Per evitare che il piano di arruolamento straordinario non fallisca il Governo dovrà correggere il testo dell’articolo 7 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18, “Cura Italia”, e prevedere l’inquadramento dei futuri 200 infermieri militari, ma anche di tutti quelli attualmente già in servizio, nella categoria degli ufficiali, ruolo direttivo, perché solo in tale modo i professionisti che potrebbero decidere di arruolarsi saranno sicuri di non essere poi considerati infermieri di serie B.

Arruolare nell’Esercito, per un solo anno, 200 laureati in infermieristica già abilitati all’esercizio della professione e attribuirgli il grado di maresciallo significa volerli retrocedere dal ruolo direttivo/dirigente, già riconosciuto a tutto il personale civile che esercita la professione nel restante pubblico impiego, al ruolo meramente esecutivo “esecutivo” della categoria dei sottufficiali.

È evidente che chi ha suggerito al Ministro Guerini una simile iniziativa sia ancora convinto di poter ottenere manovalanza altamente qualificata a basso costo, facilmente gestibile e impiegabile in ogni contesto emergenziale. Eppure il solerte suggeritore non si è domandato quanti seri professionisti, già abilitati all’esercizio della professione infermieristica, decideranno volontariamente di essere degradati al ruolo di meri esecutori di ordini quando, invece, in ambito civile, la loro naturale collocazione è nei ruoli del personale direttivo/dirigente.

Qualora il Ministro Guerini avesse qualche dubbio gli suggeriamo di non rivolgersi ai soliti noti baroni della sanità militare, ma di chiedere, se non a noi, direttamente al suo collega Ministro della Salute e alla Presidente della FNOPI, dottoressa Barbara Mangiacavalli, dei quali già conosciamo il rispetto e l’alta considerazione che nutrono per la professione infermieristica.

Ministro, non c’è più tempo per le visioni ottocentesche della sanità militare, l’Italia ha bisogno di infermieri, le persone hanno bisogno di assistenza e di professionisti sanitari che possano operare senza distinzioni e subordinazioni.

Le Forze armate possono dare un enorme contributo in termini di professionalità in campo sanitario ma senza una equiordinazione del personale infermieristico ogni diversa soluzione si potrebbe rivelare un fallimento di cui il Paese non ha bisogno.

Sindacato dei Militari

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

PROSEGUE LA MOBILITAZIONE PER IL CCNL #SANITÀPUBBLICA!

Le lavoratrici i lavoratori e i professionisti hanno dimostrato il loro valore sul campo, nella lotta contro il #covid19! Per ...

Continua a leggere

Cisl Fp Coordinamento Professioni sanitarie: nominati i Catanesi Riccardo Di Salvo e Alfio Stiro.

La Cisl Catanese cambia pelle, con Alfio Stiro e Riccardo Di Salvo, il primo direttore e fondatore del giornale online ...

Continua a leggere

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA’ DI UNO SCIOPERO.

NURSING UP, GIUGNO IL MESE “CALDO” DEGLI INFERMIERI ITALIANI. SI FA CONCRETA LA POSSIBILITA' DI UNO SCIOPERO.

DE PALMA: «IL CLIMA SI FA ROVENTE, SI ACCENDONO LE PROTESTE, PRONTI A SCENDERE IN STRADA ACCANTO AI COLLEGHI VESSATI ...

Continua a leggere

Foto Claudio Furlan - LaPresse 
19 Marzo 2020 Brescia (Italia) 
NewsCoronavirus, dentro il reparto di terapia intensivaNella foto: il reparto di Terapia Intensiva dell’Ospedale Poliambulanza di Brescia

Photo Claudio Furlan/Lapresse
19 March 2020 Brescia (Italy)
Intensive care unit of the Poliambulanza hospital in Brescia

Infezioni da coronavirus e responsabilità  tecnico organizzative della struttura sanitaria

Una riflessione giuridica sui possibili profili di responsabilità civile per le infezioni contratte presso le strutture sanitarie coronavirus, medicoLa pandemia da ...

Continua a leggere

Multa Da 500 a 5 mila euro per chi offende o molesta il personale sanitario.

la Camera approva Avanzata in Commissione Affari Sociali da un deputato di Forza Italia, in Aula non è stata però sostenuta ...

Continua a leggere

Coronavirus, La Fase 2 di medici e infermieri: il rischio ora è il burnout

I racconti di medici e infermieri impegnati da mesi nelle terapie intensive italiane. «Adesso che l'emergenza è finita, per noi ...

Continua a leggere

Pfe, i lavoratori: “Il presidente è persona semplice che ama le regole”.

Riportiano la nota integrale pubblicata su Caltanissettalive inviata dai lavoratori della Pfe di Palermo: ”I Lavoratori della Pfe S.p.A., azienda attiva ...

Continua a leggere

Zangrillo: Il virus clinicamente non esiste più, tornare alla vita normale Seconda ondata? Scomparirà per sempre come Mers e Sars

Alberto zangrillo "Il virus clinicamente non esiste più", Parole forti quelle pronunciate dal primario del San Raffaele Alberto Zangrillo nel dibattito ...

Continua a leggere

Dati shock dai test sierologici: in Sicilia boom di contagiati guariti da soli

I test sierologici hanno messo in risalto una verità nascosta: il numero più alto di contagiati inconsapevoli. Dati shock arrivano dalla ...

Continua a leggere

Coordinamento nazionale professioni sanitarie Cisl fp: ritirato il DM che sostituva i docenti universitari Infermieri con i medici.

Giusta vittoria delle professioni infermieristiche contro il DM 82 dello scorso 14 maggio 2020, nel quale il ministro Gaetano Manfredi ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione