ROMA – «Tutti uniti, scendiamo nelle strade e nelle piazze, sotto un’unica bandiera, non contino le sigle, le divise e i loghi di appartenenza. Perché siamo infermieri, infermieri italiani, combattiamo per le stesse istanze e portiamo avanti gli stessi obiettivi».

Antonio De Palma, presidente del Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, accoglie con entusiasmo la notizia della manifestazione del prossimo 15 giugno organizzata dal neonato Movimento Nazionale Infermieri e rivolge loro un accorato appello.
«Stiamo lottando tutti, in ogni dove, per dare peso specifico e dignità a queste manifestazioni. Non conta chi le organizza e dove si tengono, la nostra è una battaglia di civiltà, i cittadini lo hanno compreso, ci sono vicini, ci hanno applaudito durante i recenti flash mob. Sono dalla nostra parte. A differenza di una classe politica cieca, insensibile, che ha fatto dell’indifferenza nei nostri confronti lo strumento per ripagarci degli sforzi che abbiamo profuso sul campo durante la pandemia.
Sono entusiasta del fatto che tanti colleghi scenderanno in strada in Sicilia e con il pensiero sarò al loro fianco. Auspico per la loro manifestazione la migliore riuscita possibile.
Questo è il momento, continua De Palma, dobbiamo perseguire un obiettivo comune e massimizzare gli sforzi. Abbiamo gli stessi interessi, abbiamo lottato contro lo stesso nemico subdolo e invisibile a costo della vita. Siamo pronti a rifarlo se fosse necessario.
Nursing Up chiede a tutti i colleghi italiani di combattere uniti.
Nursing Up plaude a quella unione di forze capace di trarre spunto dal nostro essere professionisti sanitari, una collettività caratterizzata da un forte senso di appartenenza, che finalmente dimostra di essere matura per valicare le cosiddette “differenze di divisa”. Oggi non conta essere iscritti o meno, se teniamo davvero al nostro futuro professionale abbiamo la possibilità di costruire un muro di lotta e di autorevolezza che non potrà che consegnarci i risultati che chiediamo.
Possiamo essere davvero tutti uniti, possiamo esserlo ora come non mai, e siamo anche ben accompagnati, sottolinea De Palma con orgoglio, perché in questi giorni non si muove solo la nostra coscienza ma lo stanno facendo anche i cittadini, perchè la gente ci sostiene e ci attesta la loro vicinanza.
Per questo invito senza indugio gli amici e i colleghi del Movimento Nazionale Infermieri o di qualsiasi altro gruppo a contattarci in qualsiasi momento per dare valore comune e coeso alle future rivendicazioni, forti anche del fatto che rappresentiamo tutti le medesime istanze», conclude il Presidente del Nursing Up.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione