P
Già nel 1985 la Cassazione con sentenza n.1078 del 09/02, chiari’ che non compete all’infermiere Professionale, oggi laureato, ma al personale subalterno ( infermieri generici, ausiliari specializzati,ota,oss ) le mansioni igieniche alberghiere
e precisamente: le cure igieniche, riassettare il letto e cambiare la biancheria; smaltire le sacche di urina; sostituire i pannoloni,rispondere ai campanelli

di richiesta domestica e alberghiera; soddisfare richieste che attengono alle necessità quotidiane dei pazienti; alzare e abbassare le tapparelle; aprire e chiudere le finestre; alzare e abbassare lo schienale del letto; aprire una bottiglia; riempire un bicchiere d’acqua; porgere il telefonino, gli occhiali, la dentiera, una bottiglietta, ecc.; accendere e spegnere la televisione; prendere le lenzuola; chiudere la porta; chiamare un parente al telefono; prendere dall’armadio vestiti, scarpe, calzini; vestire e movimentare il paziente alzandolo di peso nel letto; sollevare il paziente dal letto/carrozzina/comoda e viceversa il più delle volte da solo per accompagnarlo al bagno; usare le padelle e i pappagalli, svuotarli e pulirli; pulire le bacinelle ed ogni presidio usato dal dal paziente; imboccare i pazienti non autosufficienti; vestire il paziente; barellamento dei pazienti a mezzo di carrozzina, barella e letto per il trasportarli verso altri servizi; preparare, lavare ed asciugare il materiale da sterilizzare; pulire, controllare e rifornire i carrelli e gli armadi di servizio; smaltire il materiale sporco usato per l’assistenza; spostare tra le stanze materassi, letti interi e comodini.”

Lo conferma il tribunale del lavoro di Caltanissetta Con sentenza n n.52/ 02/2016
passata In giudicato nel 2019.

In Italia la Corte Suprema di Cassazione è al vertice della giurisdizione ordinaria; tra le principali funzioni che le sono attribuite dalla legge fondamentale sull’ordinamento giudiziario del 30 gennaio 1941 n. 12 (art. 65) vi è quella di assicurare “l’esatta osservanza e l’uniforme interpretazione della legge,

” Una delle caratteristiche fondamentali della sua missione essenzialmente nomofilattica ed unificatrice, finalizzata ad assicurare la certezza nell’interpretazione della legge.
Non giudica sul fatto ma sul diritto: è giudice di legittimità. Può solo verificare che sia stata applicata correttamente la legge e che il processo nei gradi precedenti si sia svolto secondo le regole (vale a dire che sia stata correttamente applicata la legge processuale, anche in relazione alla formazione e valutazione della prova, oltre che quella del merito della causa).
I pazienti hanno diritto ad un’assistenza dignitosa, visto le tasse che pagano..

le circolari aziendali non possono cambiare le leggi dello stato.

LA “GERARCHIA” Delle FONTI

I livelli della normativa
La legislazione nazionale è ordinata secondo una precisa gerarchia:

1) NORME DI PRIMO LIVELLO
1. Legge

2. D.P.R. – Decreto del Presidente della Repubblica.

3. D.Lgs. – Decreto Legislativo

4. D.L. – Decreto Legge (emanato dal Governo -temporaneo: decade dopo 60 gg se non convertito in
Legge – emanato solo per questioni a carattere di urgenza)

2) NORME DI SECONDO LIVELLO

1. D.M. – Decreto Ministeriale (Emanato dai Vari Ministeri)

2. D.P.C.M. – Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

3. D.C.I. – Delibera Comitato Interministeriale

3) NORME DI TERZO LIVELLO
1. Circolari
2. Interpretazioni
3. Ordinanze

La Costituzione detta le regole ed i principi fondamentali sui quali si basa la nostra Repubblica, e cioè quei
principi che devono reggere i rapporti fra cittadini e fra cittadini e lo Stato, nonché i rapporti politici ed
economici.
Alla Costituzione devono conformarsi tutte le altre norme previste dalle fonti di grado inferiore; se queste
ultime risultano in contrasto, vengono dichiarate illegittime dalla Corte Costituzionale ed eliminate
dall’ordinamento giuridico.
Il raccordo/coordinamento di leggi promulgate in tempi diversi è strutturato con le seguenti regole
fondamentali:
• una norma successiva di grado inferiore non può modificare una norma precedente di grado
superiore;
• tra norme di pari efficacia quelle successive abrogano ed integrano quelle precedenti.

a prassi per cui gli infermieri svolgono mansioni igienico-domestico-alberghiere è una prassi non lecita perchè confligge con la legge che assegna quelle mansioni al personale ausiliario.

Seguiteci su NurseNews.eu

NurseNews.eu

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

  Lo ha ribadito una sentenza della Cassazione Pubblicato 09/03/2017 Le norme presenti in un codice [continua]

Genova. Sono state necessarie circa 26 ore di volo di uno dei Falcon 900 dell’Aeronautica Militare d [continua]

la prescrizione medica di farmaci è un atto professionale attraverso il quale un medico indica all’i [continua]

Lo prevedono i regolamenti interni che stabiliscono la tipologia di attrezzature, presidi e farmaci [continua]

Per Per la Suprema Corte di cassazione la soppressione del posto di lavoro giustifica il licenziamen [continua]