Sanità, diecimila medici via dall’Italia negli ultimi dieci anni
Dal 2005 al 2015 oltre 10mila medici e 8mila infermieri hanno lasciato l’Italia per lavorare all’estero. Ai dati della Commissione europea e del rapporto Eurispes-Enpam, si aggiungono quelli di Consulcesi group secondo cui ogni anno 1.500 laureati in medicina lasciano il Paese per seguire scuole di specializzazione all’estero. Il danno, secondo i sindacati, è anche economico in quanto la formazione costa allo Stato 150mila euro per ogni singolo medico.

Chi parte ha un’età che va dai 28 ai 39 anni, la meta principale è la Gran Bretagna, con il 33% di scelte, seguita dalla Svizzera con il 26%. I professionisti che espatriano sono per la maggior parte ortopedici, pediatri, ginecologi, anestesisti e infermieri, La regione da cui emigrano di più e’ il Veneto, da dove proprio il governatore Luca Zaia ha lanciato l’allarme: “Mancano 1.300 medici. Il motivo di questa situazione è una programmazione nazionale sbagliata, a partire dal numero chiuso nelle università, passando per la carenza di borse di specializzazione, il mancato utilizzo negli ospedali dei giovani specializzandi, l’assurdità di non poter trovare forme per trattenere chi va in pensione a 65 anni”, ha detto.

I numeri insomma parlano chiaro, i medici in Italia sono sempre di meno, per chi resta in corsia aumentano la difficoltà e il superlavoro e di pari passo la voglia di andarsene. I motivi che inducono tanti professionisti a lasciare l’Italia li spiega Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi che, in partnership con l’Italian medical society of Great Britain (Imsogb), si occupa anche della formazione dei camici bianchi italiani nel Regno Unito. “Qui l’accesso alla professione è più meritocratico, le prospettive di carriera sono migliori e le retribuzioni sono molto più alte”, afferma. E ancora: “L’Italia si impegna nella formazione di eccellenti professionisti sanitari, spendendo ingenti somme di denaro e poi regala questo patrimonio agli altri”.

Tgcom24

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Prof. Palù: Covid destinato a durare per generazioni.

"Il sospetto che non sia naturale non è eresia" Il virologo dell'Università di Padova a La Stampa: "Lo scenario probabile è ...

Continua a leggere

Fnopi,Coronavirus/infermieri pronti a tutelare il rientro a scuola in sicurezza

Garantire la salute nelle scuole fa parte delle caratteristiche proprie della professione infermieristica: professionisti laureati, formati ad hoc, esperti di ...

Continua a leggere

Commissione sanita', Parente( Iv):«Professionisti in équipe per rafforzare la medicina territoriale.

Intervista alla neoeletta presidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama: «Anche esponenti delle opposizioni mi hanno votato, per me una ...

Continua a leggere

Il danno causato dal demansionamento sistematico non trova mai ristoro, neanche in seguito ad un risarcimento economico.

L’infermiere si dovrebbe rifiutare di svolgere mansioni inferiori sistematiche. Il danno causato dalla dequalificazione professionale non trova ristoro neanche in seguito ...

Continua a leggere

Contratti: Cgil Cisl Uil, proclamiamo sciopero nazionale per mancata ratifica sanità privata.

Alla scadenza per la firma definitiva, Aris e Aiop si smentiscono Roma, 30 luglio – “Siamo oltre l’indignazione, oltre la vergogna. ...

Continua a leggere

Nel mondo mancano sei milioni di infermieri. Le dieci proposte delle Nazioni Unite.

Nel mondo mancano sei milioni di infermieri. Le dieci proposte delle Nazioni Unite.

La pandemia ci sta urlando una cosa importante: ne usciamo solo andando nella direzione di una copertura sanitaria universale. Lasciare ...

Continua a leggere

Andrea Bocelli:Umiliato dal lockdowne scoppia la polemica sui social.

"Mi sono sentito umiliato e offeso come cittadino quando mi è stato vietato di uscire di casa. Devo anche confessare, ...

Continua a leggere

Covid 19: la pandemia evidenzia la necessità di proteggere i lavoratori dagli agenti biologici

Malattie infettive, allergie e altri problemi di salute sono spesso correlati all'esposizione agli agenti biologici sui luoghi di lavoro. Si ...

Continua a leggere

Il convegno dei negazionisti in Senato, Salvini: non metto la mascherina perché non cel'ho. Sgarbi : Non c'è più Covid.

Il convegno "Covid-19 in Italia, tra informazione scienza e diritti" riunisce filosofi, giornalisti, giuristi e medici tutti contrari alla proroga ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione