“Può causare la morte per arresto cardiorespiratorio o annegamento“

fate attenzione quando vi tuffate in acqua al mare o in un lago,
a come reagisce il nostro corpo. E’ bene evitare di tuffarsi se fa troppo caldo e l’acqua è troppo fredda. Il rischio è l’idrocuzione. Questa è la definizione: si tratta di una sincope da immersione rapida in acqua, specialmente fredda, caratterizzata da riflessi neurovegetativi che possono causare anche morte per arresto cardiorespiratorio o annegamento.

Il meccanismo patogenetico dell’idrocuzione risulta una vasocostrizione, che a sua volta provoca riflessi a livello del tronco dell’encefalo, interessando sia i centri di regolazione cardiaca sia quelli respiratori (arresto cardiorespiratorio); se non sono coinvolti i centri bulbari in modo letale, l’arresto di circolazione e di ossigenazione cerebrale provoca comunque sincope con perdita di coscienza, con conseguente annegamento qualora il soggetto non possa essere subito soccorso. L’idrocuzione inoltre, può essere favorita da processi digestivi in corso.

(fonte dizionario Treccani Medicina)

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Il demansionamento non si combatte facendosi risarcire la lesione della propria dignità professional [continua]

Stamani davanti al direttore generale Salvatore Giuffrida e la dott. Antonella Di Stefano direttore [continua]

Cassazione lavoro n. 1078 del 09 febbraio 1985:non competono all’infermiere le mansioni igienico-dom [continua]

Una valanga di ricorsi potrebbe piombare sulle Asl e sugli Ospedali. La sentenza n. 7776/2015 Sezion [continua]