Mangiando cibi industriali troppo lavorati si ha un aumento di rischio di morte prematura per malattie croniche, cardiovascolari o tumori

Lo rivela uno studio condotto in Francia e pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine.
Lo studio è stato condotto da Laure Schnabel dell’Università di Parigi, coinvolgendo 44.551 adulti francesi dai 45 anni in su (età media 57 anni).

Il campione è stato seguito per molto tempo e con una cadenza semestrale e doveva riferire minuziosamente cosa aveva mangiato nelle ultime 24 ore.

Nel corso del periodo di follow up sono avvenuti 602 decessi.

I ricercatori hanno stimato il consumo di cibo industriale da parte di ciascuno ed è emerso un aumento di rischio di morte prematura del 14% per ogni aumento del 10% del cibo industriale nella dieta di ciascuno.

Questi cibi sono prodotti a livello industriale e contengono moltissimi ingredienti che includono additivi (usati per vari scopi) – scrivono gli autori del lavoro.

“Questi cibi sono consumati soprattutto come snack, dessert, o cibi pronti da mangiare o da scaldare ( wurstel e patatine soprattutto) e il loro consumo è esageratamente aumentato nelle passate decadi”, causa la’fame di tempo’ che spinge a scegliere cibi pronti.

Insieme agli additivi, possono giocare un ruolo nell’insorgenza di malattie croniche anche le sostanze chimiche presenti nelle confezioni (che possono finire nei cibi e spesso associate in altri studi a diverse malattie) e anche il tipo di preparazione industriale che a volte richiede altissime temperature.

Come orientarsi quindi nella scelta dei cibi per non cadere in acquisti sbagliati e ritrovarsi inconsapevolmente a mangiare cibo ultra-lavorato?

È importante scegliere cibi semplici: quindi, leggere l’etichetta e cercare prodotti con pochi ingredienti e soprattutto la cui lista non contenga nomi sconosciuti (sicuramente riferiti a qualche sostanza aggiunta, additivi, coloranti etc) ma solo ingredienti conosciuti.

Di:Amato Angelo
Termini Noemi

The following two tabs change content below.
Angelo Amato
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

È il primo Paese al mondo a prendere una decisione del genere nei nostri confronti. La causa: «La sc [continua]

Il malato ha il diritto – a condizione che lo desideri – di avere piena cognizione del proprio stato [continua]

Roma, 24 febbraio 2020 – “Va adottato quanto prima un dispositivo normativo che garantisca la contin [continua]

Il celebre virologo Roberto Burioni torna a parlare del Coronavirus Roberto Burioni, il noto virolog [continua]

Dadone CISL Roma, 24 febbraio 2020 – “In momenti delicati come questi, dobbiamo certamente mettere d [continua]