Le coliti croniche vanno di pari passo con l’infiammazione delle gengive.

Spesso chi è affetto da malattie infiammatorie croniche intestinali ( colite ulcerosa o il morbo di Crohn )  hanno  un maggior rischio di parodontite.

Una revisione di studi pubblicata sul Journal of Clinical Periodontology, che punta l’attenzione sull’associazione tra salute del microbioma orale e di quello intestinale , dimostra che le  malattie infiammatorie croniche dell’intestino colpiscono una persona su 200 nei Paesi sviluppati e producono sintomi debilitanti che rappresentano un costo considerevole per i sistemi sanitari.

Per capire se anche queste, così come verificato per il diabete, l’obesità e l’artrite reumatoide, possano avere un collegamento con la salute orale, i ricercatori, dell’Università di Bonn hanno individuato nove studi clinici relativi a un totale di 1.297 pazienti.

I risultati  dimostrano un rischio di malattia parodontale e di carie assai più elevato per i pazienti con malattie infiammatorie croniche dell’intestino rispetto alla popolazione generale, soprattutto per i pazienti affetti da colite ulcerosa.

“Tali evidenze aprono un’importante finestra nell’analisi del rapporto fra la parodontite e le patologie sistemiche”, chiarisce Francesco Cairo, responsabile dell’Unità di Ricerca Clinica in Parodontologia dell’Università di Firenze e tesoriere della Società Italiana di Parodontologia (SIdP). In particolare, “la parodontite e le malattie croniche intestinali condividono alcuni simili fattori di rischio come l’età e la predisposizione genetica, ma anche fattori ambientali e legati agli stili di vita, come il consumo di alcol e il fumo.

Entrambe le patologie sono multifattoriali e si associano ad uno squilibrio batterico con una forte risposta con una forte risposta infiammatoria.

Quindi i  pazienti con coliti croniche dovrebbero avere qualche attenzione in più per la salute delle loro gengive.

Di: Amato Angelo

 

The following two tabs change content below.
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE UIL FPL.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

I provvedimenti per il direttore della struttura di Montebello della Battaglia e per un operatore so [continua]

Infermieri demansionati per iscritto da Rosa Girasella, direttore medico di struttura complessa. La [continua]

“legge Gelli” È arrivato con molti mesi di ritardo ma il tassello è decisivo: il ministero della Sal [continua]

L’informazione relativa ai dati di salute del paziente e a suoi familiari è tradizionalmente e stori [continua]

Gravi criticità nell’ospedale Sacco di Milano. Personale insufficiente in Pronto Soccorso, infermier [continua]