Con la pronuncia n. 3469/2019, la sezione lavoro della Corte di Cassazione, ha confermato la sanzione inflitta a un Direttore Generale per non aver concesso dei riposi settimanali a degli infermieri, rigettando le tesi dell’Asl e del Direttore secondo cui l’autore dell’illecito andava identificato nella persona del dirigente. Si è difatti specificato che Il Direttore Generale non soltanto riveste all’interno dell’Asl la qualifica apicale, ma, trattandosi di una pubblica amministrazione, è altresì il destinatario quale legale rappresentante dell’ente, della funzione di garanzia dell’osservanza e della corretta applicazione delle norme legali e contrattuali che disciplinano i rapporti di lavoro. La sua responsabilità non può ritenersi limitata, pertanto, a sovrintendere alla gestione complessiva dell’azienda.

Il caso sottoposto all’attenzione della Corte prende avvio dall’emanazione di una l’ordinanza-ingiunzione con la quale la Direzione Provinciale del Lavoro condannava l’ASL e il suo Direttore Generale al pagamento in solido di una sanzione amministrativa per la mancata concessione di riposi settimanali ad alcuni lavoratori.

Sia l’ASL che il Dirigente medico proponevano opposizione, ritenendo come la Direzione Provinciale del Lavoro avesse erroneamente individuato l’autore dell’illecito nella persona del Dirigente Medico.

La Corte d’Appello di Torino, confermando la legittimità della sanzione, rigettava opposizioni proposte, ribadendo come il Direttore, quale rappresentante legale dell’ente, fosse il legittimo destinatario della sanzione, vieppiù perché non si era raggiunta in giudizio la prova che le funzioni di datore di lavoro fossero state delegate a dirigenti dei singoli Dipartimenti in ragione della natura articolata e complessa della struttura sanitaria. Per la Corte territoriale, infatti, l’organizzazione di quella Asl, in struttura semplice, non giustificava l’affidamento, mediante espressa delega, della gestione del personale a un’unità separata; ad ogni modo rimaneva fermo un generale obbligo di vigilanza in capo al Direttore Generale dell’Asl, circa l’osservanza delle norme imperative in tema di adempimenti correlati con i rapporti di lavoro dei dipendenti dell’Azienda.

Ricorrendo in Cassazione, l’Asl e il Direttore Generale censuravano la sentenza impugnata per aver errato nell’identificare in modo aprioristico il datore di lavoro col legale rappresentante dell’Ente e non con il Dirigente preposto al settore al quale facevano riferimento i dipendenti; a tal fine, si evidenziava come la sentenza impugnata aveva ignorato del tutto la normativa specifica in materia sanitaria e la giurisprudenza di legittimità consolidata in tema di delega di responsabilità per settori in ambito di organizzazioni aziendali complesse e articolate.

Secondo i ricorrenti, infatti, nel settore della sanità, il d.lgs. n. 502 del 1992 pone a carico dei singoli dirigenti le responsabilità connesse alla gestione, mentre in capo al Direttore Generale rimane la responsabilità della gestione complessiva dell’azienda e della nomina dei responsabili delle strutture operative; ne deriverebbe che in capo al Direttore Generale non sussisterebbe alcun obbligo di vigilanza sull’operato dei dirigenti, bensì unicamente una responsabilità della gestione complessiva dell’azienda.

La Cassazione non condivide le tesi difensive dei ricorrenti.

In punto di diritto la Corte premette che l’art. 2 lettera b) del d.lgs. n. 626 del 1994 individua la funzione datoriale nella persona del legale rappresentante dell’ente: la giurisprudenza ha affermato – con un principio di portata generale, valevole anche nel settore sanitario – che il rappresentante legale dell’azienda ha la responsabilità dell’organizzazione amministrativa e gestionale della struttura sanitaria, anche al di là degli obblighi in materia di sicurezza e igiene sul lavoro.

Con specifico riguardo all’organizzazione e al funzionamento delle Asl, le stesse – benché siano enti con personalità giuridica pubblica – sono disciplinati con atto aziendale di diritto privato, cui è affidato il compito di prevedere che singole responsabilità, per specifiche materie, possano essere delegate ai dirigenti o ai collaboratori per mezzo di un provvedimento ad hoc del Direttore Generale.

Con specifico riferimento al caso di specie, gli Ermellini evidenziano la correttezza della decisione impugnata, conforme ai principi ordinamentali in tema di responsabilità datoriale nelle pubbliche amministrazioni: la Corte territoriale aveva accertato, infatti, come – oltre all’assenza, nell’atto aziendale, di una qualsivoglia delega di responsabilità datoriali al dirigente del Settore infermieristico e tecnico da cui dipendevano i lavoratori o, comunque, ad altro ufficio separato – non era stato offerto alcun elemento dal quale potersi dedurre che all’Azienda sanitaria, in virtù della complessità della sua organizzazione, necessitasse affidare la gestione del personale a una struttura separata il cui dirigente avrebbe assunto ogni responsabilità in materia di gestione del personale, tale da escludere quella del legale rappresentante.

Alla luce di tanto, correttamente è stata attribuita la responsabilità al Direttore Generale, il quale non soltanto riveste all’interno dell’Asl la qualifica apicale, ma, trattandosi di una pubblica amministrazione, è altresì il destinatario, quale legale rappresentante dell’ente, della funzione di garanzia dell’osservanza e della corretta applicazione delle norme legali e contrattuali che disciplinano i rapporti di lavoro.

In conclusione la Cassazione rigetta il ricorso.

Fonte

Avvocatirandoguerri. It

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

DoubleDown Casino

Within WinAsUGo programs you may will see very best excellent mobile phone trying to play premium coffee video game titles ...

Continua a leggere

DoubleDown Casino

In between WinAsUGo opportunities you possibly can will find greatest good quality cellphone actively playing coffee beans video gaming similar ...

Continua a leggere

Plenty With Totally free of selling price plus Gives you Whats up Convenience Your absense involving Funds Demanded Casino living room The british isles! All of Gaming dwelling Site

Plenty With Totally free of selling price plus Gives you Whats up Convenience Your absense involving Funds Demanded Casino living ...

Continua a leggere

Essere positivi al tampone non è essere contagiosi: ecco perché!

Essere positivi al tampone non è essere contagiosi: ecco perché!

In Veneto, su 60.000 tamponi fatti nel corso del mese di giugno, sono risultati positivi solo 210, ma di questi ...

Continua a leggere

Riformiamo i percorsi di laurea in infermieristica e sfatiamo il secondo FALSO mito.

Il demansionamento dell'infermiere non inizia nelle aziende ospedaliere o attraverso i datori di lavoro,ma nelle aule universitarie e durante i ...

Continua a leggere

Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Sadirs: Musumeci rispetti le norme nazionali. Basta annunci alla stampa, ora la riforma

"Esistono norme nazionali a tutela della salute dei lavoratori pubblici e vanno applicate anche nelle regioni a Statuto speciale. Quindi, ...

Continua a leggere

Covid 19,Sicurezza e scuola: firmato il protocollo per la ripresa di Settembre

Dall'help desk alle modalità di ingresso e uscita, all’igienizzazione degli spazi, il protocollo di sicurezza per la ripresa delle attività ...

Continua a leggere

CISL FP: performance  ancora niente soldi per i dipendenti ASP Agrigento

I dirigenti delle unità operative complesse dell’Asp di Agrigento tengono in “ostaggio” le retribuzioni di risultato dell’ottanta per cento dei ...

Continua a leggere

Oss facciamo chiarezza, sviluppo professionale nell'area socio sanitaria.

La professione dell'operatore socio sanitario è sprovvista delle caratteristiche delle professioni sanitarie in senso proprio, per mancanza di autonomia professionale, ...

Continua a leggere

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

Secondo Cgil, Cisl e Uil siciliane “indispensabile ritrovare uno spirito di collaborazione come quello emerso durante il lockdown perché solo ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione