La federazione nazionale dei medici chirurghi Chiede di spostare l’esame del documento sull’applicazione del Contratto Comparto Sanità relativo agli incarichi di funzione  degli infermieri.

A chiederlo è il Presidente della stessa Fnomceo, Filippo Anelli, che ha indirizzato giovedì mattina una lettera al Presidente della Conferenza delle Regioni.

“Riteniamo che il nostro contributo possa essere fondamentale per raggiungere l’obiettivo comune di migliorare la qualità dell’assistenza al cittadino – spiega ora Anelli, raggiunto a L’Aquila dove nel pomeriggio incontrerà gli ordini dell’Abruzzo -. In questo senso, la Consulta delle Professioni, recentemente istituita dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, è uno strumento fondamentale per esplicitare, su tali questioni, la sinergia tra i diversi attori e le peculiari competenze di ciascuno. Lo rappresenteremo al Presidente Bonaccini non appena convocherà il Tavolo permanente di confronto che abbiamo questa mattina sollecitato”.

la lettera:

Egregio Presidente Bonaccini,

organi di stampa hanno diffuso l’informazione relativa alla convocazione in data odierna, 20 febbraio 2020, della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome con un punto all’ordine del giorno riguardante: proposta di documento sulle “Linee di indirizzo dei percorsi applicativi degli articoli 16-23 del CCNL 2016/18 del Comparto sanità relativamente agli incarichi di funzione di tipo professionale”.

Proposta di documento, sempre diffuso a mezzo stampa, la cui finalità dichiarata sarebbe di consentire alle Aziende sanitarie di dare valorizzazione, in via transitoria, alle esperienze di sviluppo professionale già in possesso del professionista sanitario oppure acquisite attraverso percorsi formativi regionali; esperienze e competenze utili a rispondere alle problematiche organizzative -assistenziali delle Aziende sanitarie locali.

Già in un recente passato la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome riaffermò generali principi contrari a interventi disorganici ed emergenziali così come rappresentò l’esigenza di un rafforzamento delle procedure concertative, a tutti i livelli; esigenza che in materia di salute assume una valenza ancora più significativa e che appare cogente laddove si vengono a definire funzioni e competenze ancorché avanzate e specialistiche in materia sanitaria.

Sembra opportuno, inoltre, richiamare la sottoscrizione, nel dicembre 2018, di un Protocollo d’Intesa tra Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) che evidenzia in premessa la estrema complessità del settore sanitario sottolineando la rilevanza che la tutela della salute assume nel vigente quadro costituzionale.

E in tal senso nel Protocollo stesso è prevista la istituzione di un Tavolo di confronto permanente tra Conferenza e FNOMCeO, ferme restando le rispettive prerogative e gli ambiti di autonomia con l’obiettivo di confrontarsi sulle tematiche di maggiore rilevanza nel settore sanitario.

Il Protocollo citato riprende, nello specifico, le questioni, oggetto della concertazione e condivisione, ai fini della tutela della salute e soprattutto nell’ottica di un confronto e di una leale collaborazione volta a garantire i principi di unitarietà, solidarietà e coesione sociale del Paese.

Devo con rammarico rilevare che il percorso attivato, oggi dalla Conferenza, sul tema già citato all’ordine del giorno, non ha tenuto in alcun conto questa esigenza, peraltro più volte manifestata dalla FNOMCeO in differenti sedi.

Sono, quindi, a richiederLe, Egregio Presidente, di voler procrastinare l’esame di quanto evidenziato nella proposta di documento sulle “Linee di indirizzo dei percorsi applicativi degli articoli 16-23 del CCNL 2016/18 del Comparto sanità relativamente agli incarichi di funzione di tipo professionale” attivando nel contempo la necessaria sede concertativa con la rappresentanza professionale dei medici FNOMCeO, dando, così, senso e sostanza alle affermazioni e agli intenti sottoscritti e già richiamati nel Protocollo che consentano di definire percorsi e strumenti realmente rispondenti ai bisogni di salute del territorio, rispecchiando coerentemente, con l’impianto formativo e funzionale in essere, le funzioni e i ruoli dei professionisti interessati.

La ringrazio anticipatamente per la attenzione che vorrà riservare a questa nota e Le invio cordiali saluti

Filippo Anelli

Redazione NurseNews.Eu

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

FP CGIL CISL FP UIL FPL hanno ottenuto una fondamentale vittoria.

👉 CGIL CISL UIL sfondano in Toscana. Ai professionisti della sanità un riconoscimento straordinario 🏅. 🏥 Anche in Puglia la Regione ...

Continua a leggere

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Pertanto chiediamo alla federazione degli ordini degli infermieri di intervenire prontamente, con formale querela e relativa richiesta di un cospicuo ...

Continua a leggere

COVID 19,la proposta di Matteo Salvini:Nessuna responsabilità per il datore di lavoro se i sanitari lavorano senza DPI

Al Senato la proposta di Salvini: Nessuna responsabilità per le aziende ospedaliere che non hanno fornito i dispositivi individuali di protezione. Primo ...

Continua a leggere

Operatori Sanitari e Assicurazioni.La CISL FP e Il suo coordinamento professioni sanitarie tutela i suoi iscritti.

La Legge Gelli-Bianco 24/2017 ha ribadito l’obbligo dell’assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale Medica estendendo questo obbligo a tutti gli ...

Continua a leggere

Covid 19:viaggia nell'aria fino a 2 mt e si trasmette con il respiro.

Il Covid 19 si muove e nell'aria con il respiro. Il virus SarsCov2 è stato riscontrato in campioni d'aria raccolti ...

Continua a leggere

Covid 19:Test sierologici ancora non affidabili

La posizione dell'associazione microbiologi clinici (Amcli), che in un documento lancia l'allarme I TEST sierologici, in grado di individuare se c'è ...

Continua a leggere

MEDICI E INFERMIERI APPLAUDONO GLI ADDETTI ALLE PULIZIE.

Non potremmo mai essere grati abbastanza a medici, infermieri e personale ausiliario specializzato di supporto ai reparti per il loro ...

Continua a leggere

Coronavirus:Mascherina chirurgica e FFP2, prestazioni a confronto e letteratura scientifica.

Quali sono i DPI adeguati a proteggere in maniera efficace l’Operatore Sanitario? Basta la mascherina chirurgica, o invece è necessario ...

Continua a leggere

Covid 19:il ruolo che gioca la vitamina D nella prevenzione delle polmoniti virali.

Uno studio dell'Università di Torino evidenzia il ruolo attivo del Calcitriolo nella prevenzione e nella migliore risposta a virus che ...

Continua a leggere

Coronavirus. Petriccioli (Cisl Fp), nostri colleghi testimonianza del valore dei servizi pubblici. Controllo su DPI e tamponi in tutta Italia

La Cisl Funzione Pubblica sostiene la campagna nazionale #IoRestoAcasa per combattere la diffusione del coronavirus. Lo fa tramite la pubblicazione, ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione