“Se ci ammaliamo noi, i malati non potranno essere curati e verranno lasciati morire”

Sul tavolo ci sono almeno dieci mascherine ammassate una vicina all’altra. Sembra il luogo in cui vengono raccolte prima di essere gettate, e invece sono lì in attesa di essere riutilizzate. Il tavolo è al centro di un reparto con decine di pazienti infetti da coronavirus in uno dei poli Covid istituiti dalla Regione Lazio. Non possiamo dire dove per proteggere la fonte che ci ha mostrato la fotografia. Quel che conta, in fondo, è ciò che quello scatto racconta: ovvero che medici e infermieri sono costretti a conservare i Dispositivi di protezione individuale e a riutilizzarli, nonostante siano teoricamente pensati per essere monouso.

Le mascherine sono ormai merce preziosa e la Protezione Civile fatica a reperire sul mercato i 90 milioni di pezzi al mese di fabbisogno nazionale. A farne le spese sono i sanitari, i più esposti, che si trovano costretti a fare economica. “A noi viene consegnata una sola mascherina FFP2 al giorno”, ci racconta Marianna, nome di fantasia di una infermiera nella Capitale. “Le teniamo indosso il più possibile, anche tre ore di fila. E quando dobbiamo togliercela, cerchiamo di conservarla per poterla riusare. Alcuni la tengono in tasca, altri la appoggiano su quel tavolo. Io la infilo in un contenitore, avvolta in un panno imbevuto di disinfettante. Ma è impossibile non contaminarla”.

Quella del riciclo delle mascherine è una pratica ormai diffusa in molte zone d’Italia. Ce lo confermano i sindacati degli infermieri di Lazio, Toscana, Lombardia e Veneto. Sebbene nessuno lo metta per iscritto, sono le aziende sanitarie a chiedere di tirare la cinghia. “Alcuni ospedali – spiega Donato Cosi, coordinatore lombardo del NurSind – consegnano ogni turno un solo kit di protezione per ogni operatore, che è così costretto a fare una scelta: o lo indossa tutto il giorno, senza poter né bere né andare in bagno; oppure deve riutilizzarlo. Col rischio di auto-infettarsi”.

Quando nei giorni scorsi si parlava della possibilità di disinfettare i Dpi par allungarne la vita, Paolo D’Ancona, epidemiologo dell’Iss, disse chiaramente che “questi dispositivi sono, per certificazione, prodotti monouso”. Il “togli e metti” può essere deleterio. In fondo basta sfiorare la mascherina con le mani durante la svestizione per rischiare di infettarla. Dovrebbe invece essere subito cestinata dopo il primo utilizzo. E se costretti a indossarla a lungo, non bisognerebbe comunque superare il limite delle 4 ore. Perché allora gli ospedali le riciclano? Perché gli infermieri ci respirano dentro anche per 8-10 ore al giorno? E perché, come racconta Stefano Barone, c’è pure chi è costretto ad affrontare il doppio turno con la stessa mascherina?

L’obiettivo dichiarato è quello di ridurne il consumo e prevenire così la loro carenza. “Da ieri per prelevare le mascherine di emergenza dobbiamo firmare dei moduli, come se prendessimo stupefacenti dall’armadietto”, racconta Marianna. C’è grossa penuria, inutile girarci attorno. Basti pensare che, secondo le nuove indicazioni dell’Iss, i sanitari che entrano in contatto con un paziente infetto, ma che non produce aerosol (cioè, in sostanza, non tossisce), non hanno più “diritto” alle filtranti FFP2 o FFP3. Ma solo a quelle chirurgiche, di cui c’è maggiore disponibilità. “Vogliamo essere chiari – dice però Andrea Bottega, segretario nazionale del NurSind – le mascherine chirurgiche non sono classificate come Dispositivi di sicurezza”. Un mese fa, in effetti, gli italiani che le indossavano se lo sentivano dire spesso: non servono a evitare il contagio, ma solo a non diffondere il virus. Perché allora adesso l’Oms le fa usare agli infermieri?

Logica vorrebbe che, per chi lavora in ospedale, si applicasse il principio della “massima prudenza”. Ovvero garantire loro almeno le FFP2 e sottoporli tutti a tampone, evitando così di trasformarli a loro volta in veicolo di contagio. “Ormai i nuovi pazienti Covid sono persone che erano già ricoverate in ospedale anche da 30 giorni”, dice Barone. Questo significa solo due cose: che “gli untori siamo diventati noi operatori” (i positivi sono già oltre 6mila); e che così “il problema non si risolverà mai”. Anzi. Bottega è tranchant: “Se si ammalano troppi sanitari crollerà l’argine, i malati non potranno essere curati e verranno lasciati morire”.

Redazione

Fonte il tempo

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE PER IL CCNL #SANITÀPUBBLICA!

Le lavoratrici i lavoratori e i professionisti hanno dimostrato il loro valore sul campo, nella lotta contro il #covid19! Per ...

Continua a leggere

Cisl Fp Coordinamento Professioni sanitarie: nominati i Catanesi Riccardo Di Salvo e Alfio Stiro.

La Cisl Catanese cambia pelle, con Alfio Stiro e Riccardo Di Salvo, il primo direttore e fondatore del giornale online ...

Continua a leggere

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA’ DI UNO SCIOPERO.

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA' DI UNO SCIOPERO.

DE PALMA: «IL CLIMA SI FA ROVENTE, SI ACCENDONO LE PROTESTE, PRONTI A SCENDERE IN STRADA ACCANTO AI COLLEGHI VESSATI ...

Continua a leggere

Foto Claudio Furlan - LaPresse 
19 Marzo 2020 Brescia (Italia) 
NewsCoronavirus, dentro il reparto di terapia intensivaNella foto: il reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale Poliambulanza di Brescia

Photo Claudio Furlan/Lapresse
19 March 2020 Brescia (Italy)
Intensive care unit of the Poliambulanza hospital in Brescia

Infezioni da coronavirus e responsabilità  tecnico organizzative della struttura sanitaria

Una riflessione giuridica sui possibili profili di responsabilità civile per le infezioni contratte presso le strutture sanitarie coronavirus, medicoLa pandemia da ...

Continua a leggere

Multa Da 500 a 5 mila euro per chi offende o molesta il personale sanitario.

la Camera approva Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta ...

Continua a leggere

Coronavirus, La Fase 2 di medici e infermieri: il rischio ora è il burnout

I racconti di medici e infermieri impegnati da mesi nelle terapie intensive italiane. «Adesso che l'emergenza è finita, per noi ...

Continua a leggere

Pfe, i lavoratori: “Il presidente è persona semplice che ama le regole”.

Riportiano la nota integrale pubblicata su Caltanissettalive inviata dai lavoratori della Pfe di Palermo: ”I Lavoratori della Pfe S.p.A., azienda attiva ...

Continua a leggere

Zangrillo: Il virus clinicamente non esiste più, tornare alla vita normale Seconda ondata? Scomparirà per sempre come Mers e Sars

Alberto zangrillo "Il virus clinicamente non esiste più", Parole forti quelle pronunciate dal primario del San Raffaele Alberto Zangrillo nel dibattito ...

Continua a leggere

Dati shock dai test sierologici: in Sicilia boom di contagiati guariti da soli

I test sierologici hanno messo in risalto una verità nascosta: il numero più alto di contagiati inconsapevoli. Dati shock arrivano dalla ...

Continua a leggere

Coordinamento nazionale professioni sanitarie Cisl fp: ritirato il DM che sostituva i docenti universitari Infermieri con i medici.

Giusta vittoria delle professioni infermieristiche contro il DM 82 dello scorso 14 maggio 2020, nel quale il ministro Gaetano Manfredi ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione