La dottoressa Luisa Venneri, coordinatore infermieristico dell’Emergenza Urgenza degli ospedali San Paolo e Carlo di Milano: “La Repubblica? L’abbiamo retta noi. E’ qualcosa che ci porteremo dietro per il resto della vita”

Mette da parte ogni falsa modestia, mentre lo dice: “L’abbiamo retta noi la Repubblica”. Sa che è vero, la dottoressa Luisa Venneri, coordinatore infermieristico dell’Emergenza Urgenza degli ospedali San Paolo e Carlo di Milano. E sa che è lecito attendersi ciò che dice subito dopo: “Mi piacerebbe che nelle celebrazioni del 2 giugno tutte le istituzioni ricordassero tutti noi operatori sanitari. Perché è vero che abbiamo fatto il nostro mestiere, che lo abbiamo scelto, che non siamo missionari né eroi. Come è vero che nessuno di noi si è tirato indietro, o ha fatto obiezioni di qualsiasi tipo. Ecco, sarebbe bene che tutti si ricordassero dei nostri sacrifici. Delle conseguenze che stiamo pagando. Della sofferenza che abbiamo dovuto reggere. È qualcosa che ci porteremo dietro per tutta la vita”.

Parla di un duro pressing psicologico e di pesi quotidiani, la dottoressa Venneri: “Tanti colleghi sono in malattia per burn out, solo che il sistema non la riconosce come malattia. I reparti di Psicologia e Psichiatria hanno dato una grande mano a infermiere e infermieri, ma in tanti hanno dovuto assumersi il ruolo che di solito spetta ai parenti, fare da tramite con il loro dolore, e alla fine non hanno retto”. Ma il peso dell’emergenza si riflette anche nel quotidiano, nell’organizzazione pratica dei reparti: “Abbiamo il problema delle vacanze estive. Ricorderà le direttive di marzo, la sospensione delle ferie, e qui nessuno prende un giorno da quattro mesi, ma ora ci sarebbero da pianificare i turni, come succedeva negli anni scorsi a inizio giugno. Solo che nessuno ha ancora sospeso quel divieto. Se lo saranno dimenticato? Di fatto, quattrocento persone non sanno ancora quando andranno in vacanza”. E dio solo sa quanto ne abbiano bisogno.

Ci sono i riconoscimenti ufficiali. Ci sono le parole del presidente Sergio Mattarella, che non sono affatto normali. Non basta, però: “Lo Stato – sospira la dottoressa – dimentica in fretta. Voglio sperare che finalmente si punti a un rilancio della sanità pubblica. Norme, numeri, ruoli. Fondi. Abbiamo il rapporto medici-pazienti più basso d’Europa, siamo in fondo alle classifiche per numero di letti. Se vogliamo far parte dell’Unione, facciamolo a 360 gradi, invece siamo sempre troppo pochi e tirati al massimo. Il colmo è che, quando qualcuno di altolocato si presenta nei nostri reparti, pretende l’eccellenza”. E, a ingratitudine pubblica, comincia a sommarsi quella privata: “Gli irrispettosi, quelli che arrivano in Pronto Soccorso – spiega Venneri – e pretendono, e insultano. Siamo stanchi e fatichiamo adesso a tollerarli. Come non tolleriamo quell’idiota in giacca arancione, che dice che il Covid non esiste. Fa male al cuore. Qualche mio collega comincia a non trattenere la delusione: gli eroi, i balconi, le bandiere, è già finito tutto. Ma solidarietà ne riceviamo ancora. E, sì, speriamo in una Repubblica migliore”.

Redazione

Fonte la repubblica

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione