Ambulanze con soli infermieri. Radiato dall’Ordine dei medici di Bologna l’assessore Venturi. Giallo su assenza Pizza alla riunione

La colpa attribuita a Venturi dall’Omceo Bologna è quella di avere proposto la delibera del maggio 2016 con la quale la Giunta consentiva la presenza a bordo del solo personale infermieristico specializzato, senza medici. Una decisione che ha portato ad un duro scontro tra Pizza e Venturi, durato due anni, e culminato ieri notte con la radiazione dell’assessore.

Ma al consiglio che ha deciso per la sanzione massima contro Venturi era assente il presidente Pizza. Pronto il ricorso dell’assessore.

L’assessore alla Salute della Regione Emilia Romagna, Sergio Venturi, è stato radiato ieri notte dall’Ordine dei medici di Bologna. Si alza così ulteriormente il livello dello scontro in Regione sul caso delle ambulanze con a bordo solo infermieri. La decisione è culminata a seguito dell’avvio di un procedimento disciplinare, voluto dal presidente dell’Ordine dei medici di Bologna, Giancarlo Pizza, lo scorso 16 ottobre nei confronti dell’assessore, che è anche medico.

La colpa attribuita a Venturi dall’Omceo Bologna è quella di avere proposto, in qualità di assessore regionale, la delibera del maggio 2016 con la quale la Giunta dava indicazioni alle Aziende sanitarie sulla composizione e sulle competenze del personale sanitario sulle ambulanze. Più in particolare, quella delibera consentiva la presenza a bordo delle ambulanze del solo personale infermieristico specializzato, senza medici. Una decisione, quest’ultima, che ha portato ad un duro scontro tra Pizza e Venturi, durato due anni, e culminato ieri notte con la radiazione dell’assessore.

C’è però un piccolo giallo però su quanto accaduto ieri. Al momento, infatti, non è chiaro il motivo per il quale, alla riunione di ieri sera, decisiva per la sorte del procedimento nei confronti di Venturi, non fosse presente proprio il presidente Pizza, indiscusso protagonista di questa vicenda negli ultimi anni.

L’assessore Venturi è pronto in ogni caso a fare ricorso “per una sentenza dal sapore più politico che professionale” presso il Cceps (Commissione centrale per gli esercenti le professioni sanitarie) a cui era già stato presentato un ricorso preventivo rispetto al procedimento avviato dall’Ordine (la risposta dovrebbe arrivare entro un mese).

Fonte Quotidiano Sanità

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Il demansionamento non si combatte facendosi risarcire la lesione della propria dignità professional [continua]

Stamani davanti al direttore generale Salvatore Giuffrida e la dott. Antonella Di Stefano direttore [continua]

Cassazione lavoro n. 1078 del 09 febbraio 1985:non competono all’infermiere le mansioni igienico-dom [continua]

Una valanga di ricorsi potrebbe piombare sulle Asl e sugli Ospedali. La sentenza n. 7776/2015 Sezion [continua]