Una coltellata dietro l’altra! E la professione infermieristica è passata, in poco più di 2 mesi, da “professionisti eroi-indispensabili” a meri esecutori di mansioni igienico domestiche alberghiere, che possono essere svolte da una qualsiasi persona non necessariamente laureata in infermieristica [LEGGI].

Dopo circa 3 mesi di lotte contro il Covid-19 e riconoscimenti a voce, ecco cosa abbiamo ricevuto:

– nessun riconoscimento economico agguntivo;

– nessun bonus una tantum governativo;

– nessuna apertura per un contratto separato per le Professioni Sanitarie (Infermieri, Ostetriche, TSRM e altre Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e Prevenzione);

– nessun riconoscimento professionale all’interno della Aziende Sanitarie.

Anzi, se vogliamo guardare la realtà di tutti i giorni, si continuano a sfruttare le Professioni Sanitarie, soprattutto gli Infermieri, demansionandoli (“deprofessionalizzando” secondo la FNOPI) ovvero obbligati, più o meno con metodi coercitivi/psicologici (quella dell’infemiere è una missione divina), a svolgere mansioni inferiori spettanti alle figure di supporto e con orari massacranti in violazione del D.Lgs. 66/2003.

Per non dimenticare la cronica carenza di personale con l’ovvio aumento del rischio clinico, ma anche un rischio dal punto di vista penale, civile e amministrativo.

Adesso, come ciliegina sulla torta, è arrivato il Decreto Ministeriale n. 82/2020 del MIUR [LEGGI] con il quale si riducono le cattedre per il Corso di Laurea Infermieristica, da 5 a 3 e per quella a tempo indeterminato da 3 ad 1, con l’indignazione di tutto il mondo infermieristico, soprattutto dall’attuale docenza e dirigenza infermieristica.

Perché ci dovremmo meravigliare di questa decisione, se veniamo continuamente trattati come sguatteri tutto fare della sanità Italiana e dagli stessi dirigenti infermieristici?

Questo purtroppo avviene anche grazie alla complicità e ignoranza dell’ Università, che attraverso i Corsi di Laurea Infermieristica, i Docenti Infermieri insegnano agli infermieri come svolgere le mansioni prettamente alberghiere e di competenza delle figure di supporto (OSS). Si veda l’insegnamento su come fare un bagno al letto del paziente, come svuotare un pappagallo, o come tagliare la barba e fare uno shampoo.

Quindi se all’interno delle Aziende Sanitarie e Università, l’infermiere fino ad oggi viene visto come un SuperOSS, invece di un Professionista Laureato, spesso con competenze avanzate che per convenienza vengono riconosciute con una pacca sulla spalla, la colpa non può essere solo dei vertici della Dirigenza Aziendale, ma anche e soprattutto della Dirigenza Infermieristica e della complicità indiretta della FNOPI (molti consiglieri sono anche dirigenti delle Professioni sanitarie) che non hanno mai battuto i pugni per lo sdegno e per il giusto riconoscimento professionale.

Come ci si può oggi indignare se si riducono le cattedre? Come ci si può sorprendere se l’infermiere, grazie ai nostri docenti infermieri e dirigenti infermieristici, viene visto come un mero esecutore dell’assistenza diretta che neanche nel vecchio mansionario spettava all’infermiere professionale, ma all’infermiere generico (Leggi DPR 225/74 art. 6).

Se vogliamo finalmente far rispettare la nostra professionalità, anche a livello di insegnamento accademico, si deve partire dal basso, attraverso:

– un contratto separato delle Professioni Sanitarie;

– riconoscimento delle compentenze avanzate, sia dal punto di vista professionale, che economico;

– rispetto delle professionalità, vietando mansioni inferiori;

– rispetto della dotazione organica in relazione alle reali complessità assistenziali;

– maggiore autonomia infermieristica nel rispetto del proprio profilo professionale;

– intramoenia e abolizione del vincolo di esclusività.

Se non partiamo da questi fondamentali punti base, non avremo mai il giusto riconoscimento a livello sociale, normativo, economico ed universitario.

Fonte

Sindacato CoinaNews

M. C.

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Covid 19:sì unanime al Senato per la Giornata nazionale dei camici bianchi.

Covid 19:sì unanime Senato a Giornata nazionale camici bianchi. (askanews) La commissione Affari costituzionali del Senato ha pprovato all’unanimità, in sede ...

Continua a leggere

Covid 19:uno scudo genetico nel Sud Italia avrebbe protetto i suoi abitanti.

Uno 'scudo genetico' potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. "L'ipotesi ...

Continua a leggere

DAL DECRETO DI RILANCIO UNA GRANDE OCCASIONE PER L’INFERMIERE DI FAMIGLIA.

La prima stesura del “The family health nurse - Context, conceptual framework and curriculum1” è stata prodotta dall’ufficio regionale Oms ...

Continua a leggere

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Gentilissimo direttore, Come infermieri impegnati nell’emergenza sanitari, ci è appena accaduto un aneddoto di grande umanità che intendiamo segnalare all’attenzione dei ...

Continua a leggere

April 11, 2020, Sorocaba, Brazil: SOROCABA, SP - 11.04.2020: HIDROXICLOROQUINA E COVID 19 - Conceptual photo of the drug Hydroxychloroquine (acronym HCQS, Hydroxychloroquine sulfate) and x-ray of the lungs. Hydroxychloroquine is an oral drug used in the prevention and treatment of chloroquine-sensitive malaria. It can be used to treat rheumatoid arthritis, lupus erythematosus, porphyria cutanea tarda, Q fever and photosensitive diseases. The scientific community discusses how the drug can be used as an experimental treatment for COVID-19 (new coronavirus) (Credit Image: © Cadu Rolim/Fotoarena via ZUMA Press)

Idrossiclorochina aumenta decessi e aritmie nei pazienti Covid-19. Studio su The Lancet

In un'analisi osservazionale di quasi 100mila pazienti ospedalizzati con Covid-19, i quasi 15mila che avevano ricevuto idrossiclorochina o clorochina hanno ...

Continua a leggere

Presidente Musumeci faccia chiarezza sull'utilizzo in pubblico delle mascherine,i cittadini Siciliani rischiano 400 euro di multa.

      Qualche giorno fa Nello Musumeci (governatore della Sicilia) aveva dichiarato che non vi è l'obbligo di indossare sempre la mascherina ...

Continua a leggere

Regione Sicilia, Sanità:obiettivi raggiunti a discapito del personale sanitario e della qualità assistenziale. Premiata.

Una premialità di 400 milioni di euro per la Sanità Siciliana. E’ quello che viene riconosciuto alla Regione, dal Tavolo composto ...

Continua a leggere

Dal decreto “Rilancio” una grande occasione di riforma per il Ssn

    23 MAG - Gentile Direttore, i primi 2 articoli del nuovo decreto “Rilancio” sono indirizzi alle regioni per la ...

Continua a leggere

Covid 19:quanto resiste sulle mascherine. Lo rivela uno studio dell'Iss.

quanto dura il virus sulle mascherine? il rapporto dell'istituto superiore di sanità Il Coronavirus può resistere fino a quattro giorni sulle ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione