Benessere


Angelo Amato


Infermieri di pronto soccorso e 118

Lotto per i diritti alla salute degli operatori sanitari che della collettività.

Organico all’osso e troppo stress. Medico Pronto soccorso di CVetrano finisce ricoverato…..

È successo venerdi a Castelvetrano, protagonista la dottoressa Antonella D’Angelo che, mentre era intenta a “discutere” tra pazienti e familiari in un’astanteria al collasso, si è sentita male al punto che si è reso necessario il suo ricovero. Lo stesso medico racconta la sua vicenda:

Continua a leggere

FaAApprovato oggi in Conferenza Stato-Regioni l’accordo sulla “Determinazione del fabbisogno per l’AA 2017-18 dei laureati magistrali a ciclo unico, dei laureati delle professioni sanitarie e dei laureati magistrali delle professioni sanitarie”. A integrazione e aggiornamento della precedente proposta del 15 maggio, martedì 23 il Ministero della Salute ha trasmesso la nuova proposta, recependo le istanze formulate lunedì 22 dalla Commissione Salute delle Regioni.

Continua a leggere


Tutti d’accordo sulla proposta di consentire il riscatto gratis della laurea. Ecco chi potrebbe richiederlo,la proposta.

Presto potrebbe essere possibile il riscatto degli anni di laurea gratis ai fini pensionistici. Si tratta di qualcosa più di una ipotesi, dal momento che la proposta viene direttamente dal sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, ed ha incontrato il parere favorevole di tutte le forze politiche e sindacali.

Continua a leggere

Colloquio cordiale in cui la presidente Ipasvi ha illsutrato al sottosegretario alla Difesa i problemi legati alla carriera dei laureati in infermieristica e gli ostacoli che questi incontrano nel riconoscimento della loro professionalità

Infermieri delle Forze armate: la Federazione insiste sul loro riconoscimento e la presidente, Barbara Mangiacavalli, ha incontrato il sottosegretario Domenico Rossi per illustrargli i problemi legati alla carriera dei laureati in infermieristica e gli ostacoli che questi incontrano nel riconoscimento della loro professionalità.

Continua a leggere

Italia umiliata in Europa

24 MAR – Gentile Direttore,
il 22 marzo si è svolta l’audizione, davanti alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo, di alcuni lavoratori precari tarantini alla presenza della Commissione europea e del Governo italiano, in ordine alle ripetute violazioni del diritto comunitario compiute dallo Stato italiano in materia di contratti a termine nelle pubbliche amministrazioni.

Continua a leggere

Continue aggressioni, organici sottodimensionati, e l’attesa di un piano di riordino degli ospedali, che “taglia” oltre 150 poltrone da primari, e sblocca le assunzioni di personale.

L’annuncio è arrivato proprio nei giorni in cui a Roma l’assessore alla salute Gucciardi illustrava al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin la nuova rete ospedaliera siciliana.

Continua a leggere


Sentenza del Tribunale del Lavoro perorata dall’Associazione A.D.I.

Commento:

L’art. 55, co. 1 della legge 17 maggio 1999 n. 144 ha disposto la disciplina delle malattie professionali, realizzata con legge n. 38 del 23 febbraio 2000, sulla base di quanto previsto dall’art 139 del D.P.R. 30 giugno 1965 n. 1124.

La normativa dispone che una Commissione medico legale istituita presso il Ministero della Salute, rediga e aggiorni una tabella che riconosce, automaticamente, determinate patologie come professionali che, se dimostrate su soggetti lavoratori che svolgono una determinata attività, parimenti al nesso di causalità, determinano l’accertamento di malattia professionale e la conseguente liquidazione del danno che è fisso per tutti e non tiene conto dei vari aspetti dinamico-relazionali o morali che il lavoratore potrebbe lamentare.

Difatti non si parla di risarcimento ma di indennizzo e precisamente di equo indennizzo proprio perché è tariffato in maniera statica secondo il valore nominale dell’indice percentuale di invalidità permanente e l’età del danneggiato al momento della domanda stragiudiziale.

Continua a leggere


P.a., il piano assunzioni scatterà per chi è precario da almeno 3 anni
Il piano straordinario di assunzioni per il superamento del precariato storico nella Pubblica amministrazione interesserà quanti hanno maturato almeno tre anni di servizio, anche non continuativi. Sarebbe questa il grado di “anzianità” richiesto. Nelle bozze della riforma Madia finora circolate, infatti, il numero di anni non era ancora stato specificato.

L’abuso dei contratti a termini – Il progetto di assunzioni straordinario era già stato annunciato ma ora prende forma, con la definizione dell’anzianità minima richiesta per accedere: almeno tre anni anche se non continuativi. E’ lo stesso tetto che vale per il privato, che spacchettato in mesi fa 36. La mossa rientra nella riforma del pubblico impiego e risponde anche ai richiami dell’Europa, che da tempo ha acceso i fari sull’abuso di contratti a termine rinnovati all’infinito.

Continua a leggere


di Silvia Marzialetti
Come riportato sul sole 24 ore
L’autista del 118 è sempre tenuto al segreto professionale. La Cassazione conferma la condanna dell’imputato siciliano che aveva fornito a una giornalista notizie relative a tre omicidi – in cui era rimasto coinvolto anche un minore – fornendole inoltre foto scattate sul posto.

Alfio Stiro
Post N4.0

È scoppiata una guerra politica in sicilia sul rinnovo degli incarichi dei manager della Sanità che [continua]

27 GIU – Gentile direttore, in verità il Minghetti non è bene informato perché le mansioni di cui pa [continua]

CATANIA – È attivo da alcune settimane e sta già riscontrando l’entusiasmo degli interessati lo spor [continua]

Gentile redazione di NurseNews.eu il 12 maggio si celebra la giornata internazionale dell’infermiere [continua]

“Entro fine mese i concorsi della sanità verranno sbloccati” Lo ha dichiarato pochi giorni fa’ l’Ass [continua]