condannata una struttura ospedaliera a risarcire 10mila euro a un paziente per un’infezione contratta durante la degenza

Le infezioni ospedaliere, ancora oggi, rappresentano un problema grave che affligge il nostro sistema sanitario; nonostante il progresso della scienza e l’aumentare delle conoscenze, la loro frequenza è infatti tutt’altro che in declino.

La questione è stata di recente oggetto di una sentenza del Tribunale di Roma, che, in persona del giudice Dott. Massimo Moriconi, ha condannato un’azienda ospedaliera a risarcire un paziente di quasi 10mila euro per aver questi contratto, a causa e durante un ricovero, un’infezione che lo aveva costretto a sottoporsi a ulteriori interventi chirurgici.

La pronuncia alla quale ci si riferisce è quella emessa e pubblicata lo scorso 27 settembre 2018 qui sotto allegata.

Portata del problema
Nell’affrontare la problematica, il Tribunale di Roma, riportando e valorizzando le conclusioni del consulente infettivologo, ne ha messo ampiamente in risalto la portata, evidenziando che le infezioni ospedaliere, oltre a essere una contraddizione, rappresentano un problema reale della sanità pubblica, che comporta un peso economico per i cittadini e un fallimento dell’assistenza.

Lungi dall’essere un fenomeno in declino, le complicanze infettive sono sempre più numerose e la loro frequenza è correlata con l’aumento delle giornate di degenza.

Inutilità delle linee-guida
Dinanzi a tale situazioni, i protocolli e le linee-guida elaborati dai Comitati per le Infezioni Ospedaliere risultano del tutto inutili. Manca, infatti, un controllo quotidiano della loro effettiva applicazione pratica, che sarebbe invece doveroso.

Onere della prova
Dal punto di vista più strettamente processuale, la sentenza del Tribunale di Roma ha rilevato che, una volta che sia stato accertato in giudizio che il paziente ha contratto un’infezione nosocomiale, in virtù dei principi che regolano l’onere della prova in materia contrattuale è la struttura ospedaliera che deve dimostrare di aver adottato tutte le misure utili e necessarie per una corretta sanificazione ambientale.

Più precisamente, occorre che la struttura dimostri che il contagio non sia una complicanza prevedibile ed evitabile della prestazione resa al paziente.

In assenza di tale prova e mancando qualsivoglia utile contributo da parte dei consulenti tecnici di parte, deve ritenersi che il nosocomio non abbia predisposto e adottato adeguate misure di sanificazione, con accoglimento delle pretese risarcitorie del paziente che, eventualmente, lo abbia tratto in giudizio (come avvenuto nel caso di specie).

Tribunale di Roma testo sentenza 27 settembre 2018

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

FP CGIL CISL FP UIL FPL hanno ottenuto una fondamentale vittoria.

👉 CGIL CISL UIL sfondano in Toscana. Ai professionisti della sanità un riconoscimento straordinario 🏅. 🏥 Anche in Puglia la Regione ...

Continua a leggere

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Pertanto chiediamo alla federazione degli ordini degli infermieri di intervenire prontamente, con formale querela e relativa richiesta di un cospicuo ...

Continua a leggere

COVID 19,la proposta di Matteo Salvini:Nessuna responsabilità per il datore di lavoro se i sanitari lavorano senza DPI

Al Senato la proposta di Salvini: Nessuna responsabilità per le aziende ospedaliere che non hanno fornito i dispositivi individuali di protezione. Primo ...

Continua a leggere

Operatori Sanitari e Assicurazioni.La CISL FP e Il suo coordinamento professioni sanitarie tutela i suoi iscritti.

La Legge Gelli-Bianco 24/2017 ha ribadito l’obbligo dell’assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale Medica estendendo questo obbligo a tutti gli ...

Continua a leggere

Covid 19:viaggia nell'aria fino a 2 mt e si trasmette con il respiro.

Il Covid 19 si muove e nell'aria con il respiro. Il virus SarsCov2 è stato riscontrato in campioni d'aria raccolti ...

Continua a leggere

Covid 19:Test sierologici ancora non affidabili

La posizione dell'associazione microbiologi clinici (Amcli), che in un documento lancia l'allarme I TEST sierologici, in grado di individuare se c'è ...

Continua a leggere

MEDICI E INFERMIERI APPLAUDONO GLI ADDETTI ALLE PULIZIE.

Non potremmo mai essere grati abbastanza a medici, infermieri e personale ausiliario specializzato di supporto ai reparti per il loro ...

Continua a leggere

Coronavirus:Mascherina chirurgica e FFP2, prestazioni a confronto e letteratura scientifica.

Quali sono i DPI adeguati a proteggere in maniera efficace l’Operatore Sanitario? Basta la mascherina chirurgica, o invece è necessario ...

Continua a leggere

Covid 19:il ruolo che gioca la vitamina D nella prevenzione delle polmoniti virali.

Uno studio dell'Università di Torino evidenzia il ruolo attivo del Calcitriolo nella prevenzione e nella migliore risposta a virus che ...

Continua a leggere

Coronavirus. Petriccioli (Cisl Fp), nostri colleghi testimonianza del valore dei servizi pubblici. Controllo su DPI e tamponi in tutta Italia

La Cisl Funzione Pubblica sostiene la campagna nazionale #IoRestoAcasa per combattere la diffusione del coronavirus. Lo fa tramite la pubblicazione, ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione