Uno studio dell’Università di Torino evidenzia il ruolo attivo del Calcitriolo nella prevenzione e nella migliore risposta a virus che colpiscono le vie respiratorie provocando la polmonite. I livelli ottimali di vitamina D potrebbero ridurre il rischio di contagio anche per il Covid-19

Uno studio di revisione, reso noto dall’Università di Torino, sottolinea l’importanza della vitamina D per prevenire i virus e per rafforzare il sistema immunitario, anche in relazione al coronavirus.

Si parla sempre di vitamina C, la sua «fama» in questi giorni ha generato anche numerose bufale in rete, e quando arriva l’inverno siamo abituati a fare il pieno di arance per proteggerci dal raffreddore, ma la vitamina D ha un ruolo molto specifico e sottovalutato per prevenire e combattere le infezioni alle vie respiratorie. Avere i livelli ottimali di vitamina D, potrebbe aiutare proprio a ridurre i fattori di rischio in questa pandemia da coronavirus, ma anche in tutti i casi di polmonite interstiziale.

Il professor Giancarlo Isaia, docente di Geriatria e Presidente dell’Accademia di Medicina di Torino, e Enzo Medico, professore ordinario di Istologia hanno condotto una ricerca sulla base degli attuali studi accademici esistenti sulla vitamina D che potrebbe aprire la strada a una possibile cura coadiuvante con il Calcitriolo (la forma attiva della vitamina D) nei pazienti che hanno contratto il Covid-19 con insufficienza respiratoria grave.

«Doveva essere solo un approfondimento effettuato su centinaia di evidenze scientifiche da illustrare ai membri dell’Accademia di medicina di Torino, ma poi con il supporto dell’Università abbiamo deciso di divulgarlo a tutti», spiega il professor Giancarlo Isaia. «Siamo partiti dalle recenti raccomandazioni della British Dietetic Association e ci siamo soffermati su alcune premesse di natura epidemiologica che ci hanno poi convinto ad approfondire il ruolo della vitamina D: la prima considerazione è che gran parte della pandemia per ora si sta diffondendo sopra il Tropico del Cancro, l’Italia e la Spagna, tra l’altro, sono i paesi con la popolazione più carente di Vitamina D soprattutto rispetto al Nord Europa che è abituata ad assumerla addizionata agli alimenti; inoltre, le donne, che normalmente sono le più attente al problema dell’osteoporosi e che quindi integrano la vitamina D nella dieta, sono meno colpite dal virus, così come i bambini che non presentano Ipovitaminosi D».

VITAMINA D E CORONAVIRUS

«In base ai nostri studi, possiamo affermare che i livelli ottimali di vitamina D permettono di rispondere meglio all’attacco dei virus che colpiscono le vie respiratorie grazie al ruolo attivo della Vitamina D sulla modulazione del sistema immune e sulla riduzione del rischio di infezioni respiratorie di origine virale. Inoltre, i dati preliminari raccolti in questi giorni a Torino, ci indicano che i pazienti ricoverati per polmonite presentano Ipovitaminosi D, una suggestione che ci fa pensare al ruolo attivo di questa vitamina anche nella gestione del Covid-19. La sua assunzione è molto importante per aumentare le aspettative di vita delle persone anziane già affette da patologie croniche».

GLI STUDI

La vitamina D ha un ruolo immunomodulatore. Una review del 2014, presa in considerazione da Isaia e Medico, ha esaminato le interazioni fra la vitamina D, il sistema immunitario e le patologie infettive, sottolineando l’associazione tra l’ipovitaminosi D e le infezioni respiratorie ed enteriche, attribuendo alla vitamina D la capacità di incrementare i peptidi antimicrobici (catelicidina e beta-defensine) dotati di attività antivirale e immunomodulatoria. «Un altro studio che ha attirato la nostra attenzione è un lavoro che mostra l’efficacia del Calcitriolo nel ridurre il danno polmonare acuto indotto nei ratti», aggiunge Isaia.

COME ASSUMERE LA VITAMINA D

I valori accettabili di vitamina D nella popolazione devono essere superiori a 20 ng/ml, e almeno 30 ng/ml negli anziani. La Vitamina D può essere sintetizzata dalla cute grazie all’esposizione al sole (mezz’ora al giorno), e per circa il 20% attraverso l’alimentazione. Durante l’inverno, i livelli di Colecalciferolo si riducono sensibilmente, sia per la minore irradiazione solare e sia per l’esaurimento delle riserve accumulate durante l’estate: per questo motivo, nei mesi di febbraio/marzo vi è un maggiore rischio della sua carenza e forse di maggiore predisposizione alle infezioni stagionali.

VITAMINA D E INTEGRATORI

«La dose raccomandata di integrazione è di almeno 1500 – 2000 UI al giorno, in forma di Vitamina D3, la più assimilabile e funzionale per l’organismo umano. Alcuni integratori poi la forniscono di origine vegetale e non sintetica, cosa che permette di aumentarne la naturalità», afferma la Dottoressa Federica De Santi, naturopata di Salugea.

PERCHÉ SI PARLA SEMPRE DI VITAMINA C E MENO DI VITAMINA D?

«La vitamina C ha una storia più lunga, è conosciuta da più tempo, ma la documentazione scientifica sui suoi reali benefici è molto carente, per la vitamina D, invece, non ci sono ancora evidenze sul coronavirus, ma ci sono dati accademici specifici in relazione ad altri virus e a polmoniti interstiziali», conclude Isaia.

Redazione NurseNews

Fonte

VanityFaire

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE PER IL CCNL #SANITÀPUBBLICA!

Le lavoratrici i lavoratori e i professionisti hanno dimostrato il loro valore sul campo, nella lotta contro il #covid19! Per ...

Continua a leggere

Cisl Fp Coordinamento Professioni sanitarie: nominati i Catanesi Riccardo Di Salvo e Alfio Stiro.

La Cisl Catanese cambia pelle, con Alfio Stiro e Riccardo Di Salvo, il primo direttore e fondatore del giornale online ...

Continua a leggere

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA’ DI UNO SCIOPERO.

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA' DI UNO SCIOPERO.

DE PALMA: «IL CLIMA SI FA ROVENTE, SI ACCENDONO LE PROTESTE, PRONTI A SCENDERE IN STRADA ACCANTO AI COLLEGHI VESSATI ...

Continua a leggere

Foto Claudio Furlan - LaPresse 
19 Marzo 2020 Brescia (Italia) 
NewsCoronavirus, dentro il reparto di terapia intensivaNella foto: il reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale Poliambulanza di Brescia

Photo Claudio Furlan/Lapresse
19 March 2020 Brescia (Italy)
Intensive care unit of the Poliambulanza hospital in Brescia

Infezioni da coronavirus e responsabilità  tecnico organizzative della struttura sanitaria

Una riflessione giuridica sui possibili profili di responsabilità civile per le infezioni contratte presso le strutture sanitarie coronavirus, medicoLa pandemia da ...

Continua a leggere

Multa Da 500 a 5 mila euro per chi offende o molesta il personale sanitario.

la Camera approva Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta ...

Continua a leggere

Coronavirus, La Fase 2 di medici e infermieri: il rischio ora è il burnout

I racconti di medici e infermieri impegnati da mesi nelle terapie intensive italiane. «Adesso che l'emergenza è finita, per noi ...

Continua a leggere

Pfe, i lavoratori: “Il presidente è persona semplice che ama le regole”.

Riportiano la nota integrale pubblicata su Caltanissettalive inviata dai lavoratori della Pfe di Palermo: ”I Lavoratori della Pfe S.p.A., azienda attiva ...

Continua a leggere

Zangrillo: Il virus clinicamente non esiste più, tornare alla vita normale Seconda ondata? Scomparirà per sempre come Mers e Sars

Alberto zangrillo "Il virus clinicamente non esiste più", Parole forti quelle pronunciate dal primario del San Raffaele Alberto Zangrillo nel dibattito ...

Continua a leggere

Dati shock dai test sierologici: in Sicilia boom di contagiati guariti da soli

I test sierologici hanno messo in risalto una verità nascosta: il numero più alto di contagiati inconsapevoli. Dati shock arrivano dalla ...

Continua a leggere

Coordinamento nazionale professioni sanitarie Cisl fp: ritirato il DM che sostituva i docenti universitari Infermieri con i medici.

Giusta vittoria delle professioni infermieristiche contro il DM 82 dello scorso 14 maggio 2020, nel quale il ministro Gaetano Manfredi ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione