L’infermiere nel proprio contesto operativo svolge, oltre alla somministrazione dei farmaci nel corpo umano,anche funzioni di educazione sanitaria, ed è anello di congiunzione tra i diversi professionisti oltre che essere riferimento costante per l’utente.
Nonostante la situazione lavorativa dell’infermiere in molte strutture sanitarie sia RICONDOTTA ad una mera funzione Esecutiva, (altamente demansionante) , il ruolo che lo stesso dovrebbe rivestire nell’attività di prevenzione delle ICA dovrebbe essere di fondamentale Importanza e divenire determinante nel momento in cui ci si porrebbe come obiettivo la capacità di controllare le infezioni intra ed extraospedaliere riuscendo a mantenere le stesse ad un livello ACCETTABILE sia nella quantità (quanti nuovi casi nel tempo, localizzazione, tipologia di pazienti colpiti) che in relazione alla gravità delle infezioni stesse.

Le numerose procedure assistenziali che ogni giorno vengono effettuate sui pazienti ospedalizzati  individuano l’infermiere come centro di prevenzione delle INFEZIONI.

Da notare che:
L’attuale carenza di personale infermieristico in Italia è di 60.000 unità, fonte Fnopi. A ció vi é da aggiungere un numero imprecisato di personale ausiliario mancante.tali gravi carenze organiche non permettono la possibilità di fare una buona prevenzione.

(LA CARENZA DI PERSONALE INFERMIERISTICO E DI SUPPORTO CON CONSEGUENTE PROMISCUITÀ DELLE MANSIONI FANNO AUMENTARE TUTTI I FATTORI DI RISCHIO CORRELATI ALL’ASSISTENZA).

La responsabilità che ne deriva dalla gestione di aspetti importanti del controllo delle (ICA), come ad esempio la SOMMINISTRAZIONE dei farmaci, certificazione e validazione dei processi di sterilizzazione, la corretta preparazione dei pazienti e dei materiali per le procedure invasive anche attraverso l’agire del personale di supporto, nonché le responsabilità relative alle corrette cure igieniche da parte del personale ausiliario e l’ oculato impiego delle sostanze antisettiche e disinfettanti, la formazione e l’indirizzo del personale neoassunto e non da ultimo il controllo della asepsi dei parenti visitatori, fanno del professionista infermiere una risorsa necessaria e rilevante nel contenimento delle ICA.

In buona sostanza la lotta alle ICA inizia attraverso un numero adeguato di personale,proseguendo poi con una corretta gestione tecnico organizzativa , passando agli aspetti legati all’autonomia professionale degli infermieri. Quindi, tutto ciò è strettamente legato e speculare rispetto al problema dell’antibiotico resistenza, dei ricoveri prolungati e delle alte percentuali di mortalità legate alle ICA stesse.

Alfio Stiro

Infermiere

Redazione NurseNews.Eu

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Non si fa attendere la risposta durissima che giunge dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche [continua]

Tralasciando le specifiche disamine dell’ordinamento giuridico, nazionale ed internazionale, che dov [continua]

Non mi pare che nel ssn ci sia stata mai chiarezza di ruoli fra gli Infermieri e il personale ausili [continua]

Giustamente, siamo tutti indignati, quando si vogliono abbassare gli standard della formazione medic [continua]