strano appalto

appalto di Nino Amadore e Giuseppe Oddo
Un appalto per complessivi 25 milioni fu assegnato dalla Regione siciliana nel 2011 per riorganizzare la spesa sanitaria che rappresenta il 71% delle entrate correnti dell’ente. Ad aggiudicarselo fu un raggruppamento di imprese composto da Kpmg Advisory e da PricewaterhouseCoopers Advisory, le società di consulenza manageriale facenti capo ai due colossi della revisione e certificazione di bilancio.

 

 

il sole 24 ore sanita.it

osteopaOsteopatia. 23 LUG – Gentile direttore,tra le lettere a lei indirizzate ho riscontrato un recente intervento critico in merito alla volontà del Governo di regolamentare l’osteopatia. Nelle considerazioni pubblicate ho condiviso solo il riferimento alla partecipazione attiva degli osteopati, non certo i richiami alla confusione e le accuse apodittiche alla nuova categoria professionale. Continua a leggere

La dimissione del paziente e la responsabilità del medico in servizio 22 LUG – Gentile direttore,intervengo sulle sue interessanti riflessioni del 20 luglio “L’inutile guerra del comma 566” e sul comunicato stampa di cui sempre il suo giornale ha dato notizia ieri “Comma 566: è muro contro muro”. Come è noto il ministero ha proposto una modifica della parte dell’incipit del comma togliendo il riferimento agli “atti complessi e specialistici”. Di conseguenza la norma verrebbe così riformulata: “Ferme restando le competenze dei laureati in medicina e chirurgia di prevenzione, diagnosi, cura e terapia…”.

Continua a leggere

Beatrice_Lorenzin_1ieri nel primo incontro presso il Ministero della Salute tra le sigle sindacali, associazioni di categoria e Ipasvi nel difendere l’implementazione delle competenze specialistiche per gli infermieri. Il comunicato ribadisce la volontà di andare avanti: “L’innovazione in sanità non si deve bloccare. Pronti alla mobilitazione per rilanciare professioni e servizi”

Continua a leggere

infermieri-535x300
CALTAGIRONE. Nuova aggressione in un ospedale siciliano. L’ultimo episodio è avvenuto presso la Rems, residenza per l’esecuzione della misura di sicurezza sanitaria di Caltagirone, in provincia di Catania. Vittima dell’aggressione è stato un infermiere, rsu aziendale e sindacalista della Fsi-Cni, che in seguito ad un alterco con un «ospite», ha ricevuto un pugno in piena faccia, subendo un «trauma facciale con contusione alla regione zigomatica e periorbitaria destra con edema palpebrale e 5 giorni di prognosi per infortunio». A denunciare l’episodio, avvenuto venerdì scorso, sono il segretario territoriale Fsi, Vincenzo Messina, ed il segretario regionale del Cni, Coordinamento Nazionale Infermieri aderente alla Federazione Sindacati Indipendenti, Calogero Coniglio.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

Qualcosa si muove, Il Nursing up prende posizione contro lo sfruttamento e il demansionamento del pe [continua]

emotivo” “Papà, non mollare”: la figlia infermiera rianima il genitore colpito da infarto Dalla teor [continua]

Mancano almeno 53mila unità circa, ma con il meccanismo previdenziale a quota 100 rischia di diventa [continua]

Trovo il demansionamento una gravissima lesione alla dignità, alla moralità e alla personalità dei l [continua]

Siamo d accordo con le iniziative volte ad arginare commenti infelici e poco eleganti nei confronti [continua]