A quanti di noi è capitato di trovarsi di fronte a un medico o infermiere, senza avere con lui una giusta lunghezza d’onda? In quanti ci siamo trovati afflitti non solo da una diagnosi ma anche e soprattutto dal modo in cui ci è stata data? Quello di cui avrebbe bisogno un paziente è in realtà una cosa davvero semplice: un accenno di conforto e parole soppesate. E non c’è bisogno necessariamente di avere “ferali notizie”: anche per semplici controlli di routine l’armonia col proprio dottore è di fondamentale importanza.

Continua a leggere

Il 5% di casi di tumore alla vescica diagnosticati ogni anno in Europa, possono essere attribuiti all’esposizione di sostanze chimiche, i trialometani (THM), presenti nell’acqua potabile. È il risultato di un’analisi condotta dall’Istituto Barcellona per la salute globale (ISGlobal) e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives.

Continua a leggere

Sanità Digitale
La tecnologia, anche in ambito sanitario, progredisce tanto velocemente che non è facile stare al passo con i suoi sviluppi. Ecco perché, va bene continuare a parlare di fascicolo sanitario elettronico, telemedicina, ricetta elettronica, ma occorre anche fare una svolta innovativa per allinearci alle best practice Ue

Continua a leggere

Errori medici ed infermieristici correlati al lavoro notturno e alla mancanza di personale:negli USA la terza causa di morte.

In termini numerici, dopo le malattie cardiovascolari e il cancro, si muore di errori legati alla pratica “medica” , cioè di errori di medici e personale infermieristico. Un recente studio della Johns Hopkins University ha stimato che ogni anno nei soli USA muoiono più di 250.000 persone a causa di errori sanitari . Altre fonti autorevoli sostengono che questa cifra debba essere elevata a 400.000.

Continua a leggere


Per parlare di valutazione e certificazione delle competenze, però, occorre prima definire
le “competenze”; poi lavorare per promuovere competenze; quindi osservarle per
valutarle e, infine, certificarle.
Competenza = Piena capacità di orientarsi in un determinato campo. “Si tratta di accertare
non ciò che lo studente sa, ma ciò che sa fare con ciò che sa”. (G. Wiggins, 1993)
“La competenza è essenzialmente ciò che una persona dimostra di saper fare (anche
intellettualmente) in modo efficace, in relazione ad un determinato obbiettivo, compito o
attività in un determinato ambito disciplinare o professionale. Il risultato dimostrabile ed
osservabile di questo comportamento competente è la prestazione o la performance”. (R.
Drago, 2000).
La competenza è la “capacità di far fronte ad un compito, o a un insieme di compiti,
riuscendo a mettere in moto e ad orchestrare le proprie risorse interne, cognitive, affettive e
volitive, e a utilizzare quelle esterne disponibili in modo coerente e fecondo” (Pellerey,
2004).

Continua a leggere

 

Virus misterioso in Cina

Gli scienziati dell’Imperial College di Londra affermano che i contagi del Virus misterioso che ha causato un focolaio a Wuhan città Cinese di 11 milioni di abitanti che ha  un’aeroporto internazionale, non sarebbero 50 ma ben 1.700.

Tre casi sono stati “esportati” all’estero.

Due casi dell’infezione, dovuta ad un coronavirus parente della Sars ,si sono manifestati in Giappone e uno in Thailandia.

Amato Angelo


Nell’immaginario comune gli angeli hanno le ali e sono invisibili, ma in qualche caso assumono le vesti di un essere umano che si trova al punto giusto nel momento più opportuno. E soprattutto hanno un nome e un cognome. Lo sa bene una famiglia di Frosinone che ha avuto la grande fortuna di trovarsi di fronte il presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone, il dottor Gennaro Scialò che ha salvato una bambina di 10 mesi che rischiava di soffocare a causa di un rigurgito. E’ successo stamattina a Frosinone.
A raccontare quanto accaduto è stato lo stesso dottor Scialò, dal 15 ottobre scorso dirigente delle Professioni sanitarie infermieristiche dell’Azienda sanitaria Abruzzo 2 Lanciano-Vasto-Chieti.
Continua a leggere

Anche noi abbiamo il cuore in gola ma non c’è spazio per l’ansia”
Il personale della Centrale Operativa di Trentino Emergenza 118 ha scritto una lettera indirizzata a “mamme, papà, zii, nonni e trentini tutti” per spiegare cosa significa il loro lavoro: “Pensate che sia semplice insegnare al telefono come fare un massaggio cardiaco efficace, o una respirazione bocca a bocca o aiutare un genitore a far sputare quella maledetta nocciolina che sta soffocando suo figlio? No, non è per nulla semplice”

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

Il percorso formativo e di crescita dell’operatore socio sanitario che l’Associazione Culturale MOTU [continua]

“Una vera e propria vergogna. L’arrivo dei falchi di Aiop fa saltare il tavolo di trattative per il [continua]

È risaputo che alcune procedure, fra cui le cure igieniche, non sono di competenza infermieristica. [continua]

Quella dell’Emilia-Romagna è la prima sconfitta per Salvini in un’elezione regionale (qui tutti i da [continua]

Il Giorno della memiria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 gennaio di ogni anno come gi [continua]