Qualxhe mese fa il Ministero della difesa ha indetto un bando di concorso per laureati triennali in ingegneria da arruolare nel ruolo degli Ufficiali della capitaneria di porto; stranamente, solo 2 giorni dopo, con le lauree per le professioni sanitarie e’ stato indetto il bando di concorso per Marescialli scuola sottoufficiali a nomina diretta.

Ma chi glielo spiega che se si assume un laureato e lo si inquadra nel ruolo Marescialli si sta andando contro al principio di equiordinazione del pubblico impiego tanto proclamato, lo stesso maresciallo laureato, peraltro, qualora dovesse perdere l’idoneita’ al servizio militare, per motivi di servizio o meno, transiterebbe all’impiego civile in Area 2 anziche’ in Area 3 non potendo piu’ esercitare la professione sanitaria!!!! L’Area 2 infatti non consente di esercitare alcuna professione sanitaria, bensi’ quella ausiliaria! Professionalizziamo le forze armate oppure demansioniamo il titolo di studio prevedendo concorsi per laureati marescialli a nomina diretta? P.S.: stranamente questo discorso non vale per i laureati triennali in ingegneria, ma che strano!

Emiliano Boi.

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Rissa in ospedale per una mancata precedenza, picchiati 5 infermieri Domenica 13 Ottobre SAN BENEDET [continua]

Condividiamo e riportiamo l’articolo di redazione apparso nelle colonne di Nurse Times, per sostener [continua]

L’iniziativa disciplinare nei confronti dell’assessore regionale alla Salute in Emilia-Romagna, Serg [continua]

Nota del Coordinamento degli ordini delle professioni sanitarie della Sicilia a tutte le istituzioni [continua]