Il commento sintetico della redazione NurseNews:Avere più medici non garantisce l’assistenza.

Dati OCSE 2019/2. In Italia pochi infermieri mentre il rapporto medici/abitanti è ancora sopra la media. Sotto anche per i posti letto ospedalieri mentre la superiamo per numero di Rmn e Tac

luglio con l’aggiornamento dei dati sanitari di Ocse (vedi qui prima parte sulla spesa). In queste nuove statistiche sotto la lente il numero di medici e infermieri per abitante, i posti letto ospedalieri, con una zumata su quelli psichiatrici, e poi la dotazione di grandi apparecchiature diagnostiche.

La banca dati Ocse 2019 conferma il dato del Rapporto Health at a Glance Europe 2018, pubblicato alla fine dello scorso anno: in Italia ci sono molto meno infermieri della media Ocse e più medici. Anzi, gli infermieri, seppure solo di 0,1 ogni mille abitanti, si sono ridotti ancora scendendo a 5,5 unità ogni mille abitanti, i medici invece restano stabili su 4 per mille abitanti. E le medie Ocse sono rispettivamente di 8,9 per i primi e di 3,5 per i secondi.

Per quanto riguarda il numero di infermieri ogni mille abitanti, l’Italia è a otto posti dalla Turchia, fanalino di coda con 2,1, prima solo di Messico (2,9), Cile (3), Grecia (3,3), Lettonia (4,8), Israele (5,1) e Polonia (5,1). Tra i maggiori partner Ue anche il Regno Unito è sotto la media Ocse, ma con 7,8 infermieri ogni mille abitanti, mentre Francia (10,8) e Germania (12,9) sono parecchio al di sopra, con valori circa doppi di quello italiano.

Poco tempo fa la Commissione europea aveva affermato che “i sistemi sanitari europei dovranno quindi anticipare le future esigenze in termini di competenze degli operatori sanitari, in particolare infermieri, in modo che questi possano essere pronti alle esigenze di una società sempre più anziana”.

Questo proprio a fronte di una precedente considerazione Ocse secondo cui “gli italiani invecchiano e la domanda di assistenza sanitaria sale. La popolazione italiana è una delle più vecchie al mondo: quasi il 20% supera i 65 anni di età e nel 2050 circa l’8% degli italiani avrà più di 85 anni. Il sistema sanitario italiano, al momento, potrebbe non essere in grado di far fronte ai cambiamenti, in particolare per quanto riguarda il rinnovo e l’assunzione del personale infermieristico”.

E nel suo Rapporto 2018 ha dichiarato che “gli infermieri svolgono un ruolo fondamentale nel fornire assistenza sanitaria non solo negli ospedali e negli istituti di assistenza a lungo termine, ma sempre più anche nelle cure primarie e nelle strutture di assistenza domiciliare”.

Sul versante dei medici invece l’Italia è al decimo posto in classifica, alla pari con la Danimarca (4), superate da Svezia (4,1), Germania e Svizzera (entrambi 4,3), Lituania (4,6), Norvegia (4,8), Portogallo (5) Austria (5,2), Grecia (6,1).
La media Ocse è di 3,5 medici ogni mille abitanti e Germania a parte, gli altri maggiori partner Ue sono al di sotto, la Francia con 3,2 e il Regno Unito con 2,9.

Ultima in classifica la Turchia con 1,9 medici ogni mille abitanti mentre le maggiori nazioni Ocse in fondo alla classifica sono Giappone (2,4) e Stati Uniti (2,6), che al contrario per gli infermieri avevano rispettivamente un valore per mille abitanti pari a 11,3 e 11,7.

Per quanto riguarda i posti letto per mille abitanti, l’Italia è al di sotto della media Ocse: 3,2 nel nostro paese, 4,7 la media di tutti i paesi. Il record è del Giappone che di posti letto per mille abitanti ne ha 13,1, seguito dalla Corea e da uno dei maggiori partner Ue, la Germania, con 8.

Sul versante opposto in fondo alla classifica ci sono Messico (1,4) Cile (2,1) e Svezia (2,3), ma subito dopo Canada e Regno Unito entrambi con 2,5. L’altro maggiore partner Ue, la Francia, supera ancora una volta la media Ocse con 6 posti letto per mille abitanti.

Un dato che l’Ocse rileva a se è anche quello dei posti letto psichiatrici, rispetto ai quali il nostro Paese è penultimo assieme alla Turchia con 0,1 per mille abitanti (ultimo il Messico con zero), mentre al primo posto c’è ancora il Giappone con 2,6, seguito da Belgio (1,4) e Corea, Germania e Lettonia tutte con 1,3 posti letto ogni mille abitanti. Gli altri due maggiori partner Ue ne hanno rispettivamente 0,8 la Francia e 0,4 il Regno Unito, con una media Ocse a 0,7.

La banca dati analizza poi la diponibilità delle grandi attrezzature diagnostiche.

Le risonanze magnetiche per milione di abitanti nella media Ocse sono 16,73. L’Italia ne ha 28,01 ed è quinta tra i paesi dopo Giappone (55,21), Stati Uniti (37,56), Germania (34,71) e Corea (29.08).

Agli ultimi posti dopo Messico (2,64), Ungheria (4,7) e Israele (5,16) c’è uno dei maggiori partner Ue, il Regno Unito, che di Rnm ogni milione di abitanti ne ha 7,23, ma anche la Francia è al di sotto della media Ocse con 14,21.

Altra tecnologia censita è la tomografia computerizzata, per la quale la media Ocse degli scanner per milione di abitanti è 26,79 e l’Italia è sopra con 34,71, decima nella classifica guidata ancora una volta dal Giappone (111,49) e dove tra i partner Ue figura la Germania al nono posto con 35,13 scanner ogni milione di abitanti.

Questa volta il Regno Unito è terzultimo dopo Messico (5,83) e Ungheria (9,19) con 9,46 Tac ogni milione di abitanti e la Francia è sempre sotto la media Ocse con 17.36

Redazione

Fonte

Quotidiano Sanità. It

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Pfe, i lavoratori: “Il presidente è persona semplice che ama le regole”.

Riportiano la nota integrale pubblicata su Caltanissettalive inviata dai lavoratori della Pfe di Palermo: ”I Lavoratori della Pfe S.p.A., azienda attiva ...

Continua a leggere

Zangrillo: Il virus clinicamente non esiste più, tornare alla vita normale Seconda ondata? Scomparirà per sempre come Mers e Sars

Alberto zangrillo "Il virus clinicamente non esiste più", Parole forti quelle pronunciate dal primario del San Raffaele Alberto Zangrillo nel dibattito ...

Continua a leggere

Dati shock dai test sierologici: in Sicilia boom di contagiati guariti da soli

I test sierologici hanno messo in risalto una verità nascosta: il numero più alto di contagiati inconsapevoli. Dati shock arrivano dalla ...

Continua a leggere

Coordinamento nazionale professioni sanitarie Cisl fp: ritirato il DM che sostituva i docenti universitari Infermieri con i medici.

Giusta vittoria delle professioni infermieristiche contro il DM 82 dello scorso 14 maggio 2020, nel quale il ministro Gaetano Manfredi ...

Continua a leggere

FNOPI: nei corsi di laurea in infermieristica docenti solo infermieri.Ritirato il decreto che penalizzava gli infermieri.

“Il comma 2 dell’articolo 1 del decreto ministeriale 14 maggio 2020 (prot.n. 82), è abrogato”: non ci saranno più, cioè, ...

Continua a leggere

Giornata “Camici bianchi”: la politica non (ri-)conosce gli infermieri

Giornata “Camici bianchi”: la politica non (ri-)conosce gli infermieri

    “Non possiamo accettare che una giornata dedicata agli operatori della sanità in prima linea nella lotta alla pandemia si caratterizzi ...

Continua a leggere

Sanità, Cisl Sicilia: dura nota all'assessore Razza. Personale ancora in attesa dei bonus Covid-19, chiediamo di essere convocati

Sanità, dura nota all'assessore Razza: Lavoratori della sanità pubblica e di Seus 118 ancora in attesa degli incentivi statali destinati con ...

Continua a leggere

Covid 19:sì unanime al Senato per la Giornata nazionale dei camici bianchi.

Covid 19:sì unanime Senato a Giornata nazionale camici bianchi. (askanews) La commissione Affari costituzionali del Senato ha pprovato all’unanimità, in sede ...

Continua a leggere

Covid 19:uno scudo genetico nel Sud Italia avrebbe protetto i suoi abitanti.

Uno 'scudo genetico' potrebbe aver protetto l'Italia del Sud dallo tsunami Sars-CoV-2 che ha travolto le regioni del Nord. "L'ipotesi ...

Continua a leggere

DAL DECRETO DI RILANCIO UNA GRANDE OCCASIONE PER L’INFERMIERE DI FAMIGLIA.

La prima stesura del “The family health nurse - Context, conceptual framework and curriculum1” è stata prodotta dall’ufficio regionale Oms ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione