Il proprietario di un’azienda che minaccia un dipendente di licenziarlo come elemento di pressione per ottenere qualcosa commette un reato e può essere denunciato.
Sono comprese a titolo esemplificativo le minacce di licenziamento come elemento di pressione per convincere un lavoratore a fare straordinari, per spingerlo ad accettare una paga più bassa di quella dovuta, o come ritorsione per qualche discussione tra titolare e dipendente.

A seconda dei casi, tali minacce possono costituire reato di minaccia o addirittura di estorsione, e il lavoratore ha la facoltà di denunciare il titolare ed esigere un risarcimento riuscendo però efficacemente a dimostrare la veridicità dei fatti.

Il reato di minaccia scatta tutte le volte in cui il lavoratore viene intimorito di licenziamento e portato ad accettare tacitamente ciò che gli viene chiesto dall’alto, qualsiasi sia la richiesta . Minacciare il dipendente di licenziamento costituisce un abuso di potere, da parte del datore di lavoro, nei confronti del dipendente.

Questo è quanto stabilisce la Cassazione con la sentenza numero 42336/16 del 6.10.2016. In questi casi il datore di lavoro viene sottoposto a processo penale, e se le accuse vengono dimostrate sarà condannato e tenuto a risarcire il danno provocato al lavoratore.

Come riferisce l’ ADICO (associazione difesa consumatori) sul proprio sito, c’è anche un’altra sentenza meno recente a riguardo che ha condannato un datore di lavoro al risarcimento verso un dipendente per aver commesso reato di minaccia.

<<E’ la sentenza 11891/10 con cui la Cassazione ha condannato un caporeparto che aveva minacciato di licenziare una dipendente che non aveva accettato di svolgere l’attività lavorativa fuori dal normale orario di servizio. Non solo. L’uomo aveva anche prospettato alla lavoratrice di assegnarla a lavori talmente stressanti che l’avrebbero indotta a dimettersi. Tutti elementi, questi, confermati dalle raccolte dichiarazioni testimoniali. La quinta sezione penale del Palazzaccio, poi, ha anche confermato la condanna dell’uomo al risarcimento danni in favore della persona offesa, costituitasi parte civile.

Ci sono casi in cui però la minaccia può sconfinare addirittura in reato di estorsione.
Tale reato scatta quando la minaccia è finalizzata a trarre un ingiusto profitto ai danni del lavoratore.

Ciò è stabilito da un’altra sentenza della Cassazione anch’ essa recente, la numero 18727/2016, secondo la quale il reato di estorsione scatta quando un titolare, approfittando della crisi del mercato di lavoro e delle scarse possibilità di trovare lavoro che avrebbe il lavoratore se perdesse il posto, mediante minacce costringe quest’ ultimo ad accettare una retribuzione più bassa di quella dovuta, danneggiandolo economicamente

Un altro caso in cui scatta il reato di estorsione avviene con il classico fenomeno, purtroppo molto diffuso in Italia, della “dimissioni in bianco”, ovvero quando un titolare fa firmare al lavoratore un foglio di dimissioni in bianco (in modo che successivamente può apporre la data del licenziamento), con il quale può tenere sotto minaccia permanente quest’ ultimo intimandolo ad accettare qualsiasi cosa, pena la simulazione di volontarie dimissioni da parte del dipendente.

 

Jedaneves

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Regione Sicilia:medico e infermieri devono essere reperibili 7 giorni su sette è legge.

                    Il 7 luglio è entrato in vigore il provvedimento che chiede a tutte le Regioni di dotarsi di un'organizzazione “territoriale” ...

Continua a leggere

Ripristinate funzioni vitali di alcuni maiali a un’ora dalla morte:lo studio pubblicato sulla rivista Nature

            Gli scienziati sono riusciti a riattivare in modo parziale alcune attività di cuore, cervello, reni e fegato degli animali. Merito ...

Continua a leggere

Casellati:“Infermieri vanno tutelati” e incontra la Mangiacavalli.

              La presidente del Senato ha ricevuto la presidente Fnopi e ha affermato che farà il possibile per aiutare la professione. “A ...

Continua a leggere

Al Senato al Ddl Concorrenza: cambia la selezione dei primari ospedalieri.

Al Senato al Ddl Concorrenza: cambia la selezione dei primari ospedalieri.

          Dopo il definitivo via libera del Senato, arrivato con 161 voti favorevoli, 21 contrari e 2 astensioni, e al termine di ...

Continua a leggere

Cannizzaro unico centro siciliano nel programma RISP per lo screening del tumore al polmone.

        L’Azienda Ospedaliera Cannizzaro è l’unico centro della Sicilia inserito dal Ministero della Salute nella Rete Italiana Screening Polmonare (RISP). Si ...

Continua a leggere

La Fnopi e il MIGEP SPINGONO per la NASCITA di una nuova figura:”l’aiuto infermiere “. Ma allora chiamiamola con il suo vero nome “AIUTO OSS”.

La Fnopi e il MIGEP SPINGONO per la NASCITA di una nuova figura:l'aiuto infermiere . Ma allora chiamiamola con il suo vero nome AIUTO OSS.

                "L’aiuto infermiere" che propongono LA FNOPI E IL MIGEP dovrebbe essere una figura intermedia tra un oss e un infermiere GENERICO. Purtroppo ...

Continua a leggere

Ecco la proposta:Lausiliario aiuto infermiere la contraffazione e il passato che ritorna.

            Qualcuno sta spingendo per la nascita di una nuova figura "l'aiuto infermiere".😂😂 Vediamo Di cosa si tratta e la sua eventuale ...

Continua a leggere

CISL FP SULLE BOLLE COVID NEGLI OSPEDALI: “MAGGIORE PERICOLO DI CONTAGIO E NESSUNA RISORSA IN PIÙ”

CISL FP SULLE BOLLE COVID NEGLI OSPEDALI: MAGGIORE PERICOLO DI CONTAGIO E NESSUNA RISORSA IN PIÙ

          Maggiori carichi organizzativi, nessuna nuova risorsa per affrontarli e il rischio di un aumento dei contagi tra i lavoratori: sono ...

Continua a leggere

Taranto, primario muore in corsia per un infarto. I colleghi: Aveva lavorato per 12 ore di fila.

            Giovanni Buccoliero, 61 anni, era primario facente funzioni a Manduria. È morto durante il giro in corsia. Il giorno prima aveva lavorato ...

Continua a leggere

Penitenziario di Sollicciano (Firenze), recluso tenta di stuprare infermiera,Poliziotto la salva.

            Odioso caso di tentato stupro nella casa di reclusione di Sollicciano, nei confronti di un' infermiera in servizio. La professionista ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione