Nuove reclute in Intensiva senza preparazione adeguata gettano la spugna. Operatori sanitari contagiati: 6.414

I camici vengono parcellizzati, le mascherine non sono sufficienti per tutti. “E allora succede che i turni già pesanti di dodici ore si dilatino: fino a raggiungere le 15 ore. Perché non si può uscire dal reparto fino a quando chi deve sostituirti non è stato dotato della mascherina filtrante.

La programmazione dei turni è diventata una roulette russa”. Alberto è un infermiere dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano. Lavora nel reparto di terapia intensiva Covid-19. “Un luogo – dice – che quando lo vedi ti cambia la vita. Il paziente è ostaggio del virus, l’impatto psicologico è devastante: e solo noi possiamo stargli vicino, aiutarlo”.

Alberto si sente abbandonato. Anche qui, al Fatebenefratelli, scarseggiano molte cose. Non solo le mascherine. Ma anche i farmaci: i salvavita, i curari, i sedativi. Mancano pure i caschi per la ventilazione invasiva degli infettati. Sono monouso. Ma adesso l’ordine è: lavateli con la candeggina. Quando alla fine si esce dal reparto, c’è la vita fuori da programmare, ci sono i figli piccoli. “Solo che al personale sanitario non è stato riconosciuto il congedo parentale di 15 giorni – spiega Alberto –. C’è il bonus baby-sitter ma di fatto è come non averlo. Perché nemmeno le baby-sitter si possono spostare a causa delle forti limitazioni alla mobilità. Percepiamo 1.500-1.600 euro al mese e abbiamo una compensazione di 100 euro: uno schiaffo morale”. Alberto non si è ammalato, non come tanti suoi colleghi e medici.

Il bilancio ogni giorno lo traccia l’Iss. E i numeri aumentano: ieri risultavano contagiati 6.414 operatori sanitari, 209 in più rispetto a mercoledì. Di fronte a una emergenza che è come uno tsunami, è anche difficile rimpiazzare chi si ammala. “Perché trovare qualcuno disposto a trasferirsi e a rischiare per trenta euro all’ora, quando devi anche pagarti l’alloggio, non è facile”, osserva Alberto. C’è poi la questione degli infermieri precari, i più ricattabili. Al San Raffaele, sempre a Milano (ospedale privato convenzionato con la Regione Lombardia), li hanno mandati in prima linea. “Sono stati i primi ad essere scaraventati nelle terapie intensive allestite per controbilanciare la forte flessione del business derivante dai ricoveri programmati – denuncia Margherita Napoletano, delegata di Sgb, sindacato generale di base della Lombardia a cui fanno capo infermieri, operatori sociosanitari, tecnici e personale amministrativo –. Molti si sono già ammalati: un infermiere e un medico sono in terapia intensiva, dieci in ossigenoterapia”. Poi ci sono quelli scossi perché non riescono più ad assistere adeguatamente le persone che hanno altre patologie. Succede a Pavia, all’ospedale San Matteo, dove le autoambulanze, sovraccaricate di chiamate, non riescono più a garantire soccorsi rapidi. Lara lavora qui, nel reparto emergenze-urgenze per gli infartuati. “I ritardi – dice –, fanno sì che ci arrivino pazienti in condizioni già gravissime. Una fonte di angoscia. È terribile vedere persone che stanno tanto male alle quali non puoi offrire l’assistenza che riuscivi a fornire prima”.

C’è chi non regge. E sceglie di licenziarsi. Sono soprattutto le nuove reclute, quelle assunte con contratti a tempo determinato per fronteggiare l’emergenza. È già accaduto nelle Marche, in Toscana. “Vengono assunti e poi subito indirizzati alla rianimazione – spiega Andrea Bottega, segretario di Nursind, sindacato nazionale di categoria –. Reparti in cui viene richiesta una specialità elevata che richiede molte ore di formazione. Invece ne vengono erogate solo quattro. Giusto il tempo di addestrarli alla vestizione, a capire come devono indossare e togliere i dispositivi di protezione per non infettarsi. La realtà è così drammatica che preferiscono dimettersi”.

Redazione

Fonte

Ilfattoquotidiano

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE PER IL CCNL #SANITÀPUBBLICA!

Le lavoratrici i lavoratori e i professionisti hanno dimostrato il loro valore sul campo, nella lotta contro il #covid19! Per ...

Continua a leggere

Cisl Fp Coordinamento Professioni sanitarie: nominati i Catanesi Riccardo Di Salvo e Alfio Stiro.

La Cisl Catanese cambia pelle, con Alfio Stiro e Riccardo Di Salvo, il primo direttore e fondatore del giornale online ...

Continua a leggere

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA’ DI UNO SCIOPERO.

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA' DI UNO SCIOPERO.

DE PALMA: «IL CLIMA SI FA ROVENTE, SI ACCENDONO LE PROTESTE, PRONTI A SCENDERE IN STRADA ACCANTO AI COLLEGHI VESSATI ...

Continua a leggere

Foto Claudio Furlan - LaPresse 
19 Marzo 2020 Brescia (Italia) 
NewsCoronavirus, dentro il reparto di terapia intensivaNella foto: il reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale Poliambulanza di Brescia

Photo Claudio Furlan/Lapresse
19 March 2020 Brescia (Italy)
Intensive care unit of the Poliambulanza hospital in Brescia

Infezioni da coronavirus e responsabilità  tecnico organizzative della struttura sanitaria

Una riflessione giuridica sui possibili profili di responsabilità civile per le infezioni contratte presso le strutture sanitarie coronavirus, medicoLa pandemia da ...

Continua a leggere

Multa Da 500 a 5 mila euro per chi offende o molesta il personale sanitario.

la Camera approva Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta ...

Continua a leggere

Coronavirus, La Fase 2 di medici e infermieri: il rischio ora è il burnout

I racconti di medici e infermieri impegnati da mesi nelle terapie intensive italiane. «Adesso che l'emergenza è finita, per noi ...

Continua a leggere

Pfe, i lavoratori: “Il presidente è persona semplice che ama le regole”.

Riportiano la nota integrale pubblicata su Caltanissettalive inviata dai lavoratori della Pfe di Palermo: ”I Lavoratori della Pfe S.p.A., azienda attiva ...

Continua a leggere

Zangrillo: Il virus clinicamente non esiste più, tornare alla vita normale Seconda ondata? Scomparirà per sempre come Mers e Sars

Alberto zangrillo "Il virus clinicamente non esiste più", Parole forti quelle pronunciate dal primario del San Raffaele Alberto Zangrillo nel dibattito ...

Continua a leggere

Dati shock dai test sierologici: in Sicilia boom di contagiati guariti da soli

I test sierologici hanno messo in risalto una verità nascosta: il numero più alto di contagiati inconsapevoli. Dati shock arrivano dalla ...

Continua a leggere

Coordinamento nazionale professioni sanitarie Cisl fp: ritirato il DM che sostituva i docenti universitari Infermieri con i medici.

Giusta vittoria delle professioni infermieristiche contro il DM 82 dello scorso 14 maggio 2020, nel quale il ministro Gaetano Manfredi ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione