Ecco di cosa si occuperà questa nuova figura professionale.
Infermiere di famiglia (o di quartiere).

Il Decreto Rilancio istituisce la figura dell’infermiere di famiglia (o di quartiere); è per questo che – già da subito- si potrà procedere all’assunzione di 9.600 infermieri.

La figura dell’infermiere di famiglia sarà molto importante per dare supporto sul territorio nella gestione dei pazienti affetti da COVID-19.

Come vedremo di seguito analizzando nel dettaglio quello che deve essere il ruolo dell’infermiere di famiglia,quindi, si tratterà di una presa in carico principalmente di pazienti cronici.

Insomma, da oggi più opportunità di lavoro per il personale infermieristico; al fine di rafforzare i servizi e potenziare la presa in carico sul territorio dei soggetti infettati da SARS-COV-2 identificati COVID-19 si potranno assumere fino a 9600 infermieri.

Ecco come saranno contrattualizzati, quanto guadagnano e quali saranno le loro funzioni.

Assunzione di 9.600 infermieri di famiglia

Nel Decreto Rilancio si legge che le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale possono – in relazione ai modelli organizzativi regionale – assumere personale infermieristico anche dotandosi di:

forme di lavoro autonomo;
collaborazione coordinata e continuativa.
La decorrenza del rapporto di lavoro va da oggi, venerdì 15 maggio, al 31 dicembre 2020. Attenzione: questo non vale per gli infermieri che si trovano in costanza di rapporto di lavoro subordinato con strutture sanitarie e socio-sanitarie pubbliche e private accreditate.

Il numero massimo di infermieri di quartiere da assumere dipende dal bacino di riferimento di ogni azienda e ente del Servizio sanitario nazionale. Nel dettaglio, l’assunzione è di un numero non superiore ad otto unità infermieristiche ogni 50.000 abitanti.

Inoltre, per le medesime finalità, a decorrere dal 1° gennaio 2021, le aziende e gli enti del Servizio Sanitario Nazionale, possono procedere al reclutamento di infermieri in numero non superiore ad 8 unità ogni 50.000 abitanti, attraverso assunzioni a tempo indeterminato.

Quanto guadagna l’infermiere di famiglia?

Per il compenso è stato stabilito che – per le attività assistenziali svolte è riconosciuto agli infermieri assunti un compenso lordo pari di 30 euro l’ora, inclusivo degli oneri riflessi. Il monte settimanale massimo che può essere retribuito è pari a 35 ore. Settimanalmente, quindi, il compenso lordo è di 1.050€.

Infermiere di famiglia (o di quartiere): di cosa si occupa?
L’idea di base è quella di un infermiere (o più d’uno) che possa lavorare in sinergia con il medico di famiglia, mettendo su una piccola equipe medica operativa sul territorio. Ad anticipare quelli che dovrebbero essere i compiti dell’infermiere di quartiere è la FNOPI (Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche), che ha elencato dieci funzioni che dovrebbero essere attribuite a questa figura:

Valutare lo stato di salute e i bisogni della persona nelle diverse fasi della vita (adulta, infanzia, adolescenza), del contesto familiare e conoscere quelli di comunità;
Promuovere e partecipare ad iniziative di prevenzione e promozione della salute rivolte alla collettività
Promuovere interventi informativi ed educativi rivolti ai singoli, alle famiglie e ai gruppi, atti a promuovere modificazioni degli stili di vita
Presidiare e facilitare i percorsi nei diversi servizi utilizzando le competenze presenti nella rete
Pianificare ed erogare interventi assistenziali personalizzati alla persona e alla famiglia, anche avvalendosi delle consulenze specifiche degli infermieri esperti (es. wound care, sto mie e nutrizione artificiale domiciliare, ventilazione domiciliare, cure palliative e altre)
Promuovere l’aderenza ai piani terapeutici e riabilitativi
Partecipare alla verifica e monitoraggio dei risultati di salute
Sostenere i percorsi di continuità assistenziale tra sociale e sanitario, tra ospedale e territorio e nell’ambito dei servizi territoriali sanitari e sociosanitari residenziali e semi-residenziali
Garantire le attività previste per la realizzazione degli obiettivi della nuova sanità di iniziativa
Partecipare nell’integrazione professionale al perseguimento dell’appropriatezza degli interventi terapeutici e assistenziali, contribuendo alla relazione di cura, al rispetto delle volontà del paziente espresse nella pianificazione delle cure, anche in attuazione della legge 219/17 (Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento).
A questi ovviamente si aggiungono i compiti derivanti dall’emergenza sanitaria da COVID-19.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione