Il Coordinamento Nazionale Professioni Sanitarie della Cisl FP, in merito alle decisioni assunte dal Ministro Manfredi, riguardanti la scelta di far formare i futuri colleghi da Medici e non da infermieri appositamente formati, intende rappresentare la forte contrarietà ad una decisione che non rispetta il percorso di crescita di competenze e di autonomia professionale che le professioni sanitarie, a partire da quella infermieristica, hanno fatto in questi anni.

A tal riguardo ci preme sottolineare come il nuovo codice deontologico presentato nel 2019 ha rappresentato per l’infermiere uno strumento per esprimere la propria competenza oltre che umanità.

La conoscenza non è una semplice raccolta di nozioni in cui identificarsi, ma è la capacità di connettere in maniera critica e consapevole le informazioni. “Conoscere” significa quindi collegare il sapere alla quotidiana realtà della professione.

Il Codice deontologico riconosce l’infermiere come professionista e come persona, inquadra la crescita professionale e prevede che l’infermiere agisca sulla base del proprio livello di competenza e ricorre, se necessario, all’intervento e/o alla consulenza di infermieri esperti o specialisti, presta consulenza ponendo le sue conoscenze e abilità a disposizione della propria, delle altre comunità professionali e delle istituzioni. Riconosce inoltre anche che l’interazione e l’integrazione “intra e interprofessionale” sono fondamentali per rispondere ai bisogni di salute e di cura della persona.

Quando approcciamo alla persona assistita, bisogna essere in grado di sostenere ogni nostra azione e ogni nostra scelta con dati scientifici, con discernimento cognitivo, con metodi e strumenti propri, che siano scale di valutazione, processi diagnostici, clinici-assistenziali.

Il Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi come può pensare di emanare un provvedimento simile, che umilia profondamente la professione infermieristica, per giunta in una fase di piena emergenza sanitaria?

Se l’art. 8 del codice deontologico afferma che, nei diversi ruoli, l’infermiere si impegna attivamente nell’educazione e formazione professionale degli studenti e nell’inserimento dei nuovi colleghi, come si può pensare che un medico possa educare meglio un infermiere ad essere un professionista? In quale modo, con quali competenze e professionalità?

Certo, quella del medico è una professione nobile ma anche la nostra lo è, differentemente ma lo è. Trattasi di discipline e professioni diverse, con percorsi curriculari specifici e caratterizzanti, non mutuabili tra loro. Non si può pensare, oggi, che la professione infermieristica sia un gradino “sotto” la professione medica, dopo tutti i salti di qualità che essa ha fatto negli anni.

Come si può migliorare l’offerta formativa prevedendo una riduzione del numero dei docenti infermieri? Come si può, a fronte di un numero di 15.000 laureati magistrali, un numero importante di professionisti che hanno completato il dottorato di ricerca, e 430 professionisti inquadrati nell’area dirigenziale delle professioni sanitarie, valutare l’utilizzo di personale medico impiegato al posto del personale infermieristico nell’attività di docenza?

Nell’anno in cui si festeggia il bicentenario della nascita di Florence Nightingale, madre dell’infermieristica moderna, auspichiamo un’immediata rettifica perché crediamo che il provvedimento rappresenti una mancanza di rispetto verso tutti gli infermieri italiani.

“L’infermieristica agli infermieri!”, è questo lo slogan che sta rimbalzando all’interno delle comunità infermieristiche, indignata dal nuovo D.M. 82/2020 che spazzerebbe via oltre 20 anni di norme e di sviluppo professionale; un provvedimento che ci offende prima sul piano professionale e poi su quello personale. Chiediamo quindi, con forza, al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, e al Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, di modificare il provvedimento che contrasta con quanto affermato dall’OMS nella giornata internazionale dell’infermiere.

Gli infermieri italiani attendono,

Michele Schinco,

Coordinatore Nazionale delle Professioni Sanitarie Cisl Fp

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Covid 19:sì unanime al Senato per la Giornata nazionale dei camici bianchi.

Covid 19:sì unanime Senato a Giornata nazionale camici bianchi. (askanews) La commissione Affari costituzionali del Senato ha pprovato all’unanimità, in sede ...

Continua a leggere

Covid 19:uno scudo genetico nel Sud Italia avrebbe protetto i suoi abitanti.

Uno 'scudo genetico' potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. "L'ipotesi ...

Continua a leggere

DAL DECRETO DI RILANCIO UNA GRANDE OCCASIONE PER L’INFERMIERE DI FAMIGLIA.

La prima stesura del “The family health nurse - Context, conceptual framework and curriculum1” è stata prodotta dall’ufficio regionale Oms ...

Continua a leggere

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Gentilissimo direttore, Come infermieri impegnati nell’emergenza sanitari, ci è appena accaduto un aneddoto di grande umanità che intendiamo segnalare all’attenzione dei ...

Continua a leggere

April 11, 2020, Sorocaba, Brazil: SOROCABA, SP - 11.04.2020: HIDROXICLOROQUINA E COVID 19 - Conceptual photo of the drug Hydroxychloroquine (acronym HCQS, Hydroxychloroquine sulfate) and x-ray of the lungs. Hydroxychloroquine is an oral drug used in the prevention and treatment of chloroquine-sensitive malaria. It can be used to treat rheumatoid arthritis, lupus erythematosus, porphyria cutanea tarda, Q fever and photosensitive diseases. The scientific community discusses how the drug can be used as an experimental treatment for COVID-19 (new coronavirus) (Credit Image: © Cadu Rolim/Fotoarena via ZUMA Press)

Idrossiclorochina aumenta decessi e aritmie nei pazienti Covid-19. Studio su The Lancet

In un'analisi osservazionale di quasi 100mila pazienti ospedalizzati con Covid-19, i quasi 15mila che avevano ricevuto idrossiclorochina o clorochina hanno ...

Continua a leggere

Presidente Musumeci faccia chiarezza sull'utilizzo in pubblico delle mascherine,i cittadini Siciliani rischiano 400 euro di multa.

      Qualche giorno fa Nello Musumeci (governatore della Sicilia) aveva dichiarato che non vi è l'obbligo di indossare sempre la mascherina ...

Continua a leggere

Regione Sicilia, Sanità:obiettivi raggiunti a discapito del personale sanitario e della qualità assistenziale. Premiata.

Una premialità di 400 milioni di euro per la Sanità Siciliana. E’ quello che viene riconosciuto alla Regione, dal Tavolo composto ...

Continua a leggere

Dal decreto “Rilancio” una grande occasione di riforma per il Ssn

    23 MAG - Gentile Direttore, i primi 2 articoli del nuovo decreto “Rilancio” sono indirizzi alle regioni per la ...

Continua a leggere

Covid 19:quanto resiste sulle mascherine. Lo rivela uno studio dell'Iss.

quanto dura il virus sulle mascherine? il rapporto dell'istituto superiore di sanità Il Coronavirus può resistere fino a quattro giorni sulle ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione