. A renderlo noto stamani è stato Saverio Andreola presidente collegio Ipasvi di bari, che denuncia brogli elettorali:
A quanto si è appreso, quando il gruppo di Andreula era decisamente in vantaggio nello spoglio delle schede, uno scrutinatore ha notato delle incongruenze in alcune schede già votate.

Sembravano quasi precompilate e addirittura scritte dalla stessa mano. Il presidente ha immediatamente bloccato i lavori e a garanzia degli Infermieri Baresi ha annullato le elezioni, rinviando il tutto a circa un mese di distanza.

Continua a leggere

Medicina difensiva o indagini giustificati?

L’elenco dei trattamenti inappropriati e dannosi per pazienti e sanità.

C’è la prescrizione indiscriminata di antibiotici, che oltre ad essere dannoso per i pazienti rappresenta uno spreco enorme di risorse economiche, ma anche la tac usata indiscriminatamente, e persino gli interventi di rimozione dei tumori alla prostata.

A mettere in fila le dieci pratiche più inappropriate negli ospedali, che qualche volta sono solo fonte di danni economici ma in altri casi aumentano i rischi per il paziente, è stata l’università del Maryland, in uno studio pubblicato dalla rivista Jama Internal Medicine che mette l’accento su un problema che secondo alcune ricerche può riguardare addirittura un quarto delle procedure

Continua a leggere

<
Dal convegno di Matera organizzato da Assocare e nurse times,presente NurseNews.eu

“L’articolo 49 del nostro codice deontologico viene visto come un aiuto all’infermiere per superare il demansionamento, denunciando come espresso nel testo dell’articolo le situazioni che pregiudicano il mandato professionale dell’infermiere. Questo perché ormai le organizzazioni sanitarie odierne pensano più al lucro che alla tutela della salute.

Continua a leggere


Commento sentenza Cass. sez. lavoro, 25 settembre 2017, n. 22288

Ennesimo arresto giurisprudenziale della Corte di Cassazione a conferma della tesi AADI in fatto di demansionamento/dequalificazione, il risarcimento del danno da demansionamento non è ipotizzabile solo ed esclusivamente nel ristoro patrimoniale di miseri risarcimenti che non superano mai il 5-6% della retribuzione media percepita, poichè sussiste anche un vero e proprio danno di tipo non patrimoniale, una lesione alla vita di relazione che compromette il normale svolgimento delle attività di vita e di lavoro, oltre che alla dignità professionale e personale, tali da comportare, come nel caso de quo, un danno di tipo non patrimoniale che si attesta anche al 50% della retribuzione media percepita.

Continua a leggere


Nella Residenza per Anziani comandano le RAA: sono OSS con incarichi che rasentano l’illegalità
Quando mi hanno inviato in struttura ero molto contento, perché in fondo sono appassionato agli anziani e mi piace essere utile a queste persone con gravi fragilità. Al mio arrivo però subito lo shock! La Coordinatrice Infermieristica si presenta dicendomi: “ciao sono la Caposala, da oggi ti affido a Teresa (nome finto ovviamente), lei ti insegnerà tutto su quello che sarà il tuo futuro lavoro”.
Cosa c’è di strano? Quando Teresa si è presentata a sua volta ha esclamato: “tu rispondi solo a me e alle mie collaboratrici e colleghe, nessun Infermiere della struttura è autorizzato a supportarti o a dirti quello che devi fare! Sono una Responsabile delle Attività Assistenziali e qui dirigo io la parte amministrativa, sanitaria e assistenziale”. Sono sceso letteralmente dal pero.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

 

«LO STRESS DA SUPER LAVORO È CAUSA DI MORTE»

Noi sanitari eroghiamo salute mentre perdiamo la nosta a causa di turni stressanti e massacranti colpa delle carenze croniche di organico.

«I turni eccessivi sostenuti negli ospedali dove l’organico è carente possono uccidere».

Lo scrive la sezione Lavoro della Corte di Cassazione accogliendo il ricorso della moglie e della figlia di un radiologo di un ospedale dell’Azienda sanitaria provinciale di Enna che avrebbe svolto la sua professione in condizioni “disagiate” e da “superlavoro”.

Continua a leggere

Ddl Lorenzin.

Approvato ieri il nuovo articolo 9 sull’esercizio abusivo della professione. Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da 10.000 euro a 50.000 euro. Introdotte modifiche agli articoli 589 (omicidio colposo) e 590 (lesioni personali colpose) del Codice Penale. La detenzione di medicinali scaduti, guasti o imperfetti in farmacia è punita con la sanzione da 1.500 euro a 3.000 euro.

Continua a leggere

Di Alfio Stiro Catania
Appuntamento elettorale per il rinnovo degli organi direttivi ipasvi della provincia di Catania sabato 30 settembre, domenica 1 e lunedì 2 ottobre. Carmelo Spica lancia le sfide per il futuro per la professione. Lotta alla disoccupazione, ridurre gradualmente il fenomeno della dequalificazione/demansionamento,aumenti Salariali,migliorare i percorso di laurea per i giovani infermieri.

Colleghi Pertanto vi chiedo un sacrificio per venire a votare e se vi è possibile estendendo l’invito a vostri amici colleghi: VOTA CORRETTAMENTE
Inserendo la DATA DI NASCITA ed eventuali doppi nomi
Alfio Stiro
NurseNews.eu

Alfio Stiro
NurseNews.eu


Riceviamo e pubblichiamo.

Ho sempre ritenuto utile il contraddittorio specie quando il tema proposto risulta essere di interesse collettivo.

“Il Moderno Masaniello Salvatore Vaccaro presidente provinciale Nursind impegnato nella campagna elettorale per il rinnovo del collegio Ipasvi di Catania incita alla rivolta i nostri colleghi contro gli usurpator…si inorridisce… si infastidisce su come vengono gestiti i soldi degli iscritti al Collegio Ipasvi di Catania…. si infastidisce sul gettone di 200 Euro da destinare ai relatori dei corsi di aggiornamento organizzati dal nostro Ente, SALVO POI DIMENTICARE DI AVERNE USUFRUITO ANCH’EGLI PER UNO SVARIATO NUMERO DI VOLTE….
Si infastidisce sulla modalità di chi gestisce quei soldi , SALVO POI A DIMENTICARE CHE IL DIRETTIVO PROVINCIALE DEL SUO SINDACATO NEL GENNAIO DEL 2014, ED ESATTAMENTE IL 20 DI QUEL FREDDO MESE AUTORIZZÒ IL PRELIEVO DI BEN 10000 EURO,(DIECIMILA), DEI SOLDI DEI PROPRI ISCRITTI PER FINANZIARE LA SCORSA COMPETIZIONE ELETTORALE FINITA CON UNO SCARSO SUCCESSO.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

E’ tale soggetto che deve dimostrare l’assenza dell’inadempimento o la circostanza che questo sia ri [continua]

La redazione di NurseNews riprende e riporta l’articolo scritto dalla collega Chiara D’Angelo su Quo [continua]

Sicilia: Numerosi ricorsi dei precari ,sono a rischio nullità le assunzioni. Ecco cosa accade nella [continua]

L infermiere deve semplicemente svolgere la sua professione, esattamente come gli altri professionis [continua]