In italia il Triage compare nel 1996, in particolare tramite l’attuazione del decreto n.76/1992, il quale afferma come in ogni dipartimento di emergenza e accettazione debba essere prevista questa funzione come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti afferenti al Pronto soccorso. Tale funzione – recita il decreto – è svolta da personale infermieristico adeguatamente formato, che opera secondo protocolli prestabiliti dal dirigente del servizio.

Riguardo al profilo professionale dell’Infermiere il D.M. 14 settembre 1994, n. 739Art. 1 stabilisce che l’infermiere è l’operatore sanitario che, in possesso del diploma universitario abilitante e dell’iscrizione all’ordine professionale è responsabile dell’assistenza generale infermieristica, valuta lo stato di salute dei cittadini e stabilisce le priorità assistenziali oltre ad essere il responsabile della corretta somministrazione dei farmaci nel corpo umano..

Pertanto vogliamo ricordare al Codacons che negli ospedali Italiani, oltre che nei pronto soccorsi, da sempre la sorveglianza dello stato di salute dei cittadini è affidata dalla legge dello stato Italiano ai medici e agli infermieri e che ogni anno, in media, 21 milioni di cittadini accedono nei pronto soccorsi e vengono valutati e curati con competenza e appropriatezza proprio dagli infermieri.

Per questo siamo molto stranizzati dal fatto che un ‘associazione come il Codacons invece di preoccuparsi della grave carenza cronica d’infermieri negli ospedali italiani ( di circa 70 mila unità)e della inesistenza di figure ausiliarie all’assistenza, causa di demansionamento, di condizioni di lavoro disumane e di alto rischio per la salute pubblica,si presti a  strumentali considerazioni politico sanitarie prive di qualsivoglia fondamento scientifico- logico-giuridico.

IL Codacons dovrebbe ammirare e valorizzare lo sforzo di una categoria su cui poggia il peso del Ssn che ,anche con grossi sforzi,espleta comunque un’ assistenza di alta qualità ,con tutti i limiti che un’ organizzazione carente di personale può comportare e che contribuisce a far si che la sanità italiana sia considerata una delle migliori al mondo.

Riportiamo uno stralcio dell’art. Del Codacons:

“Cosenza, muore per il ‘triage’ errato. Codacons: “non affidarlo agli infermieri”

A voi le considerazioni.

Riportiamo uno stralcio dell’art. Del Codacons.

“Cosenza, muore per il ‘triage’ errato. Codacons: “non affidarlo agli infermieri”

Link

Redazione NurseNews. Eu

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Penny Sartori ha trascorso più di vent’anni lavorando in terapia intensiva e ha visto molte cose irr [continua]

Mentre il conflitto israeliano-palestinese non accenna ad arrestarsi, a Gerusalemme l’infermiera isr [continua]

(Artt. 595, 596, 596 bis, 597, 599 c.p.) Diffamazione 1. Chiunque, fuori dei casi indicati nell’arti [continua]

Ieri sera una donna ha aggredito un infermiere di triage perché non voleva aspettare la visita per i [continua]

Eseguita l’autopsia al bambino di 4 anni deceduto nei giorni scorsi. L’esame autoptico è stato dispo [continua]