La sintesi degli interventi

“L’infermiere – ha detto la presidente FNOPI Barbara Mangiacavalli – è il più vicino al paziente che segue 24 ore su 24 in ricovero e a domicilio. Ma non allo stesso modo in tutte le Regioni. Due dati per comprendere: il rapporto infermieri pazienti che studi internazionali indicano come ottimale per abbattere la mortalità del 20% è di 1:6. In Italia abbiamo Regioni che sono a 1:17 (la Campania ad esempio) e altre a 1:8 come il Friuli-Venezia Giulia. La carenza di infermieri, soprattutto sul territorio e quindi accanto ai più fragili e bisognosi di assistenza continua è di circa 50-53mila unità, ma ci sono Regioni dove i numeri sono a posto e Regioni dove l’assenza di organici è pesante e mette l’assistenza a rischio (in Campania sono circa il 48% in meno di quelli necessari, sono il 55% in meno in Calabria e il 56% in Sicilia). L’Italia si deve uniformare in questo, non dividere ulteriormente”.

“Occorre mettere in primo piano – ha detto il presidente FNOMCeO Filippo Anelli – gli obiettivi di salute tra i quali la prevenzione, favorire la partecipazione dei cittadini e mettere i professionisti nelle migliori condizioni di perseguirli. Il Ssn dopo 40 anni dalla sua istituzione rappresenta uno strumento in grado di garantire a tutti i cittadini elevati livelli di tutela della salute individuale e pubblica, con indicatori di salute tra i migliori al mondo. Vi sono, certamente, ambiti di miglioramento evidenti e rispetto ai quali occorrono interventi efficaci, economici e strutturali, per scongiurare la sua compromissione e per questo è necessaria una riforma che possa restituire fiducia agli operatori sanitari, riconoscendo loro maggiore responsabilità attraverso la definizione di un nuovo ruolo capace di garantire la salute dei cittadini e allo stesso tempo di farsi carico della sostenibilità del sistema”.

“In Sanità si registra un paradosso: da una parte c’è l’esigenza di cambiare radicalmente il modello organizzativo, dall’altra una fortissima resistenza a che questo cambiamento avvenga”, sottolinea il presidente Alessandro Beux, per spiegare la posizione della FNO TSRM e PSTRP. “Per questo sarebbe necessario un cambiamento radicale dell’organizzazione complessiva del sistema socio-sanitario, da quello attuale, prevalentemente improntato sul modello ospedaliero per la gestione delle acuzie, a un modello fortemente basato sulla territorialità e sulla domiciliarizzazione delle cure. La nostra proposta si basa sul metodo scientifico: non diamo per scontato che un modello organizzativo alternativo all’attuale sia migliore, ma sottoponiamolo a sperimentazione, dandoci un tempo per verificarne la bontà, sulla base di indicatori di sicurezza, efficacia e di sostenibilità condivisi”.

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

FP CGIL CISL FP UIL FPL hanno ottenuto una fondamentale vittoria.

👉 CGIL CISL UIL sfondano in Toscana. Ai professionisti della sanità un riconoscimento straordinario 🏅. 🏥 Anche in Puglia la Regione ...

Continua a leggere

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Pertanto chiediamo alla federazione degli ordini degli infermieri di intervenire prontamente, con formale querela e relativa richiesta di un cospicuo ...

Continua a leggere

COVID 19,la proposta di Matteo Salvini:Nessuna responsabilità per il datore di lavoro se i sanitari lavorano senza DPI

Al Senato la proposta di Salvini: Nessuna responsabilità per le aziende ospedaliere che non hanno fornito i dispositivi individuali di protezione. Primo ...

Continua a leggere

Operatori Sanitari e Assicurazioni.La CISL FP e Il suo coordinamento professioni sanitarie tutela i suoi iscritti.

La Legge Gelli-Bianco 24/2017 ha ribadito l’obbligo dell’assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale Medica estendendo questo obbligo a tutti gli ...

Continua a leggere

Covid 19:viaggia nell'aria fino a 2 mt e si trasmette con il respiro.

Il Covid 19 si muove e nell'aria con il respiro. Il virus SarsCov2 è stato riscontrato in campioni d'aria raccolti ...

Continua a leggere

Covid 19:Test sierologici ancora non affidabili

La posizione dell'associazione microbiologi clinici (Amcli), che in un documento lancia l'allarme I TEST sierologici, in grado di individuare se c'è ...

Continua a leggere

MEDICI E INFERMIERI APPLAUDONO GLI ADDETTI ALLE PULIZIE.

Non potremmo mai essere grati abbastanza a medici, infermieri e personale ausiliario specializzato di supporto ai reparti per il loro ...

Continua a leggere

Coronavirus:Mascherina chirurgica e FFP2, prestazioni a confronto e letteratura scientifica.

Quali sono i DPI adeguati a proteggere in maniera efficace l’Operatore Sanitario? Basta la mascherina chirurgica, o invece è necessario ...

Continua a leggere

Covid 19:il ruolo che gioca la vitamina D nella prevenzione delle polmoniti virali.

Uno studio dell'Università di Torino evidenzia il ruolo attivo del Calcitriolo nella prevenzione e nella migliore risposta a virus che ...

Continua a leggere

Coronavirus. Petriccioli (Cisl Fp), nostri colleghi testimonianza del valore dei servizi pubblici. Controllo su DPI e tamponi in tutta Italia

La Cisl Funzione Pubblica sostiene la campagna nazionale #IoRestoAcasa per combattere la diffusione del coronavirus. Lo fa tramite la pubblicazione, ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione