Il nuovo testo del Ddl Aggressioni approvato oggi alla Camera non rispecchia il mondo reale di chi tutti i giorni lavora nella Sanità di questo paese –dichiarano dal Direttivo Nazionale ULS-Unione Lavoratori Sanità-. Oltre alla non concessione dello status di pubblico ufficiale e alla non procedibilità d’ufficio, grazie all’ennesimo emendamento, si è rimosso l’obbligo per le aziende sanitarie, per le pubbliche amministrazioni e per le strutture e servizi sanitari, socio-sanitari e sociali pubblici, privati o del privato sociale, di costituirsi parte civile nei processi di aggressione nei confronti dei propri esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni.
Le misure del provvedimento rispecchiano tragicamente quanto la politica sia lontana dal mondo reale.

La crisi del SSN è stata evidenziata durante la pandemia da Covid-19 e si sta correndo ai ripari con assunzioni a tempo determinato e aumento dei posti letto di terapia intensiva e sub intensiva. Malgrado ciò la politica non ha intuito il reale problema che attanaglia gli ospedali italiani, la carenza di posti letto e di personale che, soprattutto nel sistema emergenza-urgenza e nelle corsie di degenza, fa esacerbare gli animi di parenti e pazienti contro coloro i quali dello sfacelo del sistema sanitario sono le prime vittime.
Gli operatori sanitari non hanno scorte né tanto meno le vogliono. Basterebbe che fossero messi dalla politica nella condizione di non doversi giustificare per le note carenze strutturali che creano ritardi e insofferenze nei pazienti e nei loro accompagnatori, e che sfociano in aggressioni verbali e fisiche. L’inasprimento delle pene –concludono i sindacalisti ULS- non ridurrà la casistica delle aggressioni che sono pericolosamente ricominciate dopo la pausa dovuta al lock down. Immaginiamo che nemmeno le sanzioni amministrative per chiunque tenga condotte violente, ingiuriose, offensive, moleste potranno essere un deterrente, visto che, come per quelle penali, sarà compito dell’operatore sanitario denunciare in prima persona con le responsabilità e gli oneri del caso.

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Covid 19:sì unanime al Senato per la Giornata nazionale dei camici bianchi.

Covid 19:sì unanime Senato a Giornata nazionale camici bianchi. (askanews) La commissione Affari costituzionali del Senato ha pprovato all’unanimità, in sede ...

Continua a leggere

Covid 19:uno scudo genetico nel Sud Italia avrebbe protetto i suoi abitanti.

Uno 'scudo genetico' potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. "L'ipotesi ...

Continua a leggere

DAL DECRETO DI RILANCIO UNA GRANDE OCCASIONE PER L’INFERMIERE DI FAMIGLIA.

La prima stesura del “The family health nurse - Context, conceptual framework and curriculum1” è stata prodotta dall’ufficio regionale Oms ...

Continua a leggere

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Gentilissimo direttore, Come infermieri impegnati nell’emergenza sanitari, ci è appena accaduto un aneddoto di grande umanità che intendiamo segnalare all’attenzione dei ...

Continua a leggere

April 11, 2020, Sorocaba, Brazil: SOROCABA, SP - 11.04.2020: HIDROXICLOROQUINA E COVID 19 - Conceptual photo of the drug Hydroxychloroquine (acronym HCQS, Hydroxychloroquine sulfate) and x-ray of the lungs. Hydroxychloroquine is an oral drug used in the prevention and treatment of chloroquine-sensitive malaria. It can be used to treat rheumatoid arthritis, lupus erythematosus, porphyria cutanea tarda, Q fever and photosensitive diseases. The scientific community discusses how the drug can be used as an experimental treatment for COVID-19 (new coronavirus) (Credit Image: © Cadu Rolim/Fotoarena via ZUMA Press)

Idrossiclorochina aumenta decessi e aritmie nei pazienti Covid-19. Studio su The Lancet

In un'analisi osservazionale di quasi 100mila pazienti ospedalizzati con Covid-19, i quasi 15mila che avevano ricevuto idrossiclorochina o clorochina hanno ...

Continua a leggere

Presidente Musumeci faccia chiarezza sull'utilizzo in pubblico delle mascherine,i cittadini Siciliani rischiano 400 euro di multa.

      Qualche giorno fa Nello Musumeci (governatore della Sicilia) aveva dichiarato che non vi è l'obbligo di indossare sempre la mascherina ...

Continua a leggere

Regione Sicilia, Sanità:obiettivi raggiunti a discapito del personale sanitario e della qualità assistenziale. Premiata.

Una premialità di 400 milioni di euro per la Sanità Siciliana. E’ quello che viene riconosciuto alla Regione, dal Tavolo composto ...

Continua a leggere

Dal decreto “Rilancio” una grande occasione di riforma per il Ssn

    23 MAG - Gentile Direttore, i primi 2 articoli del nuovo decreto “Rilancio” sono indirizzi alle regioni per la ...

Continua a leggere

Covid 19:quanto resiste sulle mascherine. Lo rivela uno studio dell'Iss.

quanto dura il virus sulle mascherine? il rapporto dell'istituto superiore di sanità Il Coronavirus può resistere fino a quattro giorni sulle ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione