare subclinico da Covid-19 che dovrebbero sottoporsi a radioterapia toracica, come descritto in un lavoro pubblicato pochi giorni fa.

Non solo i polmoni, ma anche il cuore dei soggetti asintomatici può subire danni, la cui durata si estende ben oltre quella dell’infezione. In uno studio su 100 pazienti, con età media di soli 49 anni, di cui la grandissima parte asintomatici o con sintomi molto lievi, si è trovato che a due mesi dal test che aveva rilevato il virus, il 78 per cento presentava anomalie cardiache e il 60 per cento aveva miocardite, cioè un’infiammazione del muscolo cardiaco. Questo perché il cuore è uno degli organi sui cui tessuti è presente in abbondanza il recettore del virus, Ace2; per cui anche i soggetti asintomatici, come dimostra lo studio citato, possono sperimentare danni più o meno seri.

Redazione #NurseNews

Il foglio

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Covid19: nuovi casi in aumento nel mondo e caos vaccini.

Covid19: nuovi casi in aumento nel mondo e caos vaccini.

Mentre crescono i contagi di Covid-19 nel mondo , con oltre 4,5 milioni di nuovi casi negli ultimi 7 giorni ...

Continua a leggere

Il Direttivo dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri querela la FNOPI.

Il Direttivo dell’Associazione Avvocatura Degli Infermieri querela la FNOPI.

          Riprendiamo e riportiamo per intero l’articolo pubblicato da Nurse times, riguardante la manifestazione a Piazza del Popolo dell’undici aprile, avvenuta ...

Continua a leggere

Cos'è un Ordine professionale.

              Gli Ordini professionali sono enti pubblici non economici posto "sotto l'alta vigilanza del Ministero della salute", la cui funzione principale consiste ...

Continua a leggere

Opi Salerno: “Ordine di servizio va disatteso in quanto contrario a norme imperative di legge”

        Il presidente dell'ordine degli infermieri di Salerno dott. Cosimo Cicia, contesta a stretto giro di posta l’ordine di servizio redatto ...

Continua a leggere

Le mansioni igienico domestiche alberghiere non sono MAI state attribuite all’infermiere ex professionale, oggi laureato.

Le mansioni igienico domestiche alberghiere non sono MAI state attribuite all'infermiere ex professionale, oggi laureato.

                Le mansioni di igiene domestico-alberghi non sono mai state attribuite all’Infermiere ex professionale, oggi laureato, neanche ai tempi del mansionario! ...

Continua a leggere

Salerno, Infermieri costretti a fare gli oss. È caos nella sanità Italiana, intervenga la fnopi.

        Che tipo di "prove" sono necessarie per dimostrare il danno da demansionamento? Dopo il riconoscimento dell’Operatore Socio Sanitario con formazione complementare ...

Continua a leggere

Zaia:“Per fare iniezioni non serve la laurea”.Ecco La risposta degli ordini dei medici.

Zaia:“Per fare iniezioni non serve la laurea”.Ecco La risposta degli ordini dei medici.

          Gli Ordini dei Medici chirurghi e Odontoiatri del Veneto rispondono alle parole del governatore Luca Zaia che aveva detto: “Per ...

Continua a leggere

L'infugibilita' di infermieri e OSS.

            Già il REGIO DECRETO 2 maggio 1940 n. 1310 determinava le mansioni dell'infermiere professionale e quelle degli infermieri generici. (GU n.225 ...

Continua a leggere

OSS e Delibera Veneto:Opi Vicenza, Pegoraro valuta ricorso al Tar contro legge regionale.

OSS e Delibera Veneto:Opi Vicenza, Pegoraro valuta ricorso al Tar contro legge regionale.

          “Non vogliamo passare per quelli che, come spesso accade in Italia, appena si cerca una soluzione creano il “comitato del ...

Continua a leggere

la proposta di legge presentata in Senato per il riordino e lo sviluppo della professione OSS. Criticità.

la proposta di legge presentata in Senato per il riordino e lo sviluppo della professione OSS. Criticità.

            Di seguito allegato riportiamo il testo integrale del disegno di legge n 2071 presentato dalla senatrice Boldrini (PD) al Senato della ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione