Al termine dell’Angelus, Papa Francesco ha ricordato che il 2020 è l’“Anno dell’Infermiere e dell’Ostetrica”. A Vatican News la testimonianza di Marina Semenzato, ostetrica in pensione, che ha fatto nascere oltre tremila bambini. I loro primi istanti di vita raccontati in sei piccoli taccuini
Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Un prezioso lavoro per una nobile professione. Papa Francesco ha parole di elogio per gli infermieri e le ostetriche ai quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dedicato il 2020, nel bicentenario della nascita di Florence Nightingale, fondatrice dell’infermieristica moderna, conosciuta anche come “la signora della lanterna” perché usava girare la sera tra le corsie dell’ospedale militare di Crimea, dove era stata mandata nel 1854, con una lampada a petrolio.

Mi fa piacere ricordare che il 2020 è stato designato a livello internazionale come “Anno dell’Infermiere e dell’Ostetrica”. Gli infermieri sono gli operatori sanitari più numerosi e più vicini agli ammalati, e le ostetriche compiono forse la più nobile tra le professioni. Preghiamo per tutti loro, perché possano svolgere al meglio il loro prezioso lavoro.

Una professione importante
Stando alle recenti statistiche dell’Oms, nel mondo ci sono 22 milioni di infermieri e due milioni di ostetriche e rappresentano quasi il 50% della forza lavoro sanitaria globale (nel 70% dei casi sono donne). Permane però una carenza globale dei due profili, si tratta di circa 9 milioni di operatori soprattutto nel sud- est asiatico e in Africa.

Marina, le mani che toccano la vita
“Provo una grande commozione per le parole del Papa”: così Marina Semenzano, ostetrica per 42 anni nel padovano, in pensione dallo scorso primo gennaio. La sua storia è balzata alle cronache grazie ad un post su Facebook, pubblicato dal dirigente della Ulss 6 Euganea, il dottor Domenico Scibetta, nel quale ringraziava Marina per la sua dedizione e per aver sentito il lavoro di ostetrica come una missione, “con una vocazione mai venuta meno in tanti anni di servizio”. Marina ha fatto nascere 3.173 bambini in Italia e 3 in Sierra Leone; un numero che tante altre ostetriche raggiungono ma la particolarità è che lei ha appuntato su 6 diari la storia di ogni parto al quale ha assistito. “La professione dell’ostetrica – racconta – ha in sé un grande privilegio perché è la prima persona che tocca il bimbo che viene alla luce. Ed è un grande onore che il Papa ci abbia dedicato attenzione. Io sono orgogliosa di aver svolto questa professione, ad oggi, dopo più di 40 anni di servizio, non so dove finisce Marina e comincia l’ostetrica”.

Redazione

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Dare il via libera all’Intesa per la realizzazione degli ospedali di comunità, piccole strutture dov [continua]

LA MIA ESPERIENZA COME DOCENTE PRESSO ” ERAP” Si sono concluse le lezioni di riqualificazione OSS pr [continua]

Richiesta la revoca del provvedimento. L’assessorato alla Salute intende avviare la sostituzione del [continua]

Stamani il mondo infermieristico Catanese piange la prematura scomparsa del noto collega Vincenzo Da [continua]

Corso rischio biologico equipaggio 118 bacino Caltanissetta Enna Agrigento Nel mese di gennaio per v [continua]