Intervista alla neoeletta presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama: «Anche esponenti delle opposizioni mi hanno votato, per me una grande responsabilità». E chiede di fare di più sulla prevenzione


«Ho raccolto 20 voti su 23, un consenso venuto anche dalle opposizioni. È una grande responsabilità». Così Annamaria Parente, la neo presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama, commenta a Sanità Informazione la sua elezione. Le turbolenze che hanno attraversato la maggioranza in altre commissioni non hanno raggiunto la Sanità, dove lo scrutinio è avvenuto senza sorprese e l’esponente di Italia Viva è stata eletta al primo scrutinio.

Tra una pausa estive e l’altra, Parente ha subito avviato un giro di consultazioni informali con i colleghi di Commissione, sia di maggioranza che di opposizione, per capire a quali tematiche dare priorità.

«Dobbiamo lavorare sulla medicina territoriale – spiega Parente -. L’esperienza Covid è stata drammatica e, al di là di una possibile seconda ondata, dobbiamo preparare il Sistema sanitario ad avere una medicina di prossimità efficiente. Se non mettiamo in sicurezza la salute non riparte il Paese e il lavoro. Ho parlato informalmente con i colleghi, dobbiamo discutere più approfonditamente di un modello».

«Nel territorio ci devono essere delle ‘task force’ composte da professionalità diverse: ogni professionalità mantiene la sua autonomia ma tutti devono essere in grado di lavorare in équipe. Durante l’emergenza, con una medicina di territorio più efficiente in tutte le regioni forse saremmo, ad esempio, riusciti a fare gli elettrocardiogrammi a casa: invece la gente si è trascurata e le malattie cardiache hanno fatto tante vittime. Questa terribile esperienza può essere un’opportunità per rinforzare il territorio».

Tra i Disegni di legge che aspettano la Commissione nelle prossime settimane ce ne sono due di primaria importanza per la medicina di territorio: il Ddl sull’infermiere di famiglia e quello sullo psicologo di cure primarie.

«Dobbiamo far sì che il medico, l’infermiere, gli assistenti sociali, lo psicologo e tutti gli altri professionisti della salute possano lavorare insieme sul territorio. Le regioni hanno dei modelli diversi, ma serve un modello di base nazionale che possa uniformare di più le regioni», spiega ancora Parente.

Nella scorsa legislatura l’esponente di Italia Viva è stata la relatrice della legge sul “Dopo di noi”, disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare con l’obiettivo di garantire loro la massima autonomia e indipendenza. «Anche il modello della deistituzionalizzazione previsto nel “dopo di noi”, con la presa in carico delle persone disabili a casa, necessita di una rete territoriale molto efficiente» sottolinea ancora Parente.

Altro tema che sta a cuore alla nuova presidente della Commissione Sanità è quello della prevenzione: «Quanto più facciamo politiche di prevenzione, tanto meno spendiamo per il Sistema sanitario. Oggi non si fa abbastanza su questo. Penso a politiche più efficaci di screening, a politiche specifiche sull’Alzheimer. C’è tanto da fare».

Infine, sul tema dalla regionalizzazione della sanità e delle marcate differenze dell’assistenza sanitaria tra i territori, Annamaria Parente sottolinea: «Non serve una ricentralizzazione, ma sicuramente dei LEA uniformi in tutte le regioni perché altrimenti tanti cittadini sono costretti a spostarsi da una regione all’altra. Se noi lavoriamo sulla medicina del territorio possiamo avvicinare le regioni tra di loro».

 

Sanita informazione

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

DoubleDown Casino

Within WinAsUGo programs you may will see very best excellent mobile phone trying to play premium coffee video game titles ...

Continua a leggere

DoubleDown Casino

In between WinAsUGo opportunities you possibly can will find greatest good quality cellphone actively playing coffee beans video gaming similar ...

Continua a leggere

Plenty With Totally free of selling price plus Gives you Whats up Convenience Your absense involving Funds Demanded Casino living room The british isles! All of Gaming dwelling Site

Plenty With Totally free of selling price plus Gives you Whats up Convenience Your absense involving Funds Demanded Casino living ...

Continua a leggere

Essere positivi al tampone non è essere contagiosi: ecco perché!

Essere positivi al tampone non è essere contagiosi: ecco perché!

In Veneto, su 60.000 tamponi fatti nel corso del mese di giugno, sono risultati positivi solo 210, ma di questi ...

Continua a leggere

Riformiamo i percorsi di laurea in infermieristica e sfatiamo il secondo FALSO mito.

Il demansionamento dell'infermiere non inizia nelle aziende ospedaliere o attraverso i datori di lavoro,ma nelle aule universitarie e durante i ...

Continua a leggere

Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Sadirs: Musumeci rispetti le norme nazionali. Basta annunci alla stampa, ora la riforma

"Esistono norme nazionali a tutela della salute dei lavoratori pubblici e vanno applicate anche nelle regioni a Statuto speciale. Quindi, ...

Continua a leggere

Covid 19,Sicurezza e scuola: firmato il protocollo per la ripresa di Settembre

Dall'help desk alle modalità di ingresso e uscita, all’igienizzazione degli spazi, il protocollo di sicurezza per la ripresa delle attività ...

Continua a leggere

CISL FP: performance  ancora niente soldi per i dipendenti ASP Agrigento

I dirigenti delle unità operative complesse dell’Asp di Agrigento tengono in “ostaggio” le retribuzioni di risultato dell’ottanta per cento dei ...

Continua a leggere

Oss facciamo chiarezza, sviluppo professionale nell'area socio sanitaria.

La professione dell'operatore socio sanitario è sprovvista delle caratteristiche delle professioni sanitarie in senso proprio, per mancanza di autonomia professionale, ...

Continua a leggere

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

Secondo Cgil, Cisl e Uil siciliane “indispensabile ritrovare uno spirito di collaborazione come quello emerso durante il lockdown perché solo ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione