Catania è urgente la formazione di un comitato provinciale per l’applicazione del “Protocollo per la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori pubblici e privati della sanità” analogamente a quanto avvenuto a livello nazionale e regionale. Un comitato provinciale dove Asp, aziende ospedaliere, sanità privata e organizzazioni sindacali, coordinati dall’assessorato regionale alla Salute affrontino tempestivamente le misure per contrastare l’emergenza sanitaria da Covid-19 e tutelare meglio lavoratori del settore e cittadini.

Cgil, Cisl e Uil, con le rispettive federazioni di categoria Fp Cgil e Medici, Cisl Fp, Cisl Medici e Uil Fpl, all’assessore Ruggero Razza rinnovano la richiesta formulata al comitato regionale, e da lui stesso condivisa, di costituire un comitato in ogni sede provinciale, per renderne più efficace il lavoro e per monitorare e segnalare le situazioni più critiche presenti sul territorio particolare.

«Catania, in particolare – dicono i segretari generali provinciali Giacomo Rota (Cgil), Maurizio Attanasio (Cisl), Enza Meli (Uil), Salvatore Cubito (Fp Cgil), Carmelo Calvagna (Fp Cgil Medici), Armando Coco (Cisl Fp) , Massimo De Natale (Cisl Medici) e Stefano Passarello (Uil Fpl) – è tra le province siciliane quella che presenta preoccupanti peculiarità: più casi di infezione da coronavirus e più morti, in un territorio eterogeneo dove le distanze tra i centri abitati sono spesso più dilatate, ci sono numerosissime strutture di ospedalità pubblica e privata e di sanità residenziale, dove operano un gran numero di lavoratori. Medici, infermieri, operatori socio sanitari e socio assistenziali, personale delle ditte di pulizia sono ogni giorno in prima linea ad affrontare una epidemia, la cui pericolosità si rivela sempre più nefasta, per sottrarle vite umane quanto più possibile».

Per tutto ciò – ribadiscono i sindacati – occorrerebbe un monitoraggio più accurato per tenere sotto controllo l’organizzazione della sanità tanto nel settore pubblico quanto nel privato. E preoccupa particolarmente anche quanto sta accadendo nell’ambito delle numerose case di riposo per anziani e delle cliniche private, sia per il personale, sia per i ricoverati, entrambi alle prese con due tipi di precarietà, quella occupazionale e quella legata alle condizioni di salute.

Per Rota, Attanasio, Meli, Cubito, Calvagna, Coco, De Natale e Passarello «c’è bisogno di un confronto concreto e tempestivo con tutti i rappresentanti istituzionali del settore, dei privati e dei rappresentanti dei lavoratori. Occorre un piano particolare per riconoscere il grande lavoro e garantire tutele ai giovani medici e infermieri, reclutati per combattere l’epidemia del Covid-19, rendendo omogenei i rapporti di lavoro in tutto il territorio e trasformare le prestazioni professionali in prestazioni subordinate, dare diritti e tutele a chi in questo particolare momento è in prima linea nella lotta alla pandemia».

«Lo chiediamo – concludono i dirigenti sindacali etnei – perché, accanto alle richieste comuni per la sicurezza e la protezione di tutto il personale delle strutture sanitarie pubbliche e private siciliane, ci sia per Catania un organismo attivo per fronteggiare quello che si sta rivelando una delle epidemie più subdole e temibili che il mondo occidentale sta affrontando da tanti anni a questa parte».

Redazione

Hashtagsicilia. It

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Covid 19:sì unanime al Senato per la Giornata nazionale dei camici bianchi.

Covid 19:sì unanime Senato a Giornata nazionale camici bianchi. (askanews) La commissione Affari costituzionali del Senato ha pprovato all’unanimità, in sede ...

Continua a leggere

Covid 19:uno scudo genetico nel Sud Italia avrebbe protetto i suoi abitanti.

Uno 'scudo genetico' potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. "L'ipotesi ...

Continua a leggere

DAL DECRETO DI RILANCIO UNA GRANDE OCCASIONE PER L’INFERMIERE DI FAMIGLIA.

La prima stesura del “The family health nurse - Context, conceptual framework and curriculum1” è stata prodotta dall’ufficio regionale Oms ...

Continua a leggere

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Catania, Coronavirus:Infermiere ringrazia dipendente AMT.

Gentilissimo direttore, Come infermieri impegnati nell’emergenza sanitari, ci è appena accaduto un aneddoto di grande umanità che intendiamo segnalare all’attenzione dei ...

Continua a leggere

April 11, 2020, Sorocaba, Brazil: SOROCABA, SP - 11.04.2020: HIDROXICLOROQUINA E COVID 19 - Conceptual photo of the drug Hydroxychloroquine (acronym HCQS, Hydroxychloroquine sulfate) and x-ray of the lungs. Hydroxychloroquine is an oral drug used in the prevention and treatment of chloroquine-sensitive malaria. It can be used to treat rheumatoid arthritis, lupus erythematosus, porphyria cutanea tarda, Q fever and photosensitive diseases. The scientific community discusses how the drug can be used as an experimental treatment for COVID-19 (new coronavirus) (Credit Image: © Cadu Rolim/Fotoarena via ZUMA Press)

Idrossiclorochina aumenta decessi e aritmie nei pazienti Covid-19. Studio su The Lancet

In un'analisi osservazionale di quasi 100mila pazienti ospedalizzati con Covid-19, i quasi 15mila che avevano ricevuto idrossiclorochina o clorochina hanno ...

Continua a leggere

Presidente Musumeci faccia chiarezza sull'utilizzo in pubblico delle mascherine,i cittadini Siciliani rischiano 400 euro di multa.

      Qualche giorno fa Nello Musumeci (governatore della Sicilia) aveva dichiarato che non vi è l'obbligo di indossare sempre la mascherina ...

Continua a leggere

Regione Sicilia, Sanità:obiettivi raggiunti a discapito del personale sanitario e della qualità assistenziale. Premiata.

Una premialità di 400 milioni di euro per la Sanità Siciliana. E’ quello che viene riconosciuto alla Regione, dal Tavolo composto ...

Continua a leggere

Dal decreto “Rilancio” una grande occasione di riforma per il Ssn

    23 MAG - Gentile Direttore, i primi 2 articoli del nuovo decreto “Rilancio” sono indirizzi alle regioni per la ...

Continua a leggere

Covid 19:quanto resiste sulle mascherine. Lo rivela uno studio dell'Iss.

quanto dura il virus sulle mascherine? il rapporto dell'istituto superiore di sanità Il Coronavirus può resistere fino a quattro giorni sulle ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione