In organico nella Polizia di stato vi sono 216 Infermieri, tutti con compiti tecnici. Si tratta del più basso livello contrattuale per il poliziotto.

Il personale della polizia di stato è organizzato secondo tre ruoli ben distinti (in base al Decreto del Presidente della Repubblica Italiana n. 337/1982):

  1. ordinario;
  2. tecnico scientifico e tecnico;
  3. professionale.

Il massimo della carriera che un Infermiere di Polizia può raggiungere è quello del “perito tecnico”, che in ambito civile può identificarsi con il vecchio “caposala” o con il nuovo “coordinatore infermieristico”. Si noti che non è previsto nessun ruolo dirigenziale.

L’Infermiere, spiega Bellini, viene inquadrato al proprio inizio di carriera nel ruolo dei “revisori tecnici” della Polizia di Stato: “il personale appartenente al ruolo dei revisori tecnici svolge mansioni esecutive richiedenti conoscenza specialistica nel settore tecnico al quale è adibito, con capacità di utilizzazione di mezzi e strumenti complessi e di interpretazione di disegni, grafici e dati nell’ambito di direttive di massima ricevute…omissis…al suddetto personale possono essere attribuiti compiti di istruzione del personale subordinato (…)” (DPR 337/82, art. 15).

È obbligatoria l’iscrizione all’Albo nazionale degli Infermieri per chi lavora nella PS?

La risposta è negativa, nonostante ciò quasi tutti gli Infermieri di Polizia hanno fatto la scelta di iscriversi al Collegio provinciale IPASVI di competenza e quindi di far parte dell’Albo nazionale.

Non è tutto. Gli Infermieri di Polizia, pure se dotati di Laurea  o titolo equipollente o di Laurea di secondo livello, non vengono riconosciuti come tali. Infatti, rispondono ancora al D.M. del 18 luglio 1985 dove si parla di “Mansioni esecutive affidate ai superiori” (come il vecchio Mansionario per gli Infermieri civili) e non come dovrebbe essere al Dm. 739/94 (Profilo Professionale) che li rende responsabili dell’assistenza generale Infermieristica.

Inoltre, ribadiamo, l’Infermiere di Polizia non ha possibilità di fare carriera, a differenza dell’Infermiere civile che può ambire anche a ruoli altamente dirigenziali.

Ruolo e competenze dell’Infermiere di Polizia

Qui entriamo in un campo piuttosto minato. L’Infermiere di Polizia non è autonomo, ma:

  1. segue l’utente dall’ingresso alla quiescenza;
  2. è il primo interlocutore nella richiesta di assistenza;
  3. è il primo referente del bisogno di salute o dello stato di necessità dell’utente/poliziotto;
  4. traduce il bisogno di assistenza;
  5. fa da guida per l’utente;
  6. è anche un Infermiere Forense;
  7. è un formatore;
  8. è parte integrante della medicina del lavoro;
  9. è una figura in costante “modellamento” (e questo è un bene, perché la professione nell’ambito della PS è in continua evoluzione).

L’Infermiere di Polizia, aggiunge Bellini, è:

  1. un Infermiere di Sanità Pubblica nell’area della prevenzione, negli interventi volti al miglioramento continuo della qualità sul luogo di lavoro, nel contribuire alla promozione della salute attraverso l’educazione alla salute, la prevenzione e la diagnosi precoce;
  2. Ufficiale di Polizia Giudiziaria in campo sanitario che si traduce in un professionista specializzato nella valutazione di ogni aspetto giuridico e giurisprudenziale che riguardi l’esercizio dell’assistenza infermieristica;
  3. è un Infermiere di Area Critica, visto il suo costante impiego nelle attività considerate a rischio per il personale di polizia (esercitazioni con armi da fuoco, attività subacquee, manifestazioni caratterizzate da intensa partecipazione di persone, ambienti NBC, paracadutismo, etc.) o contesti che vedono coinvolte persone non appartenenti alla Polizia di Stato come le pubbliche calamità o attentati;
  4. è un formatore, perché contribuisce al fabbisogno formativo nelle materie di primo soccorso, igiene, medicina del lavoro che devono necessariamente essere bagaglio di ogni operatore di polizia;
  5. è parte integrante di quel contesto di intervento denominato medicina del lavoro: titolari di patenti di guida per automezzi in servizio di polizia, istruttori di tiro, armaioli e addetti alla custodia delle armi, addetti all’officina e all’autorimessa, addetti ai videoterminali, sommozzatori, artificieri, paracadutisti, atleti, orchestrali;
  6. è una figura in costante “modellamento” alle esigenze che è chiamato ad assolvere: a seconda del proprio ambito di attività (Questura, Istituto di Istruzione, Reparto Mobile, Centro Nautico, Scuola Alpina, Reparto Speciale) riceve una formazione ad hoc: BLS, F. sub, Alpinismo, intervento durante i servizi di Ordine Pubblico, ecc.;
  7. è un poliziotto impiegato, tra le altre cose, ad erogare assistenza in tutti quei contesti in cui non è possibile farla erogare da altro personale del S.S.N., ovvero nel caso di soggetti destinatari dei provvedimenti di estradizione, di collaboratori di giustizia e rifugiati politici;
  8. è anche un burocrate, che produce continuamente incartamenti e documentazione digitale.

Prospettive future

Dal primo all’ultimo concorso per Infermieri di Polizia sono passati circa 20 anni. Oggi gli agenti che hanno questo ruolo specifico sono 216 a livello nazionale: sono pochissimi e non riescono a soddisfare il bisogno dei colleghi in difficoltà con la salute. Di contro, i Medici di Polizia sono 350.

Tante sono le sedi vacanti o coperte da una sola unità infermieristica; oggi non viene garantito, quindi, un buon livello di assistenza. Occorrerebbero nuovi concorsi a cadenza annuale o biennale come avviene per i Medici o dare la possibilità agli Infermieri che lo volessero di arruolarsi liberamente.

Occorre, per quanto detto finora, affrontare seriamente l’adeguamento normativo: dagli anni ‘90 in avanti nel Servizio Sanitario Nazionale sono emerse tante novità (abolizione del mansionario, crediti Ecm, dirigenza per i laureati, laurea per diventare infermieri, inquadramento nel Ruolo Direttivo per gli Infermieri ed altro).

Quali sono le richieste specifiche degli Infermieri di Polizia?

Recepire ed adeguarsi all’esistente. Quindi:

  1. abolire il mansionario (D.M. del 18 luglio 1985);
  2. iscrizione obbligatoria all’Albo nazionale degli Infermieri e quindi all’Ipasvi;
  3. obbligo formativo post-base (Ecm);
  4. adesione ai dettami del “Profilo Professionale dell’Infermiere” (D.M. 739/94 e alle leggi successive).

In altre parole, fare riferimento alla specifica normativa di settore già emanata dallo Stato Italiano ed applicarla anche ai lavoratori Infermieri della Polizia di Stato (D.M.739/1994, L.42/1999, L.43/2006).

A quanto già detto va aggiunto il nuovo inquadramento:

  1. gli Infermieri di Polizia non devono essere più manovalanza, ma riconosciuti come dei Professionisti della Salute e poter ambire a ruoli dirigenziali come avviene per i colleghi laureati in altre discipline;
  2. è necessaria la collocazione nel Ruolo Direttivo (come previsto dall’attuale bozza di revisione dei ruoli della Polizia di Stato ai sensi della Legge n.124 del 2015).

Che tradotto nel linguaggio proprio della Polizia di Stato, significa:

  • non ha senso assumere un diplomato e inquadrarlo come “ispettore”;
  • non ha senso assumere un laureato di 1° livello (Infermiere) e inquadrato come “revisore tecnico”;
  • i laureati Infermieri iniziano la carriera con la qualifica di Vice-Revisore Tecnico (D.P.R. 337 del 1982 e D.Lgs. 12/5/1995, n.197);
  • nelle Forze Armate entrerebbero come “Sergenti”.

Attualmente lo schema gerarchico della Polizia di Stato prevede:

  1. Commissario (Laurea);
  2. Ispettore (Diploma);
  3. Revisore (Laurea Infermiere).

La proposta avanzata a Roma dagli Infermieri di Polizia è stata un’altra (piuttosto chiara e rispettosa dei ruoli e delle competenze):

  • Commissario (Laurea);
  • Laureati di primo livello (Laurea in Infermieristica);
  • Ispettore (Diploma).
  • La giusta collocazione dell’infermiere non può essere che nel Ruolo dei Direttivi della Polizia di Stato: qualifica che terrebbe conto degli specifici anni di formazione occorrenti per diventare infermiere e della laurea da dover conseguire.

Bellini ha chiarito anche un altro aspetto: gli Infermieri di Polizia non possono più restare in un ruolo tecnico, ma devono necessariamente essere inseriti nel Ruolo Professionale dei Sanitari (DPR 338/82) ed essere dotati di Laurea o titolo universitario equipollente e di iscrizione all’Albo degli Infermieri.

 

Redazione NurseNews

Fonte nurse24

 

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Licenziamenti: la Corte Costituzionale “smonta” un pezzo di Legge Fornero

Licenziamenti: la Corte Costituzionale “smonta” un pezzo di Legge Fornero

          Con comunicato diramato in data odierna, la Corte Costituzionale ha reso noto di aver dichiarato fondata la questione di illegittimità ...

Continua a leggere

Pandemia, Anelli (Fnomceo): “Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti”.

Pandemia, Anelli (Fnomceo): “Spetta al Governo centrale il ruolo di guida. Rafforzare il Ministero della Salute e coinvolgere i professionisti”.

            Sentenza della Corte Costituzionale sulla competenza esclusiva dello Stato per la gestione dell’emergenza Covid. Anelli (Fnomceo) plaude: “Spetta al Governo centrale ...

Continua a leggere

DOTT. Mauro Filippi, infermiere, nuovo DIRETTORE GENERALE dell’Aulss 4 Veneto Orientale.

    Mauro Filippi, già direttore sociosanitario dell’Aulss 4 Veneto Orientale, laureato in Scienze Infermieristiche  è il nuovo direttore generale dell’Aulss. “E’ partito ...

Continua a leggere

PRIMARIO TRASFORMA GLI OSS IN INFERMIERI: DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI POTENZA PER ISTIGAZIONE ALL’ABUSO 348 C.P..

            Diffida alla all’azienda ospedaliera regionale San Carlo e all’Ordine delle Professioni Infermieristiche (Potenza) ISTIGAZIONE ALL’ESERCIZIO ABUSIVO DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA – ISTIGAZIONE ...

Continua a leggere

MAMMI', COVID-19: STOP AL VINCOLO DI ESCLUSIVITÀ' PER GLI INFERMIE

                COVID-19: STOP AL VINCOLO DI ESCLUSIVITÀ' PER GLI INFERMIERI DEGLI OSPEDALI PUBBLICI. UNA GRANDE OPPORTUNITÀ' PER LA CATEGORIA. E stato accolto nel ...

Continua a leggere

Università di Brescia:studenti di scienze infermieristiche ballano imbracciando padelle e pappagalli.Infermieri indignati.

          In rete su youtube sono apparsi dei video realizzati nel 2017 da alcuni studenti del corso di laurea in infermieristica ...

Continua a leggere

Occhio alle bufale: sia i polmoni che il cuore dei soggetti asintomatici possono subire danni. E la durata si estende ben oltre quella dell’infezione. Cosa dicono gli studi.

Occhio alle bufale: sia i polmoni che il cuore dei soggetti asintomatici possono subire danni. E la durata si estende ben oltre quella dell’infezione. Cosa dicono gli studi.

          ASINTOMATICI COVID-19 DANNI Dopo la bufala dei pazienti morti “per” e di quelli morti “con” il coronavirus, smentita dall’analisi delle cartelle ...

Continua a leggere

Per la Corte D’appello di Salerno  non sussiste nessun vincolo di esclusività per gli infermieri. L’ultima parola alla Corte di Cassazione.

Per la Corte D'appello di Salerno  non sussiste nessun vincolo di esclusività per gli infermieri. L'ultima parola alla Corte di Cassazione.

            CORTE DI APPELLO DI SALERNO SEZIONE LAVORO - 15/02/2021 Una sentenza  storica, che svincola la nostra professione dai limiti dell’esclusività. La Corte ...

Continua a leggere

INFERMIERISTICA AEROSPAZIALE, UN NUOVO ORIZZONTE

                Bisogna fare un salto a ritroso negli anni sessanta per trovare, con i primi lanci di esseri viventi nello spazio, ...

Continua a leggere

INFERMIERI MILITARI E DELLA POLIZIA DI STATO DISCRIMINATI NELLE GERARCHIE. SI RICONSCA RUOLO DIRETTIVO.

INFERMIERI MILITARI E DELLA POLIZIA DI STATO DISCRIMINATI NELLE GERARCHIE. SI RICONSCA RUOLO DIRETTIVO.

        Gli infermieri militari delle Forze Armate e della Polizia di Stato sono caratterizzati da un forte livello di competenze specialistiche ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione