FNOPI: “BASTA CON GLI INSULTI SUI SOCIAL!” MA DA QUEL MOMENTO IN POI… È PARTITA UNA BAGARRE SENZA PRECEDENTI.

Sono passate solo poche settimane dallo ‘storico’ appello da parte di chi governa la professione infermieristica: stop alle “condotte inopportune” dei professionisti infermieri negli spazi pubblici, con particolare riferimento ai social network, vere e proprie fogne professionali a cielo aperto. Basta! Stop! Fine! Pena un provvedimento disciplinare da parte dell’Ordine.

Com’è andata a finire? I professionisti intellettuali infermieri, in preda al terrore di una eventuale e terribile punizione, saranno riusciti finalmente a darsi un contegno?
Macché… Gli insulti e il fango sulla professione infermieristica sono continuati indisturbati. Anzi, giusto per sottolineare il peso, la forza e la credibilità che la FNOPI ha oggi nelle menti infermieristiche, i toni si sono addirittura inaspriti, senza alcun ritegno. Tutto è partito dall’uscita infelicissima della dott.ssa Sasso, che ha dato dei “deficienti” a coloro i quali si battono contro il demansionamento. Ha prontamente risposto L’AADI, che ha dato dei “testa di c….” a quanti disconoscono il demansionamento. Poi è arrivata la questione “scopa”, con la dott.ssa Soffriti che, tanto per imprimere ancora meglio nelle teste dei cittadini e degli addetti ai lavori la credibilità della professione infermieristica, si è espressa affermando che passare la scopa in giro per il reparto non si configura come demansionamento. Ovviamente, in seguito a tutto questo, gli insulti tra professionisti e le castronerie (lesive per il decoro professionale) nei commenti social si sono moltiplicati, nel silenzio pressoché totale da parte di Ordini e Federazione. Sara mica il caso di intervenire? Di dare un segnale? Non dico forte, ma… Almeno coerente? Perché sembra proprio che gli infermieri, partendo dai luminari che li rappresentano, proprio non riescano a perdere l’occasione di ridicolizzare sé stessi e l’infermieristica di fronte alle altre professioni (quelle vere) e ai cittadini. Mantenendo così impalpabile e lontano anni luce il miraggio di un qualsivoglia riconoscimento economico/sociale.

#alessiobiondino #infermieri

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Infermieri demansionati per iscritto da Rosa Girasella, direttore medico di struttura complessa. La [continua]

“legge Gelli” È arrivato con molti mesi di ritardo ma il tassello è decisivo: il ministero della Sal [continua]

L’informazione relativa ai dati di salute del paziente e a suoi familiari è tradizionalmente e stori [continua]

Gravi criticità nell’ospedale Sacco di Milano. Personale insufficiente in Pronto Soccorso, infermier [continua]

Ricoperta da formiche, la protesta degli infermieri: “Caso segnalato tre volte” Sit-in dei sindacati [continua]