Lugano, un nuovo protocollo permette una presa in carico più rapida dei pazienti non critici.

Al pronto soccorso di Lugano per una frattura alla caviglia? L’attesa, si sa, può essere lunga. In particolare se si tratta di un weekend o di un periodo di vacanza. Ma ora la situazione sta cambiando grazie al “fast track”, una sorta di corsia preferenziale in cui la presa in carico dei pazienti avviene direttamente da parte del personale infermieristico. Con una conseguente riduzione dei tempi d’attesa.

Si tratta di un percorso introdotto la scorsa estate all’Ospedale Civico di Lugano (dapprima per una fase sperimentale di tre mesi, poi da ottobre in via definitiva) «Il protocollo fornisce all’infermiere di triage uno strumento per una valutazione rapida e un’anticipazione della diagnostica in pazienti con trauma cervicale, alla caviglia/piede e al ginocchio» ci spiega la dottoressa Emanuela Zamprogno, responsabile del pronto soccorso dell’Ospedale regionale di Lugano.

Ma come funziona? Nel momento in cui il paziente si presenta in pronto soccorso, viene già da tempo sottoposto al cosiddetto triage, un sistema che consente di effettuare una classificazione secondo la valutazione dell’infermiere Ed è qui che – se il caso – scatta il protocollo “fast track”: «L’infermiere può da subito e autonomamente valutare se il paziente necessita di un’indagine radiologia, il paziente viene subito inviato in radiologia per l’esecuzione dell’esame diagnostico».

ci dice ancora la dottoressa – e anche a livello nazionale, a nostra conoscenza, siamo tra i primi ad avere introdotto questo protocollo». Un protocollo nato da un progetto interdisciplinare elaborato da un team medico infermieristico.

I primi sessanta pazienti – Nei primi tre mesi definitivi, il “fast track” è stato adottato per una sessantina di pazienti. «Abbiamo potuto verificare una diminuzione dei tempi di permanenza nel box di visita e di permanenza totale in pronto soccorso, in particolare per i traumi, osserva Zamprogno.

E gli altri ospedali? – E a seguito di questi risultati positivi, la struttura sta ora introducendo nuovi protocolli per altre patologie minori. Per ora sempre al Civico di Lugano. «È possibile l’introduzione di queste modalità di presa in carico anche negli altri ospedali, ma per il momento non abbiamo ancora definito le relative tempistiche» conclude.

Redazione

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

DoubleDown Casino

Within WinAsUGo programs you may will see very best excellent mobile phone trying to play premium coffee video game titles ...

Continua a leggere

DoubleDown Casino

In between WinAsUGo opportunities you possibly can will find greatest good quality cellphone actively playing coffee beans video gaming similar ...

Continua a leggere

Plenty With Totally free of selling price plus Gives you Whats up Convenience Your absense involving Funds Demanded Casino living room The british isles! All of Gaming dwelling Site

Plenty With Totally free of selling price plus Gives you Whats up Convenience Your absense involving Funds Demanded Casino living ...

Continua a leggere

Essere positivi al tampone non è essere contagiosi: ecco perché!

Essere positivi al tampone non è essere contagiosi: ecco perché!

In Veneto, su 60.000 tamponi fatti nel corso del mese di giugno, sono risultati positivi solo 210, ma di questi ...

Continua a leggere

Riformiamo i percorsi di laurea in infermieristica e sfatiamo il secondo FALSO mito.

Il demansionamento dell'infermiere non inizia nelle aziende ospedaliere o attraverso i datori di lavoro,ma nelle aule universitarie e durante i ...

Continua a leggere

Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Sadirs: Musumeci rispetti le norme nazionali. Basta annunci alla stampa, ora la riforma

"Esistono norme nazionali a tutela della salute dei lavoratori pubblici e vanno applicate anche nelle regioni a Statuto speciale. Quindi, ...

Continua a leggere

Covid 19,Sicurezza e scuola: firmato il protocollo per la ripresa di Settembre

Dall'help desk alle modalità di ingresso e uscita, all’igienizzazione degli spazi, il protocollo di sicurezza per la ripresa delle attività ...

Continua a leggere

CISL FP: performance  ancora niente soldi per i dipendenti ASP Agrigento

I dirigenti delle unità operative complesse dell’Asp di Agrigento tengono in “ostaggio” le retribuzioni di risultato dell’ottanta per cento dei ...

Continua a leggere

Oss facciamo chiarezza, sviluppo professionale nell'area socio sanitaria.

La professione dell'operatore socio sanitario è sprovvista delle caratteristiche delle professioni sanitarie in senso proprio, per mancanza di autonomia professionale, ...

Continua a leggere

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

CORONAVIRUS, L’ALLARME DI CGIL, CISL E UIL: “LA SICILIA NON PUÒ PERMETTERSI UN NUOVO LOCKDOWN. ATTUARE SUBITO LE MISURE DI VIGILANZA”

Secondo Cgil, Cisl e Uil siciliane “indispensabile ritrovare uno spirito di collaborazione come quello emerso durante il lockdown perché solo ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione