Il medico non può essere il supervisore dell’infermiere: le attività sono distinte ed autonome.

È vero che non facciamo diagnosi clinica, non ci compete, ma giornalmente formuliamo diagnosi infermieristiche basandoci su segni e sintomi, (valutiamo lo stato di salute del paziente.). É vero che non stabiliamo percorsi terapeutici, non ci compete, ma pianifichiamo dettagliatamente i percorsi di cura assistenziali stabilendo con attenzione le PRIORITA’ di cui siamo responsabili, avvalendoci … Leggi tutto Il medico non può essere il supervisore dell’infermiere: le attività sono distinte ed autonome.