lotta al Covid 19. Il farmaco Plaquenil, utilizzato già 70 anni fa nella lotta contro la malaria, se preso sia prima che dopo il contagio darebbe buoni risultati. A dirlo è il virologo Roberto Burioni.

Buoni risultati, ma che non devono alimentare il fai da te. “Non correte a comprare il Plaquenil e non assumetelo di testa vostra. Mentre l’efficacia non è ancora certa, gli effetti collaterali del farmaco sono comunque possibili” – raccomanda Burioni -. “Chiaramente questo non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza: i dati che abbiamo ottenuto suggeriscono che una sperimentazione clinica di questo farmaco dovrebbe essere svolta somministrandolo non solo quando il paziente sta già male, ma già prima dell’infezione agli individui che sono a maggior rischio”.

“Un passo che, per esempio, potrebbe rappresentare una protezione in più per tutti i colleghi in primissima linea nella gestione clinica de pazienti infetti – precisa il virologo -. Quanto grande sarà questo passo non possiamo saperlo, ma è di questi passi che è fatto il ritorno alla vita normale”.

“Per studiare un virus in laboratorio bisogna prenderlo e metterlo a contatto con cellule nelle quali si possa replicare: in generale l’effetto è la loro completa distruzione. Dunque: abbiamo preso il coronavirus e l’abbiamo messo a replicare, aggiungendo una quantità di Plaquenil abbondantemente raggiungibile nel polmone dopo la somministrazione del farmaco – spiega Burioni -. Però abbiamo esplorato non una, ma tre possibilità. Nella prima gli scienziati hanno aggiunto il farmaco dopo l’infezione delle cellule, simulando la situazione in cui si troverebbe un paziente se il medicinale gli venisse somministrato al momento della diagnosi, quando è già infettato. Poi hanno provato ad aggiungerlo solo prima dell’infezione delle cellule, simulando l’uso del Plaquenil in profilassi. E poi hanno fatto anche un terzo tentativo: lo hanno aggiunto sia prima che dopo l’infezione delle cellule, simulando una somministrazione continuativa del farmaco. Ebbene, le cellule infettate dal virus, ma con il Plaquenil somministrato prima e dopo l’infezione sono risultate in buone condizioni”.

Redazione

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE PER IL CCNL #SANITÀPUBBLICA!

Le lavoratrici i lavoratori e i professionisti hanno dimostrato il loro valore sul campo, nella lotta contro il #covid19! Per ...

Continua a leggere

Cisl Fp Coordinamento Professioni sanitarie: nominati i Catanesi Riccardo Di Salvo e Alfio Stiro.

La Cisl Catanese cambia pelle, con Alfio Stiro e Riccardo Di Salvo, il primo direttore e fondatore del giornale online ...

Continua a leggere

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA’ DI UNO SCIOPERO.

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA' DI UNO SCIOPERO.

DE PALMA: «IL CLIMA SI FA ROVENTE, SI ACCENDONO LE PROTESTE, PRONTI A SCENDERE IN STRADA ACCANTO AI COLLEGHI VESSATI ...

Continua a leggere

Foto Claudio Furlan - LaPresse 
19 Marzo 2020 Brescia (Italia) 
NewsCoronavirus, dentro il reparto di terapia intensivaNella foto: il reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale Poliambulanza di Brescia

Photo Claudio Furlan/Lapresse
19 March 2020 Brescia (Italy)
Intensive care unit of the Poliambulanza hospital in Brescia

Infezioni da coronavirus e responsabilità  tecnico organizzative della struttura sanitaria

Una riflessione giuridica sui possibili profili di responsabilità civile per le infezioni contratte presso le strutture sanitarie coronavirus, medicoLa pandemia da ...

Continua a leggere

Multa Da 500 a 5 mila euro per chi offende o molesta il personale sanitario.

la Camera approva Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta ...

Continua a leggere

Coronavirus, La Fase 2 di medici e infermieri: il rischio ora è il burnout

I racconti di medici e infermieri impegnati da mesi nelle terapie intensive italiane. «Adesso che l'emergenza è finita, per noi ...

Continua a leggere

Pfe, i lavoratori: “Il presidente è persona semplice che ama le regole”.

Riportiano la nota integrale pubblicata su Caltanissettalive inviata dai lavoratori della Pfe di Palermo: ”I Lavoratori della Pfe S.p.A., azienda attiva ...

Continua a leggere

Zangrillo: Il virus clinicamente non esiste più, tornare alla vita normale Seconda ondata? Scomparirà per sempre come Mers e Sars

Alberto zangrillo "Il virus clinicamente non esiste più", Parole forti quelle pronunciate dal primario del San Raffaele Alberto Zangrillo nel dibattito ...

Continua a leggere

Dati shock dai test sierologici: in Sicilia boom di contagiati guariti da soli

I test sierologici hanno messo in risalto una verità nascosta: il numero più alto di contagiati inconsapevoli. Dati shock arrivano dalla ...

Continua a leggere

Coordinamento nazionale professioni sanitarie Cisl fp: ritirato il DM che sostituva i docenti universitari Infermieri con i medici.

Giusta vittoria delle professioni infermieristiche contro il DM 82 dello scorso 14 maggio 2020, nel quale il ministro Gaetano Manfredi ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione