Benessere

L’OPI di Agrigento non tollera minacce  agli infermieri  ed annuncia azioni legali in loro difesa.

L’Ordine è pronto a costituirsi parte civile, arrivando, se necessario, fino all’ultimo grado di giudizio.

Il presidente Salvatore Occhipinti è intervenuto in merito alla vicenda di cui è protagonista il presidio ospedaliero di Licata.

Il riferimento è alla disposizione fatta dal direttore sanitario di presidio che disponeva l’ assegnazione in altra unità  operativa il solo personale infermieristico che si fosse assentato dal lavoro per malattia superiore ai 10 giorni.

Ricordiamo al direttore sanitario, sottolinea il presidente Occhipinti, che L’assenza per malattia è un diritto sancito da norme contrattuali e legislative,

Pertanto l’ ufficio legale dell’opi è pronto a portare nelle sedi opportune la vicenda per garantire il  diritto a tutti gli infermieri che operano nel presidio ospedaliero di Licata.

Ci sembra non solo un provvedimento contra legem, ma anche discriminatorio, quindi se tale disposizione non dovesse essere revocata immediatamente, saremo costretti ad agire per le vie legali ribadisce ancora Il presidente Occhipinti.

Anche la  UIL FPL Agrigento nella persona del dirigente Angelo Amato , che tempestivamente ha diramato la  nota contro tale disposizione,dichiara:” ho chiamato il presidente dell’opi, per congratularmi della presa di posizione a difesa della dignità della categoria infermieristica.”

Amato Angelo Uil

Redazione NurseNews. Eu

 

La carenza di infermieri Regione per Regione nel Ssn. FNOPI: “Correre ai ripari”
La carenza di infermieri Regione per Regione nel Ssn. Anche l’Oms nel documento sull’Italia predisposto per la sua 68esima Assemblea generale in svolgimento in questi giorni a Roma sottolinea che percentualmente ci sono molti medici (rispetto al numero di abitanti), ma pochi infermieri (rispetto al numero di medici)

Continua a leggere

Uno studio recente condotto in Svezia e in Danimarca conferma l’importanza dei cereali integrali nella dieta.

Questi , infatti prevengono l’insorgenza del diabete tipo 2.
I vantaggi per la salute di questo tipo di  alimenti, non si ferma ai benefici sul metabolismo.
Il consumo di cereali integrali è quindi raccomandato com’è raccomandato  di rinunciare alle diete ‘low-carb’ che non prevedono nell’alimentazione  questo prezioso gruppo di alimenti.
Italia e Spagna i Paesi sono in europa i paesi dove si consumano meno cereali integrali.

Continua a leggere

Caro cittadino, avrai spesso letto notizie allarmanti che ti avvertono di quanto tu sia in pericolo se avrai meno medici e più infermieri nella rete del 118 a soccorrerti. Ma vedi, purtroppo, dietro alle questioni di sanità ci sono spesso contrasti politici e professionali e pochi contenuti. Questo aumenta la semplificazione, e spesso della distorsione» inizia così la lettera aperta che, gli Opi, Ordini delle Professioni Infermieristiche della Toscana, scrivono ai cittadini.

Continua a leggere

Frustrated female doctor sitting on floor in hospital corridor

Infermiera del pronto soccorso trascinata per i capelli

Un’infermiera del pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli è stata minaccia, aggredita e trascinata per i capelli dai familiari di una paziente che era arrivata al dipartimento di emergenza urgenza per dei dolori al petto.

Continua a leggere

 

 

 

 

 

Tumore: sciolto in dieci minuti con un ago incandescente

La nuova tecnica si chiama termoablazione mediante microonde e permette di sciogliere il tumore e anche le forme metastastatiche al fegato, ai reni, ai polmoni, alla tiroide e alle ossa in una sola seduta.

L’intervento può essere eseguito anche ambulatorialmente.

Il paziente viene sedato e trattato in pochi minuti non sente dolore e,spesso,senza bisogno poi di altri trattamenti come quelli chemioterapici.

Lintervento é stato eseguito nell’U.O di Chirurgia e Medicina dell’Ospedale di Chioggia su un paziente di 65 anni che era affetto da una grave lesione metastatica epatica,e si é tenuto nelle nuove sale operatorie di day surgery.

«La termoablazione mediante microonde – hanno spiegato il primario di Chirurgia Salvatore Ramuscello insieme al responsabile del servizio di ecografia interventistica Mario Della Loggia – è un nuovissimo trattamento che necessita di un generatore di microonde e di un terminale chiamato antenna che, mediante guida ecografica, viene inserita direttamente nella lesione.

L’antenna, attraverso un aumento di temperatura rapido, controllato e localizzato, provoca la distruzione del tessuto malato con la massima precisione.

Rispetto a ieri possiamo intervenire in maniera mininvasiva, con una piccola incisione di 2-3 millimetri, su tumori importanti e calibrare il tipo di cura a seconda della neoplasia: si agisce localmente, delimitando e colpendo solo l’area interessata dalla malattia.

Persino l’intensità di calore e la durata dell’intervento viene misurata in base alla grandezza del tumore da distruggere.

In questo modo evitiamo l’asportazione chirurgica, rendendo possibile il trattamento anche su pazienti pluripatologici, quindi inoperabili e fragili, con tempi di ricovero più brevi e una migliore ripresa funzionale dei pazienti stessi».

Di: Amato Angelo

Giulia Grillo: contro le aggressioni al personale sanitario arriva un ddl con pene più severe. Aumenterà la vigilanza delle forze di polizia.
“L’ennesimo, gravissimo episodio di violenza nei confronti di una dottoressa accaduto al pronto soccorso dell’ospedale Vittorio Emanuele di Catania, desta nuovo sconcerto e grande preoccupazione. Purtroppo non sono casi rari e isolati, sta diventando ormai una pericolosa costante che non ha e non può avere spiegazioni in qualsiasi modo accettabili.

Continua a leggere

Alfio Stiro

Post N4.0

L’OPI di Agrigento non tollera minacce  agli infermieri  ed annuncia azioni legali in loro difesa. L [continua]

La carenza di infermieri Regione per Regione nel Ssn. FNOPI: “Correre ai ripari” La carenza di infer [continua]

Don Massimo Angelelli, nuovo Direttore dell’Ufficio per la Pastorale Sanitaria della Conferenza Epis [continua]

Le coliti croniche vanno di pari passo con l’infiammazione delle gengive. Spesso chi è affetto da ma [continua]