La federazione nazionale dei medici chirurghi Chiede di spostare l’esame del documento sull’applicazione del Contratto Comparto Sanità relativo agli incarichi di funzione  degli infermieri.

A chiederlo è il Presidente della stessa Fnomceo, Filippo Anelli, che ha indirizzato giovedì mattina una lettera al Presidente della Conferenza delle Regioni.

“Riteniamo che il nostro contributo possa essere fondamentale per raggiungere l’obiettivo comune di migliorare la qualità dell’assistenza al cittadino – spiega ora Anelli, raggiunto a L’Aquila dove nel pomeriggio incontrerà gli ordini dell’Abruzzo -. In questo senso, la Consulta delle Professioni, recentemente istituita dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, è uno strumento fondamentale per esplicitare, su tali questioni, la sinergia tra i diversi attori e le peculiari competenze di ciascuno. Lo rappresenteremo al Presidente Bonaccini non appena convocherà il Tavolo permanente di confronto che abbiamo questa mattina sollecitato”.

la lettera:

Egregio Presidente Bonaccini,

organi di stampa hanno diffuso l’informazione relativa alla convocazione in data odierna, 20 febbraio 2020, della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome con un punto all’ordine del giorno riguardante: proposta di documento sulle “Linee di indirizzo dei percorsi applicativi degli articoli 16-23 del CCNL 2016/18 del Comparto sanità relativamente agli incarichi di funzione di tipo professionale”.

Proposta di documento, sempre diffuso a mezzo stampa, la cui finalità dichiarata sarebbe di consentire alle Aziende sanitarie di dare valorizzazione, in via transitoria, alle esperienze di sviluppo professionale già in possesso del professionista sanitario oppure acquisite attraverso percorsi formativi regionali; esperienze e competenze utili a rispondere alle problematiche organizzative -assistenziali delle Aziende sanitarie locali.

Già in un recente passato la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome riaffermò generali principi contrari a interventi disorganici ed emergenziali così come rappresentò l’esigenza di un rafforzamento delle procedure concertative, a tutti i livelli; esigenza che in materia di salute assume una valenza ancora più significativa e che appare cogente laddove si vengono a definire funzioni e competenze ancorché avanzate e specialistiche in materia sanitaria.

Sembra opportuno, inoltre, richiamare la sottoscrizione, nel dicembre 2018, di un Protocollo d’Intesa tra Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) che evidenzia in premessa la estrema complessità del settore sanitario sottolineando la rilevanza che la tutela della salute assume nel vigente quadro costituzionale.

E in tal senso nel Protocollo stesso è prevista la istituzione di un Tavolo di confronto permanente tra Conferenza e FNOMCeO, ferme restando le rispettive prerogative e gli ambiti di autonomia con l’obiettivo di confrontarsi sulle tematiche di maggiore rilevanza nel settore sanitario.

Il Protocollo citato riprende, nello specifico, le questioni, oggetto della concertazione e condivisione, ai fini della tutela della salute e soprattutto nell’ottica di un confronto e di una leale collaborazione volta a garantire i principi di unitarietà, solidarietà e coesione sociale del Paese.

Devo con rammarico rilevare che il percorso attivato, oggi dalla Conferenza, sul tema già citato all’ordine del giorno, non ha tenuto in alcun conto questa esigenza, peraltro più volte manifestata dalla FNOMCeO in differenti sedi.

Sono, quindi, a richiederLe, Egregio Presidente, di voler procrastinare l’esame di quanto evidenziato nella proposta di documento sulle “Linee di indirizzo dei percorsi applicativi degli articoli 16-23 del CCNL 2016/18 del Comparto sanità relativamente agli incarichi di funzione di tipo professionale” attivando nel contempo la necessaria sede concertativa con la rappresentanza professionale dei medici FNOMCeO, dando, così, senso e sostanza alle affermazioni e agli intenti sottoscritti e già richiamati nel Protocollo che consentano di definire percorsi e strumenti realmente rispondenti ai bisogni di salute del territorio, rispecchiando coerentemente, con l’impianto formativo e funzionale in essere, le funzioni e i ruoli dei professionisti interessati.

La ringrazio anticipatamente per la attenzione che vorrà riservare a questa nota e Le invio cordiali saluti

Filippo Anelli

Redazione NurseNews.Eu

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Procedura straordinaria per l’arruolamento eccezionale, a domanda, di 100 Sottufficiali/luogotenente infermieri nella Marina Militare e nell’Aeronautica Militare.

Personale milimtare ha reso nota la circolare che disciplina l' arruolamento eccezionale indetto ai sensi dell’articolo 19 del Decreto Legge ...

Continua a leggere

OPI Roma, Infermiere scolastico:ricostruire un rapporto organico tra scuola e sanita.

“Recuperiamo il senso di una norma del 1961 che introduceva la sanità nelle scuole, superata negli anni ’90. Serve una relazione ...

Continua a leggere

COVID-19:Pronto il primo vaccino cinese.Sperimentazione sui militari.

Il primo vaccino per il coronavirus al mondo è pronto: la Cina lo sta sperimentando su alcuni militari. Il prodotto ...

Continua a leggere

la qualità del sonno degli infermieri influenza in maniera marcata il rischio di errori nella somministrazione dei farmaci.

Uno studio nazionale di sondaggi web trasversale E. Di Simone, F. Fabbian, N. Giannetta, S. Dionisi, E. Renzi, R. Cappadona, M. ...

Continua a leggere

Milano, Ospedale Luigi Sacco: provano ancora a demansionare gli infermieri con il “Jobs istruction Infermiere Base”

Il Piano di lavoro o job istructions (sotto allegato) , redatto dal coordinatore infermieristico dell’ Ospedale Sacco di Milano recita: ...

Continua a leggere

Speranza: possibile nuova ondata

Speranza: possibile nuova ondata

Il ministro speranza dichiara che è possibile una seconda ondata di covid-19 e chiede cautela "La comunità scientifica non la esclude. Ci ...

Continua a leggere

PRIMARIO TRASFORMA GLI OSS IN INFERMIERI: DENUNCIATO ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI POTENZA PER ISTIGAZIONE ALL’ABUSO 348 C.P..

Diffida all’azienda ospedaliera regionale San Carlo e all’Ordine delle Professioni Infermieristiche (Potenza) ISTIGAZIONE ALL’ESERCIZIO ABUSIVO DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA – ISTIGAZIONE AL ...

Continua a leggere

100720-N-4044H-292 SOFIFI, Indonesia (July 20, 2010) Latter-day Saint Charities Nurse Practitioner Michelle Crawford performs a general examination during a medical civic action program in Sofifi, Indonesia.  The Military Sealift Command hospital ship USNS Mercy (T-AH 19) is in the North Maluku Islands conducting Pacific Partnership 2010, the fifth in a series of annual U.S. Pacific Fleet endeavors conducted in Indonesia as a disaster relief exercise aimed at strengthening regional partnerships.  (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 2nd Class Eddie Harrison/Released)

Coronavirus:L'Italia introduca l'Infermiere scolastico, garante in Europa della salute pubblica...ma in Italia non esiste.

  Con l’espressione “promozione della salute” si intende il processo che conferisce agli individui i mezzi e le conoscenze per avere ...

Continua a leggere

Corte di cassazione sez. Lavoro:riposi negati al personale sanitario infermieristico, se non concessi, ne risponde il Direttore Generale e non il dirigente non delegato.

Corte di cassazione sez. Lavoro:riposi negati al personale sanitario infermieristico, se non concessi, ne risponde il Direttore Generale e non il dirigente non delegato.

Con la pronuncia n. 3469/2019, la sezione lavoro della Corte di Cassazione, ha confermato la sanzione inflitta a un Direttore ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione
Alfio Stiro