Per troppo tempo, la medicina è stata un culto che deifica il maniaco del lavoro e prende in giro coloro che “si agitano” sul sonno, dicono Matt Morgan e Peter Brindley

Lauren Connelly era felice quando ha ottenuto il suo lavoro ideale. Dopo anni di prova del suo coraggio attraverso duro studio, è entrata con entusiasmo nella professione medica. Ora era un dottore e avrebbe affinato la sua arte in un ospedale scozzese rurale. Dopo alcune settimane  Lauren era esausta, sia fisicamente che mentalmente, dopo ancora altre 100 ore settimanali. Imperterrita, si preparò per sette turni notturni consecutivi. Questo avrebbe dovuto essere il lavoro dei suoi sogni, ma la verità è che la turnazione raramente permetteva un sonno adeguato. La sua morte è avvenuta il 17 settembre 2011 sull’autostrada più trafficata della Scozia, dopo essersi addormentato al volante.

Dopo la morte di Lauren , suo padre, Brian [1] , ha sofferto di insonnia, anche se per diversi motivi. Oltre al dolore, Brian Connelly era arrabbiato e incredulo. Dopo tutto, noi – la professione medica presumibilmente sensata e ben consapevole -aveva ignorato allegramente per decenni la ricerca. Sappiamo che la mancanza di sonno uccide. I dati hanno costantemente dimostrato come uccide lentamente e silenziosamente aumentando la probabilità di cancro, malattie cardiache, immunosoppressione e aumento di peso. Il cattivo sonno uccide anche improvvisamente e rumorosamente a causa di incidenti automobilistici e traumi sul posto di lavoro. Se l’insonnia fosse una droga la vieteremmo immediatamente. Se il sonno fosse una droga, lo prescriveremmo a tutti. Brian ha ragione a parlare, ha ragione a porre domande e merita il nostro pieno sostegno. La risposta è apparentemente semplice: dormire di più e meglio per tutti. La domanda rimane: ci preoccupiamo abbastanza da fare la cosa giusta?

Parlando sei anni dopo la morte di sua figlia, puoi ancora sentire la grinta determinazione mescolata al suo accento scozzese. Ha intenzione di svegliare il governo e la professione medica e, come tutti i buoni genitori, semplicemente non lascerà. Esiste una legislazione per limitare l’orario di lavoro, ma Brian ti dirà come viene comunemente sfruttato e allungato. Ad esempio, spesso tabuliamo l’ orario di lavoro medio . Questo gioco di prestigio consente di nascondere 100 estenuanti settimane nell’arco di una rotazione, purché tale rotazione includa meno ore nei mesi successivi. Brian è chiaramente più intelligente di tutti noi quando ci ricorda che: “Il sonno non può semplicemente essere accumulato e mediato nel tempo”. Semplicemente non crediamo che nessun medico dovrebbe essere lavorato a morte.

Per troppo tempo, la medicina è stata un culto che deifica il maniaco del lavoro e prende in giro coloro che “si agitano” sul sonno. Indipendentemente dal fatto che l’insonnia sia limitata alla medicina o sia, al contrario, un problema a livello di società, possiamo probabilmente tutti concordare sul fatto che abbiamo bisogno di un cambiamento culturale. Questo inizia da persone anziane che parlano e stanno fianco a fianco con colleghi junior.

Non dovremmo, non possiamo e non abbiamo bisogno di stare in piedi come ore di lavoro dei medici che non perdoneremmo mai per piloti o conducenti di autobus. Le lezioni devono essere ascoltate. Fortunatamente, queste sono lezioni che conosciamo da decenni e lezioni che Lauren e suo padre stanno urlando per nostro conto. La sicurezza del paziente è importante, così come la sicurezza del medico.

Brian è un professionista che lavora nel settore della tecnologia dell’informazione. In quanto tale, sia la sua difesa che il suo lavoro quotidiano potrebbero salvare più vite di qualsiasi singolo medico. Questo perché molte delle più grandi iniziative per la sicurezza dei pazienti non sono state guidate da medici altamente qualificati, ma piuttosto da persone straordinarie e tenaci che hanno dovuto rispondere alla tragedia e si sono rifiutate di aspettare che facessimo la cosa giusta. La campagna di Brian rispecchia un altro magnifico professionista non medico, il pilota di linea aerea Martin Bromiley, la cui moglie Elaine è morta inaspettatamente dopo un’operazione minore. L’incapacità di gestire le sue vie aeree non avrebbe dovuto porre fine alla sua vita, ma lo fece. Elaine è morta perché mentre i dottori e le infermiere avevano tutte le capacità individuali, non avevano competenze di gruppo sufficienti. È morta a causa della spirale di indecisione della sua squadra, della sua responsabilità differita e della sua incapacità collettiva di agire. È morta perché una squadra di esperti non è la stessa cosa di una squadra di esperti. Questa morte non è stata colpa di nessuno, invece è stata colpa di tutti. Di conseguenza, rendere le cose migliori è responsabilità di tutti. [2]

Come Brian, Martin Bromiley ha lanciato la sua energia per migliorare il sistema anche mentre combatteva il dolore. Semplicemente non potevano semplicemente stare in piedi e lasciare che accadesse di nuovo. Usando decenni di lezioni apprese dall’industria aeronautica, il gruppo Clinical Human Factors di Bromiley potrebbe salvare più vite di te e di me. Sospettiamo che la campagna di Brian per ridurre le morti per stanchezza medica sarà ugualmente rivoluzionaria, necessaria e terapeutica. Noi medici abbiamo molto lavoro da fare. Dobbiamo svegliarci, e questo inizia assicurando che tutti siano adeguatamente riposati. Lo dobbiamo a Lauren, Brian, Martin ed Elaine … e molti altri.

Matt e Peter desiderano ringraziare Brian Connelly per il suo coraggio e il suo tempo.

Matt Morgan è ricercatore onorario senior presso l’Università di Cardiff, consulente in medicina intensiva e responsabile della ricerca e sviluppo presso l’University Hospital del Galles, ed editore di BMJ OnExamination.
Twitter: @dr_mattmorgan
Interessi concorrenti: nessuno dichiarato

Peter Brindley è professore di medicina di terapia intensiva, etica medica, anestesia all’Università di Alberta, in Canada. Twitter: @docpgb Interessi concorrenti: nessuno dichiarato

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Non si fa attendere la risposta durissima che giunge dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche [continua]

Tralasciando le specifiche disamine dell’ordinamento giuridico, nazionale ed internazionale, che dov [continua]

Non mi pare che nel ssn ci sia stata mai chiarezza di ruoli fra gli Infermieri e il personale ausili [continua]

Giustamente, siamo tutti indignati, quando si vogliono abbassare gli standard della formazione medic [continua]