Lugano, un nuovo protocollo permette una presa in carico più rapida dei pazienti non critici.

Al pronto soccorso di Lugano per una frattura alla caviglia? L’attesa, si sa, può essere lunga. In particolare se si tratta di un weekend o di un periodo di vacanza. Ma ora la situazione sta cambiando grazie al “fast track”, una sorta di corsia preferenziale in cui la presa in carico dei pazienti avviene direttamente da parte del personale infermieristico. Con una conseguente riduzione dei tempi d’attesa.

Si tratta di un percorso introdotto la scorsa estate all’Ospedale Civico di Lugano (dapprima per una fase sperimentale di tre mesi, poi da ottobre in via definitiva) «Il protocollo fornisce all’infermiere di triage uno strumento per una valutazione rapida e un’anticipazione della diagnostica in pazienti con trauma cervicale, alla caviglia/piede e al ginocchio» ci spiega la dottoressa Emanuela Zamprogno, responsabile del pronto soccorso dell’Ospedale regionale di Lugano.

Ma come funziona? Nel momento in cui il paziente si presenta in pronto soccorso, viene già da tempo sottoposto al cosiddetto triage, un sistema che consente di effettuare una classificazione secondo la valutazione dell’infermiere Ed è qui che – se il caso – scatta il protocollo “fast track”: «L’infermiere può da subito e autonomamente valutare se il paziente necessita di un’indagine radiologia, il paziente viene subito inviato in radiologia per l’esecuzione dell’esame diagnostico».

ci dice ancora la dottoressa – e anche a livello nazionale, a nostra conoscenza, siamo tra i primi ad avere introdotto questo protocollo». Un protocollo nato da un progetto interdisciplinare elaborato da un team medico infermieristico.

I primi sessanta pazienti – Nei primi tre mesi definitivi, il “fast track” è stato adottato per una sessantina di pazienti. «Abbiamo potuto verificare una diminuzione dei tempi di permanenza nel box di visita e di permanenza totale in pronto soccorso, in particolare per i traumi, osserva Zamprogno.

E gli altri ospedali? – E a seguito di questi risultati positivi, la struttura sta ora introducendo nuovi protocolli per altre patologie minori. Per ora sempre al Civico di Lugano. «È possibile l’introduzione di queste modalità di presa in carico anche negli altri ospedali, ma per il momento non abbiamo ancora definito le relative tempistiche» conclude.

Redazione

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Dare il via libera all’Intesa per la realizzazione degli ospedali di comunità, piccole strutture dov [continua]

LA MIA ESPERIENZA COME DOCENTE PRESSO ” ERAP” Si sono concluse le lezioni di riqualificazione OSS pr [continua]

Richiesta la revoca del provvedimento. L’assessorato alla Salute intende avviare la sostituzione del [continua]

Stamani il mondo infermieristico Catanese piange la prematura scomparsa del noto collega Vincenzo Da [continua]

Corso rischio biologico equipaggio 118 bacino Caltanissetta Enna Agrigento Nel mese di gennaio per v [continua]