“Abbiamo scelto il mese di maggio, perché giornata di visibilità della professione in un convegno al Senato. Maggio data di nascita della Florence Nightingale simbolo dell’assistenza alla persona e fondatrice delle scienze infermieristiche
In occasione del 7° anno “Giornata nazionale dell’operatore socio sanitario”, la Federazione Migep invia i migliori auguri a tutti gli oss che esercitano la professione sempre vicini alle persone che cercano risposte al loro problema di salute; i migliori auguri a tutti gli studenti che intraprendono questa professione.


Ora bisogna misurarsi con le nuove sfide di profonda evoluzione se vogliamo uscire da un sistema di emarginazione, dove i diritti non sono considerati.
Dobbiamo trovare nuove strategie, e ridare la speranza di un nuovo futuro professionale a molti studenti. Bisogna dare una speranza a tutti quegli OSS che lavorano nel privato, nelle RSA – RA e sono sottopagati con zero diritti e molti doveri. Bisogna dare fiducia a tutti i colleghi oss che lavorano nel pubblico affinché ritrovino il coraggio di costruire una consapevolezza della propria professione; per gli oss precari bisogna dare voce affinché la legge trovi anche per loro una stabilità lavorativa. Dobbiamo trovare una legalità per chi lavora in libera professione.
La Sanità Italiana ha avviato un processo di trasformazione riconoscendo solo ad alcune figure assistenziali il ruolo di assistenza, mentre le altre professioni sono ignorate.
Questa è la sfida dell’operatore socio sanitario, poiché l’impegno richiesto come protagonista nell’assistenza riveste sempre di più un ruolo di primo attore affianco ad altre figure come (inf. generici, puericultrici) che sono ignorate da tutti.
L’oss deve dimostrare di essere decisivo, e all’altezza per il ruolo che ricopre, e per realizzare ciò, deve riorganizzarsi in una Federazione Nazionale Migep oss, e attraverso il sindacato di categoria oss SHC per non essere de professionalizzato per altri 20 anni.
I cittadini hanno bisogno di sicurezza e di qualità nell’ambito della’assistenza, siamo in tanti, dovremo essere di più per salvaguardare la qualità della professione.
Facciamo nostra la sfida per offrire un enorme contributo su tutti i contratti nazionali e sul contratto del 2019 portando un oss al tavolo di contrattazione “ARAN” per integrare l’area socio sanitaria e passaggio di fascia.
Facciamo nostra la sfida prevedendo un adeguato apprezzamento anche economico del personale appartenente alla professione oss diventando il 23° profilo professionale, costruire un albo.
Bisogna rielaborare proposte per l’individuazione delle nuove competenze degli oss, lavoro usurante, albo, la formazione, corsi di aggiornamento. L’oss di certo ci mette la faccia, la schiena, le braccia, le mani, in ogni luogo di lavoro, l’oss è l’inizio di un sistema di assistenza di base, quindi una figura assistenziale importante.
E’ certamente una sfida e un impegno notevole, oggi riteniamo che si debba far rispettare la professione anche in un’èquipe.
Noi oss ci impegneremo a fare la nostra parte per garantire un’assistenza di qualità, cercando di essere uniti, … ecco perché è importante il 29 maggio la giornata dell’oss….

Segreteria migep Minghetti Angelo.

La domanda sorge spontanea ma che ci azzecca l’oss con la Florence Nightingale?

 

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Secondo questo ragionamento, la dignità del paziente, che io considero sacrosanta, vale di più di qu [continua]

      In italia sono circa 114 mila le persone con sclerosi multipla, una delle malattie più gravi d [continua]

Sono un infermiere e lavoro come libero professionista, attraverso uno studio, in una casa di riposo [continua]